Emergenza truffe, ieri altri due casi in città. I carabinieri agli anziani: “Fate attenzione”

    0
    Bsnews whatsapp

    Continua l’emergenza truffe agli anziani. Nonostante le campagne di sensibilizzazione e gli appelli alla prudenza, ieri, in città, si sono verificati altri due episodi. Fingendosi tecnici della società del gas, due malvicventi hanno infatti truffato due signore in via Frigerio, una di 85 e un’altra di 89 anni portando via monili d’oro e circa 400euro in contanti. Con la scusa di un controllo al contatore i due sono riusciti ad entrare nelle abitazioni delle anziane e mentre uno armeggiava con il contatore il complice ha frugato nell’abitazione. Solo quando i due malviventi erano lontani le donne si sono accorte dell’accaduto. Il capitano dei Carabinieri di Brescia Donato D’Amatoha quindi rinnovato l’appello agli anziani. Il consiglio è: diffidare degli sconosciuti, non aprire la porta di casa, chiamare il 112 anche solo per chiedere un consiglio su come comportarsi.

     

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. La nostra città era più sicura prima che arrivassero il vice sceriffo Rolfi e il parlamentare-sindaco Paroli visto che da allora a Brescia sono diminuiti i poliziotti…alla faccia di tutti i patti sulla sicurezza firmati con Maroni.

    2. per quel che puo’ valere, si potrebbe pensare di introdurre nel codice penale una aggravante, una seria aggravante, per chi compie reati di questo tipo contro gli anziani… i nostri legulei potrebbero farsi venire in mente qualcosa e forse (forse) in parlamento potrebbero votare compattamente… (forse)

    3. Semplicemente si deve insegnare ai vecchi un po’ di sana diffidenza nei confronti altrui…molti pur di far 2 chiacchiere fanno entrare in casa gente improponibile…

    4. avendo diffuso la paura verso gli stranieri, tutti quelli che parlano italiano in modo corretto vengono percepiti dagli anziani come affidabili. siamo così meno sicuri.

    5. certo che è davvero patetico leggere i commenti che dietro una falsa indignazione per gli avvenimenti, subito la buttano in politica dell’aria fritta, dando immediatamente le colpe al governo, alla lega etc etc, gettando nella mischia pure la fantasiosa ipotesi che questi avvenimenti avvengono perchè si è diffusa la paura verso gli stranieri, io direi che la paura verso gli stranieri si è diffusa in anni e anni di cronaca nera quotidiana, e grazie alle frontiere aperte che non hanno portato e promosso quei flussi di lavoratori ma bensì riflussi di ex galeotti o gente senza scrupoli che scieglie l’italia perchè è facile deliqnuere e facilissimo farla franca.
      questo il risultato del trattato di schengen che più scellerato non poteva essere, da noi ancora di più dove mantenere la legalità è ardua impresa per i motivi che tutti sanno, a prescindere da destra o sinistra.

    6. Si. Lei prescinda. Prenda atto che non più tardi della settimana scorsa, in tema "ladri di catenine" il vicesindaco d Brescia ha detto che si trattava – in tre anni – della prima vera emergenza. Dimenticandosi, evidentemente, quella delle truffe (truffe? Furti!!!) agli anziani. Se poi dobbiamo fare finta di non aver sentito quelle dichiarazioni, ce lo dica lei. Così non "la buttiamo" in politica…

    7. "Falsa indignazione": già, perchè di fronte agli anziani che vengono derubati al ritmo di due al giorno, ci si indigna "per finta". Ma faccia la cortesia…

    RISPONDI