Ponte Crotte gioca d’anticipo, la riapertura già a metà settembre

    0

    (da.bac.) Ponte Crotte gioca d’anticipo. Il collegamento con Urago Mella riaprirà infatti a metà settembre, una ventina di giorni prima rispetto al termine contrattuale, fissato al 6 ottobre. La data ufficiale non c’è ancora, ma si oscilla tra il 10 e il 14 settembre. Questa mattina i tecnici della Loggia hanno effettuato un nuovo sopralluogo al cantiere. Come si sa il ponte è chiuso dallo scorso 6 giugno per i lavori di riqualificazione. Nella primavera del 2010 erano emersi seri problemi di staticità e sicurezza; non tanto sulla struttura storica, ma sulle banchine laterali. Si era così deciso di togliere il doppio senso di marcia e di istituire il senso unico, lasciando la possibilità di usare il ponte in direzione ovest-est, per entrare in città. Lo scorso giugno sono poi partiti i lavori veri e propri, con la chiusura totale del collegamento: in pratica sono stati demoliti gli sbalzi esistenti e gli strati non strutturali dell’arco ed è stata costruita una nuova soletta in calcestruzzo spessa 30 cm e larga 7,40 metri. Il risultato sarà una nuova carreggiata stradale a doppio senso larga 6.50 affiancata da una struttura leggera in acciaio sopra cui scorreranno due nuove piste ciclopedonali. I lavori, da contratto, dovevano durare 120 giorni. Invece ne basteranno un centinaio. Con grande soddisfazione dell’assessore ai lavori pubblici del Comune di Brescia Mario Labolani che da subito aveva auspicato di poter riaprire il ponte in parallelo con l’inizio delle scuole. “Entro la metà di settembre riconsegneremo il ponte al quartiere e alla città” conferma Labolani a bsnews.it. “Un ponte nuovo, con due corsie per senso di marcia e due piste ciclopedonali. Sappiamo i disagi che gli utenti e i commercianti hanno dovuto subire in questi mesi, prima con il senso unico e poi con la chiusura per i lavori. Per questo abbiamo fatto di tutto per accorciare i tempi. L’impresa – la Raedil Costruzioni – ha lavorato tutto agosto, fino a tarda sera, senza interruzioni. Noi abbiamo vigilato e controllato i progressi giorno dopo giorno. Il risultato è quasi un mese di anticipo rispetto ai tempi previsti. Vuol dire che abbiamo lavorato molto e bene” conclude Labolani “a dispetto di quanto avviene in altre città dove i cantieri sono fermi o in forte ritardo”.  Ultimo aspetto è poi il “premio cantieri virtuosi” a cui avrà diritto l’impresa. Per incentivare i lavori era stato infatti stabilito un bonus, previsto dalla normativa, di 500 euro per ogni giornata guadagnata. 

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Per far fare il loro dovere si devono scucire soldi pubblici in più. Complimenti per alleggerirci se ne sono inventata una che fino ad ora ci era sfuggita. Che gran furbata a spese nostre.

    2. Sempre più bravi ed efficienti i nostri Assessori Comunali. Bravo Labolani! State lavorando molto bene e, da bresciana, vi ringrazio.

    3. Non capisco certi commenti. Mi sembra un’ottima notizia. Per una volta si sono rispettati i tempi. Anzi, si finisce in anticipo. Abitando in zona confermo che i lavori sono andati avanti per tutto agosto. Quanto al bonus per l’impresa non ci vedo nulla di male. Qualche soldo in più a loro e molti disagi in meno per i cittadini (e poi si potrebbe calcolare il carburante risparmiato dai bus di Brescia Trasporti che ora devono fare giri assurdi…)

    LEAVE A REPLY