Parcheggio sotto il castello pronto a fine 2013. Sei mesi prima sarà attivo l’ascensore

0

(da.bac.) Il parcheggio sotto il Castello sarà pronto per fine 2013. Sei mesi prima sarà invece già disponibile l’ascensore per salire al castello che avrà il suo “atrio” di ingresso proprio all’interno della nuova struttura per la sosta cittadina. Questa mattina il progetto è stato presentato nel “parlamentino” della Camera di Commercio di Brescia dai tecnici di via Ingegneria, la società romana che ha vinto il bando di progettazione lanciato un annetto fa da Brescia Mobilità. Come si sa, sarà un parcheggio tradizionale, e non robotizzato come si ipotizzava all’inizio.

 

IL PROGETTO

Il progetto è stato illustrato dall’architetto spagnolo Felipe Lozano. La struttura verrà ricavata scavando una caverna di 90mila metri cubi parallela alla galleria Tito Speri, all’interno del colle Cidneo. Sarà lunga 220 metri, larga 16 e profonda 25. Al suo interno verranno realizzati sei piani, cinque per la sosta a rotazione, uno riservato ai box per i residenti, per un totale di circa 600 posti auto. L’aspetto sarà simile a quello di Fossa Bagni, con due rampe elicoidali per l’ingresso e l’uscita. L’accesso avverrà dall’interno della Tito Speri, sfruttando due cunicoli già esistenti, perpendicolari alla galleria, che sfociano in contrada Santa Chiara: quello più a nord verrà sfruttato per creare l’ingresso, mentre a sud verrà sistemata l’uscita dal parcheggio. Sul lato opposto verrà invece creato un percorso ciclopedonale protetto. All’interno del parcheggio verranno utilizzati materiali chiari e tutti gli spazi saranno illuminati a dovere per evitare l’effetto “claustrofobia”.

Ma quello presentato oggi non sarà un semplice parcheggio. “La struttura è chiamata a rafforzare il collegamento tra gli spazi pubblici della città e a facilitare l’accesso al Castello” ha spiegato Lozano. Fiore all’occhiello della nuova opera saranno infatti l’ascensore che porterà sulla cima del Cidneo e gli ingressi pedonali, due su contrada Santa Chiara – sfruttando i segmenti ovest dei cunicoli – e uno su via Mazzini, nella nicchia che sta subito a sud della Tito Speri. Così chi vorrà dal centro salire in castello lo potrà fare usando l’ascensore. Sbucherà al termine del vialetto dove oggi c’è il chiosco, prima dell’ingresso monumentale alla fortezza. Lì verrà realizzato un piccolo padiglione, con una fontana, in modo da creare una sorta di “piazzetta belvedere”. Altro elemento caratterizzante sarà l’atrio in cui confluiranno tutti gli accessi. Qui chi entrerà si troverà in un grande spazio, con due rampe di scale ai lati, in modo da richiamare le geometrie del Duomo Vecchio cittadino.

 

 

I LAVORI

Dal punto di vista tecnico, una delle criticità era quella di non creare problemi nel realizzare una nuova e più grande cavità vicino (la distanza sarà di 17 metri) alla Tito Speri. Tutti gli studi hanno però dato risultati rassicuranti. Inoltre durante la fase dei cantieri la galleria (ma anche il castello e tutti gli edifici nelle vicinanze) verranno monitorati e tenuti sotto osservazione. Altro fatto importante: il cantiere occuperà la porzione ovest della Tito Speri  ma la galleria resterà sempre aperta con il doppio senso marcia. Per minimizzare ancor di più i disagi, la terra degli scavi notturni verrà portata via solo la mattina successiva per non disturbare con un rumoroso via via di camion.

 

TEMPI E COSTI

A settembre dovrebbe essere presentato il progetto esecutivo. Poi vi sarà la fase degli appalti e, come anticipato da bsnews.it, per l’inizio del 2012 i lavori dovrebbero partire. La durata sarà di circa 24 mesi, anche se molto dipenderà – come sempre in questi casi – da eventuali incognite. L’obiettivo è quello di aprire il parcheggio a fine 2013, inizio 2014. Ma sei-nove mesi prima i bresciani potrebbero poter già salire al Castello in ascensore. Infine i costi: l’operazione costerà 22-23 milioni di euro, una decina in meno rispetto all’ipotesi iniziale (che prevedeva un parcheggio meccanizzato). Secondo i calcoli di Brescia Mobilità, immaginando un fatturato pari al 70% di quello attuale di piazza Vittoria, l’opera dovrebbe ripagarsi nel giro di 25 anni.

 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Si. Le chiacchiere. Non è ancora finito il parcheggio della fossa di piazza Arnaldo, iniziato "per colpa di Corsini"…

  2. Se (e sottolineo se…) c’e’ una cosa nella quale Bresssia nostra era ed e’ esempio in tutta Europa (ma de bu’) era la situazione – ottima – dei parcheggi gia’ esistenti. Questa roba, che alla fine costera’ il doppio di quello che dicono, e’ un monumento alla inutilita’ e un insulto alla miseria di questi anni. Una roba che restera’ sempre mezza vuota, a andar bene. Una domanda (si, d’accordo, provocatoria…!) all’utente "Padanus": di dove e’ poi la societa’ che ha vinto l’appalto? Ma ho letto bene?

  3. l’addizionale irpef equivale a 6 mlm all’anno, ci hanno detto che i soldi non ci sono. il parcheggio costerà 23 mln (diventeranno molti di più) per quello i soldi ci sono (con l’addizionale, ti credo). inoltre il parcheggio sottrarrà viaggiatori alla metrò. falsi e incapaci.

  4. ho già segnato la data del 31 dicembre 2013, per posteggiare i mie modellini di auto nel futuro plastico del posteggio sotto il castello

  5. Gli errori di progettazione non hanno colore politico. Errori enormi per il posteggio di Piazza Arnaldo, che costerà almeno il 30% in più del contratto (consolidamento edificio adiacente, diaframmi di contenimento, monitoraggi, ecc… ecc..).
    Sottovalutazione dei costi per quello del castello.
    Amen

  6. Chi ha un minimo di esperienza del settore, sa bene che gli imprevisti sono sempre possibili (soprattutto se – per "risparmiare" – si tende a comprimere la fase iniziale delle indagini). Contenere nel 30% l’aumento di un’opera come quella, sarebbe un risultato eccezionale!

  7. Nel filmato di "come sarà il nuovo parcheggio", non si vedono più le ciclabili che attraversano la galleria. Mi toccherà mettere da parte la pettorina catarifrangente che mi hanno fatto comperare per passare in bici dalla galleria?

  8. Chi ci governa sia in ambito locale che nazionale è una cricca di incompetenti, affaristi,piazzisti fiera di paese ecc. Questo è un un progetto demenziale che ricadrà in termini economici ( più tasse,addizionali IRPEF, bollo sui conti depositi anche della vecchietta e vai così) sulle spalle dei più sprovveduti e più poveri che li hanno votati. Questi la patrimoniale ve l’hanno già piazzata in quel posto

  9. Ma perchè ciascuno non usa il proprio nome invece di pseudonimi? Perchè ciascuna parte politica non sa resistere ad un po’ di sana demagogia.
    Comunque il progetto è utile e importatne e mi stupisce che la sinistra si dimostri ancora così conservatrice, dopo che Corsini con le sue trovate ha praticamente svuotato e ucciso il centro storico. Almeno in questi anni c’è movimento, vitalità, la gente torna a vivere la città. Io ho fiducia in questa idea. E non mi sembra neppure così fuori mercato. Direi piuttosto basta ai no a prescindere, al no di militanza.

  10. Mi sono informato la ciclabile ci sarà, attraverserà la galleria Tito Speri dal lato opposto all’ingresso del parcheggio. Riprendi pure la tua pettorina, tu, anonimo utente registrato.

  11. Cara Thelma capisco l’invidia per un buon progetto e il rammarico per le buone cose fatte da questa giunta. Capisco che bruci aver governato per 20 anni e non essere stati rimpianti neppure per un secondo, ma i bresciani non sono sciocchi e sanno vedere le buone cose fatte. E quest’opera sarà apprezzatissima, mi spiace per te. Andrà così.

  12. Be’, sul "non essere rimpianti" potrebbe parlare per sè e lasciare che ciascuno possa esprimere i rimpianti che crede. Non le Pare?

  13. Invidia? Voglio vedere chi ci sarà col caschetto giallo a tagliare il nastro del nuovo parcheggio della fossa di Piazza Arnaldo…

  14. Ma ridicolus e quelli che c’erano priama di questi? hanno concretamente tarpato le ali a questa città. Pensa al disastro ASM, alle strutture sportive carenti, Brescia ha in tutto 2 piscine (neanche il Caneva ne ha così poche), al centro svuotato e inutilizzato alle potenzialità che per vent’anni sono state gettate al vento. Ma davvero ti viene ancora da ridere?

  15. per fortuna arrivano i progetti rivoluzionari per la città: wifi gratuita, pedonalizzazione e parcheggio sotto il castello. era ora!! Corsini in 10 anni aveva pensato solo a regalare soldi agli zingari. era ora che si valorizzasse il centro storico, per i bresciani!! Complimenti a Paroli e Rolfi.

  16. x utente non registrato: rimetti pure la pettorina, la pista ciclabile ci sarà. c’è anche scritto nel pezzo: "Sul lato opposto verrà invece creato un percorso ciclopedonale protetto". Ora c’è solo una striscia gialla sull’asfalto (chiamarla ciclabile mi pare troppo), con il parcheggio sarà protetta…insomma non diamo giudizi ideologico o per partito preso!

  17. Utile questo progetto, a chi? I parcheggi che attualmente ci sono attorno al centro storico sono sotto utilizzati per i1 30% giornaliero. Aver voluto un parcheggio sotto il colle Cidneo è una catastrofe di spese che ricadranno, come la metropolitana, sulle tasche dei bresciani. Chiunque, un po’ assennato, può capire come questo progetto sia una vera e propria cattedrale nel deserto utile solo per investire i soldi pubblici per indirizzarli nei soliti centri di potere che tutti ormai ben conosciamo, comprese le "correlazioni" che da sempre seguono questi movimenti di denaro. Non serve a nessuno, tanto meno alla città che è sotto costante freno per le manovre economiche imposte dal Governo. Abbiamo da pochi mesi assistito ad un mare di tagli di investimenti a Brescia nel sociale per colpa, ci dicono, della crisi ed oggi dobbiamo assistere ad uno sperpero di denaro pubblico, per compiacere i commercianti del centro storico che da sempre piangono con le mani nelle nostre tasche. Hanno da pochi mesi introdotto l’aumento del 20% del costo dell’autobus e da poco approvata l’addizionale Irpef da far pagare indistintamente a tutti i cittadini bresciani, ricchi e poveri che siano, che, questa spesa per un nuovo parcheggio, da lasciare deserto come tutti gli altri, non può che non essere un vero e proprio insulto alla ragionevolezza, oltre che ad un grande porcata.

  18. Per rilanciare il commercio ed i "palazzinari da sottosuolo" le stanno provando tutte. Hanno riaperto il traffico veicolare nel centro storico, con tutte le conseguenze pericolose per la nostra salute e per la tutela del patrimonio monumentale, per poi venderci la bufala di una pseudo pedonalizzazione. Perchè, invece, di perorare questi progetti dissennati le associazioni di categoria del commercio non avviano una class action per far ridurre i costi degli affitti dei negozi che, insieme agli esosi prezzi dei prodotti offerti in vendita, stanno alla base della crisi del settore? Vogliamo finalmente lasciar riposare la città ed i suoi cittadini dal costruire opere inutili e dispendiose? Molti anni fa Dino Risi fu il regista di un bellissimo film che fece storia in Italia e gli diede come titolo: "Le mani sulla città". A Brescia ne potrebbero girare un altro, molto simile dal titolo: "Le mani sotto la città".

  19. il bello che i sinistri credono ancora di essere puri………….due nomi a caso,tedesco e morichini,vi dicono niente?

  20. un plauso al sindaco e alla giunta. al di là del colore politico bisogna riconoscere un progetto importante per la città

  21. cosi a memoria,tedesco era un ex assessore della giunta vendola,salvato dalla galera grazie alla promozione a senatore,alla cui richiesta di arresto han votato contro tutti i partiti del centrosx e terzo polo,morichini compagno di scorribande in barca a vela di d’alema………..devo aggiungere ancora qualche nome?

  22. Sig. Mikele dopo la premessa che sono tutti innocenti fino a prova contraria, le agevolo il compito: ha dimenticato Oliverio che faceva parte della giunta provinviale Penati a Milano. Ma le consiglio di non proseguire oltre nella sua diatriba su chi è corrotto più e chi è corrotto meno. Se c’è una specialità dove il Centrosinistra fa fatica a competere con il Centrodestra (soprattutto pdl) è proprio nel numero degli amministratori indagati. Tralascio i casi nazionali dove il ritmo è di uno al giorno (buon ultimo lo stretto collaboratore di Tremonti).. vede, collaboro con un’azienda che lavora con amministrazioni pubbliche e sono al corrente dell’aria che tira soprattutto nelle realtà medie e piccole. Si fidi, non c’è partita. Si figuri che nella rossa Emilia il Centrodestra amministra pochissimi enti ma si da ben da fare: vogliamo parlare della situazione grottesca che sta vivendo la giunta "assediata" del comune di Parma? Oppure spostiamoci in Piemonte per chiedere a Cota informazioni sulla sua ex assessora alla Sanità… Potrei continuare fino a notte fonda ma la cosa non è di grande interesse per me, immagino per gli altri…

  23. beh socmel.. potrebbe citare quello che è successo al centro sinistra in Puglia, in Abruzzo, al collaboratore di Bersani, agli amici di D’Alema… forse la sua azienda non collabora con questi personaggi???

    RI DI CO LO

  24. ottimo progetto. la città cambia dopo esser stata ferma 10 anni per colpa di Corsini che pensava solo a dare i soldi e i permessi ai clandestini

  25. Ferma òa giunta Corsini? Ci ha riempito la città di parcheggli, rotonde, musei e metropolitana, intanto che il non registrato era in ferie per dieci anni.

  26. Conosco la situazione più di quanto immagina, piccolo avvocato non registrato delle cause perse. Ho citato un nome del centrosinistra, come mai lei non ci parla delle mele marce della sua parte politica? Forse perchè non basterebbero ore? Ma vediamo cosa suggerisce la giornata… ah, ecco, il ministro dell’agricoltura Romano… La legalità e l’onestà sono virtù che vanno praticate e non predicate: il centrosinistra non è pieno di santi così come il centodestra non è pieno di malfattori ma, mi creda, non c’è partita. Sara questione di dna o di cattivi esempi…

  27. Peccato che abbiano rilanciato il centro quando ormai in centro non c’è rimasto piu niente da vedere.

    25 ani per ripagare un parcheggio di cui non si sente il bisogno,l’ascensore che prota in castello,ma a che serve che in castello ormai non ci vanno più nemmeno i drogati!

  28. Ma se: "Parcheggiare in città? Oggi è un gioco da ragazzi.
    + di 10.000 posti auto e nuove tariffe scontate… per tutti!"
    bresciamobilita.it/2010/10/parcheggi-di-brescia/
    a che serve un nuovo parcheggio?

  29. francamente non ne vedo l’utilità, anche perchè c’è il parcheggio fossa bagni sempre vuoto,prima riempiamo quello,quando sarà pieno pensaiamo a costruirne un altro.

  30. grazie a questa fantastica opera pagheremo lo 0,2% e poi lo 0,4% di addizionale…. perché non introduciamo la responsabilità dei politici?

LEAVE A REPLY