Gli ultrà del Brescia si riuniscono sotto una sola bandiera

    0

    Niente più Curva Sud, Brixia, Castel, Brigata Leonessa e Brigata Sballata. Questi gruppi ultras del Rigamonti sono da ieri riuniti sotto il nome di "Curva Nord Brescia". Una sorta di regalo che i tifosi dei vari schieramenti si sono fatti nell’anno del centenario. Un progetto volto a sostenere ancor di più, dicono i responsabili degli ex gruppi, la squadra, a far sentire ancor di più il proprio incitamento, che arriverà sul prato dalle gradinate della curva nord, dove già agisce il "Brescia 1911" che non ha aderito al gruppone.

    Il collettivo "Brescia 1911", per spiegare il rifiuto ad aderire alla proposta degli altri ultras ha diffuso nei giorni scorsi il comunicato che riportiamo sotto.

    “In merito a quanto apparso nelle settimane scorse su vari siti internet e quotidiani locali riguardo ad una possibile riunificazione della tifoseria, vogliamo esprimere – per la prima volta e pubblicamente – il nostro pensiero. Un pensiero – inutile dirlo – sviluppato negli anni sulla base di ragioni oggettive e di scelte dettate esclusivamente dalla coscienza di tutti noi. Un pensiero consolidato ieri sera durante una lunga e appassionata riunione. Ma prima di procedere, vogliamo chiarire una cosa: sebbene ognuno di noi avrebbe potuto portare delle ragioni soggettive a difesa di quella che si è poi rivelata la scelta finale del nostro gruppo, al centro di tutto abbiamo messo come sempre il bene del Brescia e – soprattutto – l’amore per la nostra fantastica Curva e per i suoi Ultras. Concetti che – per quanto ci riguarda – sono sempre stati alla base di ogni nostra iniziativa. Questo naturalmente non ci ha impedito negli anni di fare errori, alcuni dei quali anche grossolani. Sbagli per i quali abbiamo pagato ampiamente e ai quali abbiamo sempre cercato di rimediare, riscattando così il nostro onore. Niente può perciò inficiare la nostra totale buona fede, la nostra lealtà, la nostra trasparenza, la nostra sincerità e in particolar modo il nostro tentativo di preservare valori e principi che ci hanno sempre caratterizzato. Per questo, aldilà della buona volontà di ognuno, quest’unione non è per noi fattibile, almeno ora (potrebbe però esserlo in futuro, noi non poniamo chiusure definitive): troppe questioni ci separano ancora, soprattutto quella relativa alla “tessera del tifoso”; uno “strumento” accettato dagli altri gruppi ma assolutamente rifiutato dal nostro. Abbiamo quindi deciso di non aderire al “progetto” succitato e di non partecipare alle prossime riunioni pubbliche. Lo facciamo chiaramente senza voler insegnare niente a nessuno, con la consueta umiltà, il necessario rispetto e lasciando senz’altro libertà di scelta a tutti coloro che nobilmente pensano – e sperano – di rilanciare una tifoseria “agitata” e complessa come la nostra. In virtù degli equilibri raggiunti – con molta fatica – negli ultimi tempi, sottolineiamo la nostra intenzione di non ostacolare l’intento degli altri gruppi organizzati; anzi, con la stessa serenità che ha contraddistinto i vari incontri precedenti a questo “progetto”, vogliamo augurare sinceramente buona fortuna ai fautori dello stesso, con la speranza di vedere la tifoseria trarne vantaggi veri e duraturi, e con la certezza che tutte le opinioni (quindi anche la nostra) possano pesare su questa delicatissima scelta.


    Per informazioni tel. 338/3685525”

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY