Montecampione, uno dei profughi ricoverato al Civile. Caduta accidentale o pestaggio?

    0
    Bsnews whatsapp

    Episodio sospetto a Montecampione. Uno dei profughi africani ospitati nel residence Le baite, a quota 1.800, questa mattina è stato soccorso dall’eliambulanza del 118 e trasportato d’urgenza al Civile. L’uomo era privo di sensi a causa di un ematoma al cervello. Secondo il racconto dei suoi compagni, sarebbe scivolato durante la notte mentre stava andando in bagno, avrebbe sbattuto la testa e avrebbe perso i sensi. Solo di prima mattina sarebbe poi stato trovato dagli amici. Una versione che però non convince soccorritori e carabinieri. Dalle radiografie sono infatti emerse alcune fratture costali, incompatibili con la caduta accidentale. Gli investigatori tengono le bocche cucite ma si fa strada l’ipotesi di un pestaggio. Intanto al Civile l’uomo è stato sottoposto ad un delicato intervento per rimuovere l’ematoma. Ora si trova ricoverato in rianimazione. 

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. come si fa a non capire che non si possono ammassare tante persone in un posto sperduto? ci sono volute 4 ore affinché il poveretto giungesse in ospedale.

    2. Guardate che gli abitanti delle Valli, delle baite in particolare se hanno bisogno di un ospedale ci impiegano lo stesso tempo! Dovremmo !anche" creare loro una corsia preferenziale rispetto a noi? Non sembra di esagerare!
      Aspettiamo le indagini e magari scopriremo che così santi non sono!

    3. Ci impiegano tanto tempo italiani e stranieri a raggiungerli i presidi sanitari perchè il sistema sanitario lombardo, a quanto pare non funziona come dovrebbe, grazie anche ai tagli che il governo sta apportando nella finanziaria. Chi governa in lombardia si faccia sentire, altrimenti ne è complice.

    4. Non è questione di italiani e stranieri o di servizio sanitario che funziona o non funziona. E’ questione che chi ha scelto dove ospitare lassù i profughi probabilmente non ha fatto la scelta migliore: per molti motivi, tra i quali ANCHE la lontananza da una serie di servizi (non solo sanitari: ma, per fare un esempio, la questura che deve svolgere le pratiche in merito all’accertamento dello status dei profughi).

    5. Se il servizio sanitario non gli piace possono tornare da dove sono venuti che là senz’altro tutto funziona!
      Quanto al sistema sanitario potremmo fare come in alcuni stati e curare solo gli italiani…. gli altri solo a pagamento ed allora il sistema (che a mio avviso in Lombardia funziona e funziona bene)andrebbe ancora meglio

    6. Non è questione di italiani e stranieri o di servizio sanitario che funziona o non funziona. E’ questione che chi ha scelto dove ospitare lassù i profughi probabilmente non ha fatto la scelta migliore. Però non si può dire…

    RISPONDI