Fassa Bortolo di Montichiari: raddoppia il forno per i rifiuti non pericolosi

    0

    Si torna a parlare di Fassa Bortolo, ma questa volta l’omicidio del giovane Perone, risalente a un mese fa, non c’entra, questa volta si parla di piano industriale.

    Da 30 a 66mila tonnellate annue. E’ più che raddoppiata la quantità di rifiuti non pericolosi che la Regione consentirà di bruciare all’azienda Fassa Bortolo di Montichiari. 66mila tonnellate di rifiuti che alimenteranno i forni per la produzione di calce: trucioli, scarti di lavorazione del legno, segatura, imballaggi e via dicendo. Tutto carbirante non pericoloso, secondo il sindaco di Montichiari Elena Zanola, che a Bresciaoggi, in edicola stamane, dice: «L’impianto brucerà segatura e scarti della lavorazione del legno e non presenta pericoli per la salute dei cittadini e l’ambiente. Del resto la serietà dell’azienda è riconosciuta».

    Qualche perplessità, se non altro qualche domanda, nasce spontanea nei cittadini, visto che è la stessa azienda a fornire le ipotesi e i dati delle future emissioni di idrocarburi, ossidi di zolfo e ossidi di azoto. Cosa vuol dire? Che, fin’ora, i controllori delle emissioni sono gli stessi che le emissioni le producono.
    a.c.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome