Magazzino47, Rolfi rilancia: “Tra poche settimane lo sfratto sarà esecutivo. Il Pd decida da che parte stare”

    44
    Bsnews whatsapp

    Il vicesindaco di Brescia, Fabio Rolfi, interviene in relazione alle dichiarazioni rilasciate alla stampa dal consigliere Claudio Bragaglio sul tema della morosità relativo al centro sociale autogestito Magazzino 47.

    L’immobile comunale di via Industriale 10 – spiega una nota di palazzo Loggia – è stato locato all’Associazione dei Garanti per gli spazi sociali autogestiti con contratto valido dal 01/01/1994 al 31/12/1999. Il canone annuo di locazione era di 6.300.000 lire. La locazione è continuata anche nel periodo 01/01/2000 – 31/12/2005. Nel 2001 è stata ampliata la superficie locata e il canone è stato dunque portato a 16.331.000 lire.

    Nel 2006 lo stesso immobile è stato concesso alla Nuova Associazione dei garanti per gli spazi autogestiti, che chiedeva di poter utilizzare l’immobile in continuità con la precedente gestione. Il canone annuo di concessione è stato stabilito in 11.000 euro per una superficie complessiva di 391 mq nonché area di pertinenza esterna.

    Con successivo provvedimento, la Giunta comunale autorizzava i concessionari dell’immobile alla realizzazione di opere di manutenzione straordinaria fino a un importo complessivo di 30.000 euro, opere che a oggi non sono state realizzate. Tenuto conto che tali opere non sono state realizzate, l’entità della morosità, secondo le informazioni fornite dall’Aler, ammonta a 48.260,88 euro in relazione al periodo gennaio 2007 – dicembre 2010.

    “Non ci sono pertanto motivi politici sullo sfratto – ha dichiarato il vicesindaco di Brescia, Fabio Rolfi  che è già stato decretato dal tribunale e che tra poche settimane sarà esecutivo. Semplicemente abbiamo a che fare con soggetti volontariamente morosi che negli anni scorsi hanno beneficiato di una vicinanza o compiacenza politica da parte di chi governava la città, oggi ulteriormente confermata dalle parole dell’esponente del Pd Bragaglio, non smentite  dal partito, e che noi non intendiamo perpetuare. Si tratta dell’unico caso in tutta la città, di un’organizzazione politica che gode del privilegio di essere un inquilino del Comune di Brescia. Il Magazzino 47 volendo potrà svolgere la propria attività in una locazione privata, come fanno tutte le altre organizzazioni politiche.”

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    44 COMMENTI

    1. cioè questi lazzaroni hanno 50.000€ di arretrati. e i bresciani tirano la cinghia per pagare l’affito o il mutuo. VERGOGNA. via subito questi parassiti!!!!

    2. Rolfi è solo un parvenue della politica, uno che al massimo può ( forse) amministrare il quartiere violino dove abita. Nulla di più.
      Ma a volte gli aspiranti sceriffi finiscono nel ridicolo

    3. perchè i leghisti non sopportano chi la pensa diversamente, semplice. Sono talmente avidi di potere e poltrone che vogliono ridurre al silenzio chi li contesta

    4. Come al solito i leghisti non perdono occasione di parlare a vanvera. Non conoscono il perchè dell’ammontare degli arretrati che già si lanciano come ottusi a testa bassa. Staremo noi a vedere quando arriveranno i primi segni della loro finanziaria che razza di zuccata prenderanno.
      P.S. Rolfi ha poi restituito i soldi del "bancomat" a Paroli?

    5. Se la tesi di Rolfi è vera il magazzino 47 non rispetta le regole. Se così fosse quelli del magazzino sn come Rolfi e c…anche loro nn hanno rispettato le regole quando hanno usato le carte di credito x andare a mangiare e bere.
      Se la regola deve valere, valga x tutti: SE SI SFRATTA IL MAGAZZINO SI SFRATTI ANCHE LA GIUNTA.

    6. "sono stati restituiti" è un refrain molto utilizzato per coprire la "marachella" carte di credito ma sa molto di pezza peggio del buco.. vorrei vedere io se revisori e opposizioni non avessero fatto tana… e poi, caro signore, da amministratori pubblici ci si aspetta molto di meglio di un uso troppo "disinvolto" dei denari pubblici…

    7. parassiti.. andate in un immobile privato. vivete alle spalle dei bresciani. siete in un immobile pubblico e non pagate l’affitto. VIA SUBITO

    8. Così come la storia delle carte di credito è un refrain molto utilizzato da chi non sa cosa dire . Quanto alle opposizioni….si guardi alle spese inutili fatte in precedenza…..solo coperte da furbizia.

    9. Diversamente da magazzino 47 che si sapeve che non aveva versato parte degli affitti perchè in attesa di conoscere quali interventi erano possibili fare all’immobile che, ricordo è posizionato nell’area Caffaro, i nostri bravi Amministratori del Comune, di soppiatto si sono messi ad usare per "affari loro" le carte di credito del Comune senza averne giustificazione per tali motivi. Ne ricordo uno in èparticolare. "Offerti 400 pirli per la campagna per la sicurezza stradale". Questo secondo una parte dei lettori del sito, invece continua a chiamarsi: BENE COMUNE. IPOCRITI!

    10. Ho pochi punti in comune con le idee dei ragazzi del Magazzino, ma guai se non ci fossero. Qualsiasi Governo, anche locale, che non rispetti e che cerchi di soffocare le voci critiche mette le basi per la riduzione delle libertà di tutti. La manovra per soffocare il Magazzino 47, quella per impedire i dibattiti politici della festa del PD, non sono forse figlie dello stesso atteggiamento illiberale?

    11. cinquepalmi non ha ancora imparato a leggere, prima di ciciarare. rolfi non dice che il mag47 non deve esistere. dice che deve andare in un immobile privato, come le altre organizzazioni politiche.

    12. i socialisti che parlano di atteggiamenti illiberali? ma cinquepalmi ha a casa un libro di storia oppure ha solo il sussidiario delle elementari?

    13. ma l’utente che si firma "Lorenzo Cinquepalmi" e posta adesso in difesa del liberalismo e’ lo stesso utente che si firmava "Lorenzo Cinquepalmi Tempomoderno" e che qualche tempo fa andava in brodo di giuggiole lodando quel pacifista e tollerante di Napoleone Bonaparte?

    14. e quali sarebbero le belle idee dei cari ragazzi del magazzino 47 ? …..caos, disordine, anarchia, droga libera ? ……diccelo maestro cinquepalmi

    15. semplicemente una voce diversa, con le sue idee, i pregi, i difetti, gli eccessi. e poi non è che il mondo giovanile di destra offra granchè di altenativo se si considera alternativo bighellonare con la pila del vecio tra eterni aperitivi, festini e cocaparty…

    16. Se così tanti destroni si incazzano, mi convinco di aver colto nel segno. I ragazzi del Magazzino non sono pericolosi infiltrati di una potenza straniera, sono nostri figli. Non ascoltarli, cercare di cancellarli, significa creare un problema, non risolvere un problema che non c’è. Essi rappresentano tensioni sociali che esistono; ignorarle, fare finta che siano solo deviazioni da reprimere, è stupido e pericoloso.

    17. "Son nostri figli"… Esatto dottor Cinquepalmi, son figli vostri: "Dai frutti li riconoscerete"….ovvero, alla bressiana: "Chi ve’ de soc, sent de legn.."

    18. hahahahaha patetico cinquepalmi, dovremmo ascoltare i figli ….il mio mi ascolta i tuoi non lo so, di certo non va in giro coi capelli da rasta a fumarsi le canne e a fare nzzo da matina a sera…….

    19. la coca a fiumi che girà tra i bravi ragazzi di buona famiglia facciamo finta di non vederla, eh? dai, giù dal fico che non ci servono i sermoni delle verginelle.

    20. e chi gliela vende la coca secondo te ? vai a farti un giro in stazione o in via dei mille o al carmen…….marocchini, albania, tunisini etc etc

    21. se c’è chi vende la coca, è perchè c’è chi la compra. Magari proprio i figli di questi bravi cittsdini che mi irridono perchè, a loro, i figli li ascoltano… quanto a me, sono al sicuro: non ne ho…

    22. ha ragione cinquepalmi. per i miei figli non so, si vedrà quando saranno cresciuti ma per conto mio spacciatori e papponi, italiani o stranieri, sarebbero gà falliti da decenni. evidentemente se proliferano un buon motivo ci sarà…

    23. che ragionamento, allora vale anche per i puttanoni..se ci sono è perchè qualcuno ci va…..il problema è a monte…..sii, a montecampione

    24. quindi, secondo questi raffinati sociologhi, se non ci fossero immigrati non ci sarebbero tossici? Dei geni, come abbiamo fatto a non pensarci prima….

    25. Sulla raffinatezza e la genialita’ di questi post lasciamo, come sempre, che decida il Dottor Cinquepalmi… una preghiera pero’: prima di esprimere giudizi cosi’ sarcastici faccia un salto per informarsi meglio sul sito web della Associazione Italiana SOCIOLOGI… SOCIOLOGI…

    26. Pagamento di tutto ciò che spetta al Comune, tentando di tenere aperto uno dei luoghi cittadini di confronto, anche se con idee diverse dal vicesindaco Rolfi. Questa la mia idea.

    RISPONDI