Dal 22 luglio Corso Mameli sarà pedonalizzato

    0

     

    Il cammino verso la pedonalizzazione del centro storico sta muovendo i primi passi e – come anticipato da bsnews.it – il prossimo 22 luglio Corso Mameli diventerà a tutti gli effetti area pedonale. n questi ultimi giorni gli uffici tecnici del Comune hanno predisposto gli ultimi interventi operativi quali la rimozione dell’area di cantiere su Corso Mameli, che avverrà venerdì 15 e, a seguire, l’installazione sul corso delle barriere, così come su contrada delle Cossere e via Calzavellia.
     
    Sarà posizionata la segnaletica verticale che indicherà “Area pedonale” e che sarà attivata a partire dal prossimo venerdì 22 luglio ed entro la stessa data sarà posizionata la fioriera mobile su via Bevilacqua e sistemata tutta la segnaletica orizzontale. Obiettivo principale è il recupero e la valorizzazione del centro storico di Brescia, da poco entrato nella cronaca mondiale per essere stato riconosciuto come patrimonio dell’Unesco, a prova di quanta storia, cultura e bellezza ci siano nel cuore della nostra città. Ma per raggiungere quest’obiettivo è stato scelto un percorso graduale, una pedonalizzazione progressiva e in più step affinché i bresciani si possano pian piano abituare così’ come i residenti e le tante attività che operano nel centro. Parallelamente alle prime chiusure, l’Amministrazione ha promosso una serie di benefici per andare in contro ai residenti del centro e agevolazioni per promuovere l’utilizzo dei parcheggi e dei mezzi pubblici. Citiamo omnibus card, presentata con Brescia Mobilità, che offre la possibilità di usufruire dei mezzi pubblici, di Bici Mia e dei parcheggi attraverso un’unica card.

    Al fine di promuovere l’attrattività del centro storico, soprattutto nelle aree pedonali, e parallelamente alla pedonalizzazione, verrà promossa, grazie ad una convenzione con Brescia Mobilità, la gratuità dei parcheggi Fossa Bagni e Vittoria dal venerdì alla domenica dalle ore 19.00 alle 2.00.
     
    In particolare sarà un’occasione di rilancio per Corso Mameli dove per la prima volta le attività commerciali avranno la possibilità di avere i plateatici, con una riduzione del 50 % dei costi per l’occupazione del suolo pubblico per il periodo dal 22 luglio fino al 31 dicembre 2013. L’obiettivo di tutti questi interventi è quello di valorizzare ulteriormente il centro storico e le aree pedonali come luogo di aggregazione, di sviluppo commerciale e di ritrovo per la cittadinanza e per i turisti. Sempre dal 22 luglio, l’Amministrazione Comunale partirà con una campagna di informazione e comunicazione attraverso manifesti, pieghevoli e un sito internet cui seguirà una campagna ad hoc sui media locali. I dettagli saranno illustrati in una conferenza stampa che si terrà a palazzo Loggia la prossima settimana.

    Per accogliere la pedonalizzazione, sabato 16 e domenica 17 luglio in Corso Mameli si festeggerà con animazione per grandi e piccini, musica, balli, buona cucina e happy hour in tutti i locali del Corso.

     

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Attenti a quei due….hanno sempre osteggiato ogni forma di limitazione del traffico, figurarsi la pedonalizzazione che ora considerano solo per puro opportunismo.

    2. Infatti per precisione va ricordato che l inversione e’ partita con l arrivo al traffico di rolfi. E a lui che si deve questo cambiamento. Poi può piacere o no ma questa e’ la verità.

    3. Infatti, anche il decollo del parcheggio sotto il castello, l’addizionale Irpef, l’aumento del 20% del bigliettto dell’autobus, l’idea di allargare la linea della metropolitana e chissà quali altre…..

    4. A Costante: Di quegli imbecilli in bici purtroppo, credo, non ce ne libereremo mai! Non ho mai visto un vigile multare uno di loro: Neanche sotto i portici Zanardelli. Fanno quello che vogliono!!!!!
      A che servono allora i vigili?

    5. Mettiamoci d’accordo; se li mandiamo a rincorrere gli stranieri, poi arrivano col fiato corto dietro le bici che sono più veloci, ma a questo l’acume leghista non c’era ancora arrivato.

    LEAVE A REPLY