“La Verdi” apre la stagione del Grande

    0

    Sarà l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi ad inaugurare la Stagione del Teatro Grande domani sera, mercoledì 14 settembre alle 21.

    Per il concerto di apertura in Sala Grande vedremo alla direzione d’orchestra il Maestro Zhang Xian, una delle migliori promesse del panorama musicale mondiale, Direttore Musicale dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi dal 2009 e recentemente confermata fino alla Stagione 2014/2015. L’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, fondata nel 1993 da Vladimir Delman, si è imposta da alcuni anni come una delle più rilevanti realtà sinfoniche nazionali, in grado di affrontare un repertorio che spazia da Bach ai capisaldi del sinfonismo ottocentesco fino alla musica del Novecento.

    Nel concerto del 14 settembre al Teatro Grande LaVerdi anticiperà il programma di inaugurazione della propria Stagione, in cartellone per il giorno successivo presso l’Auditorium di Milano Fondazione Cariplo. Il programma prevede Il Concerto in Mi bemolle maggiore di Beethoven che è certamente il più conosciuto dei cinque Concerti per pianoforte e orchestra di Beethoven. A seguire LaVerdi eseguirà la Sinfonia fantastica di Berlioz.
    Nella prima parte del concerto si esibirà al pianoforte Lars Vogt, uno dei più importanti pianisti della sua generazione che negli ultimi anni ha collaborato con alcune delle più prestigiose orchestre mondiali, tra cui i Berliner Philharmoniker, i Wiener Philharmoniker e la Mahler Chamber Orchestra.

    Ancora disponibili posti di platea palchi e gallerie on line sui siti teatrogrande.it e vivaticket.it e alla

    Biglietteria del Teatro Grande (mar-ven 13.30-19.00). Prezzi speciali per gli under30.

    PROGRAMMA:
    Ludwig van Beethoven
    Concerto per pianoforte e orchestra n. 5 in Mi bemolle maggiore op. 73 “Imperatore”

    Hector Berlioz
    Sinfonia fantastica op. 14

    Zhang Xian
    Direttore

    La Stagione 2011/2012 segna la terza stagione dell’artista come Direttore Musicale de laVerdi (Orchestra
    Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi), carica recentemente confermata fino alla Stagione 2014/2015.
    Zhang Xian è inoltre Direttore Artistico della NJO/Dutch Orchestra e dell’Ensemble Academy con cui ha
    tenuto il suo primo corso estivo nell’agosto 2011.

    Prima di tale incarico, è stata Direttore Associato della New York Philharmonic (prima titolare della
    Arturo Toscanini Chair) per tre anni, dopo esserne stata Direttore Assistente.
    Essendo sempre più richiesta come direttore ospite in Europa, tra i suoi futuri impegni ricordiamo
    Wiener Symphoniker, Orchestre Philharmonique de Radio France, Orchestre National Bordeaux
    Aquitaine e Residentie Orkest, così come London Symphony, Oslo Philharmonic, Netherlands Radio
    Philharmonic, Royal Stockholm Philharmonic, BBC Scottish Symphony e Gothenburg Symphony
    Orchestra.

    Inoltre tornerà a dirigere la Royal Concertgebouw Orchestra nel 2013/2014. I debutti della passata
    stagione includono esibizioni con Tonhalle-Orchester Zürich, NDR Sinfonieorchester, Radio-
    Symphonieorchester Wien, Danish National e Swedish Radio Symphony Orchestra e il ritorno con la SWR
    Sinfonieorchester Stuttgart.
    Nonostante ora abiti di base in Europa, mantiene tuttavia rapporti con il Nord America e gli impegni
    della scorsa stagione hanno incluso la National Symphony Orchestra di Washington e la Chicago
    Symphony Orchestra. Gli appuntamenti della presente e della futura stagione includono le orchestre
    sinfoniche di New Jersey, Cincinnati, Pittsburgh, Seattle, Atlanta e Indianapolis. Mantiene un forte
    legame con l’orchestra della Juilliard School e di recente ha presentato la prima mondiale di un nuovo
    lavoro di Augusta Read Thomas al Lincoln Center.

    Come direttore d’opera Zhang Xian ha fatto un sensazionale debutto con La bohème per la English
    National Opera nella primavera 2007, dove ritornerà nella Stagione 2013/2014. Ha diretto Turandot a
    Beijing nel maggio 2009. Debutterà con la De Nederlandse Opera nel gennaio 2012 in una
    rappresentazione con due opere e la regia di Robert Lepage: Renard e Le Rossignol di Stravinskij.
    Impegni futuri includono il suo debutto al Teatro alla Scala nella Stagione 2013/14 e recite di Turandot al
    Schleswig Holstein Festival nell’estate 2012.

    Zhang Xian ha promosso compositori cinesi, in particolare le opere di Chen Yi (tra cui Momentum). Nel
    maggio 2008 ha completato un grande tour della Cina con sei concerti con l’Orchestra della Juilliard
    School, tour durante il quale Ge Xu di Chen Yi è stato rappresentato a Shanghai, Beijing e Suzhou. Ha
    anche diretto Fanfare di Huang Ruo con la New York Philharmonic. Farà ritorno in Cina nell’aprile 2012
    per dirigere la China Philharmonic e la Guanghzhou Symphony.

    Nata a Dandong in Cina, Zhang Xian ha debuttato professionalmente a vent’anni con Le nozze di Figaro
    alla Central Opera House di Beijing. Si è formata al Conservatorio Centrale di Beijing, ottenendo sia la
    Laurea sia il Master of Music; in seguito, ha insegnato direzione d’orchestra, prima di trasferirsi negli
    Stati Uniti nel 1998.

    La vittoria al Maazel/Vilar Conducting competition nel 2002 ha definitivamente lanciato la sua carriera
    internazionale.

    Lars Vogt
    Pianista
    Lars Vogt si è rapidamente affermato come uno dei maggiori pianisti della sua generazione. Nato in
    Germania nel 1970, ha raggiunto notorietà vincendo il secondo premio nel 1990 al "Leeds International
    Piano Competition" e da allora ha intrapreso una brillante carriera concertistica in tutto il mondo.
    Lars Vogt ha registrato quindici dischi con EMI. Tra questi spiccano la Kammermusik n. 2 di Hindemith
    con i Berliner Philharmoniker e Claudio Abbado, i Concerti di Schumann, di Grieg e i primi due Concerti
    di Beethoven con la City of Birmingham Symphony Orchestra e Simon Rattle. Recentemente ha
    registrato per CAvi-music un disco di opere di Schubert e per Oehms i Concerti di Mozart con l’Orchestra
    del Mozarteum di Salisburgo. Nel settembre 2010 ha pubblicato un disco con opere di Liszt e Schumann
    per Berlin Classics.

    Nella stagione 2011/12 Lars Vogt suonerà in molte sale del Nord America, con le orchestre di Toronto,
    Cleveland e Seattle e sarà in tournée con Christian Tetzlaff toccando New York e Philadelphia. Sarà
    ospite della London Philharmonic Orchestra con Vladimir Jurowski a Londra e in tournée in Europa con
    Yannick Nézet-Seguin. Tra gli altri maggiori impegni figurano New Japan Philharmonic con Daniel
    Harding, Orchestre Philharmonique de Radio France con Myung-Whun Chung, Rotterdam Philharmonic,
    Orquesta Nacional de España e le orchestre di Berlino, Amburgo, Colonia, l’Orchestra Verdi di Milano,
    ORT e Copenhagen. Tra gli impegni solistici in recital spiccano l’International Piano Series di Londra e la
    Konzerthaus di Vienna.

    Nella scorsa stagione Vogt ha tenuto due concerti per BBC Proms, ha suonato con la Czech Philharmonic
    diretta da John Eliot Gardiner, con l’Orchestre de Paris, London Philharmonic, BBC Symphony, Frankfurt
    Radio, Bayerische Rundfunk e Boston Symphony e nell’estate del 2011 è stato invitato ai Festival di
    Salisburgo, Verbier, Schwarzenberg e Montreux.

    La relazione particolare con i Berliner Philharmoniker prosegue dopo la collaborazione come loro primo
    Pianista Residente nella stagione 2003/04. Altre collaborazioni negli ultimi anni includono la residenza
    alla Mozartwoche di Salisburgo con i Wiener Philharmoniker e Christoph Eschenbach e con la Mahler
    Chamber Orchestra e Daniel Harding, così come concerti con New York Philharmonic, Chicago
    Symphony, NHK Symphony, London Symphony, Royal Concertgebouw, Chamber Orchestra of Europe,
    Bayerische Staatsorchester, Dresden Staatskapelle e Santa Cecilia di Roma.

    Vogt si dedica con passione anche alla musica da camera e ai recital solistici che ha tenuto nelle
    principali capitali musicali tra cui Londra, Parigi, Monaco, Madrid, Roma e New York. Nel 1998 ha
    fondato il Festival "Spannungen" a Heimbach in Germania, il cui crescente successo negli anni è
    documentato da dieci dischi live pubblicati da EMI. Vogt suona abitualmente con amici quali Christian
    Tetzlaff e Thomas Quasthoff, e lavora a progetti particolari collaborando con il grande attore Klaus-
    Maria Brandauer.

    Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi
    L’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, fondata nel 1993 da Vladimir Delman, si è imposta da
    alcuni anni come una delle più rilevanti realtà sinfoniche nazionali, in grado di affrontare un repertorio
    che spazia da Bach ai capisaldi del sinfonismo ottocentesco fino alla musica del Novecento. Il cartellone
    dell’Orchestra prevede ogni anno più di trenta programmi sinfonici, con un’impaginazione in cui i classici
    sono affiancati da pagine meno consuete, oltre ad alcune stagioni attigue, come il ciclo “Crescendo in
    Musica”, un’importante rassegna per bambini e ragazzi.

    Dal 1999 al 2005 Riccardo Chailly, oggi Direttore Onorario, ha ricoperto la carica di Direttore Musicale.
    Wayne Marshall e Helmuth Rilling rivestono il ruolo di Direttori Principali Ospiti dalla stagione
    2008/2009; il Maestro Rudolf Barshai, recentemente scomparso, dalla stagione 2006/2007 rivestiva la
    carica di Direttore Emerito, carica prima ricoperta da Carlo Maria Giulini. Il cornista Radovan Vlatkovic e
    il pianista Simone Pedroni, invece, sono presenti, dalla stagione 2007/2008, come Artisti Residenti.
    Dalla stagione 2009/2010 è Direttore Musicale la cinese Zhang Xian, mentre Ruben Jais riveste il ruolo
    di Direttore Residente. Dalla Stagione 2011/2012 l’americano John Axelrod sarà Direttore Principale.
    Il 6 ottobre 1999 è stata inaugurata, con la Sinfonia n. 2 Resurrezione di Mahler diretta da Riccardo
    Chailly, la nuova sede stabile dell’Orchestra, l’Auditorium di Milano, che per le sue caratteristiche
    estetiche, tecnologiche e acustiche è considerata una della migliori sale da concerto italiane.
    Altro elemento distintivo dell’Orchestra è la costituzione, nell’ottobre 1998, del Coro Sinfonico di
    Milano Giuseppe Verdi, guidato sino alla sua scomparsa dal Maestro Romano Gandolfi, prestigiosa
    figura della direzione corale che ha lavorato con i più grandi direttori d’orchestra e nei più importanti
    teatri lirici del mondo. Il Coro conta attualmente 100 elementi in grado di affrontare il grande repertorio
    lirico-sinfonico dal Barocco al Novecento. Attualmente l’incarico di Maestro del Coro è ricoperto da
    Erina Gambarini.

    Alcuni concerti ricorrenti scandiscono il percorso musicale de laVerdi: l’annuale appuntamento con una
    delle grandi Passioni di Bach in prossimità delle festività pasquali e il concerto di capodanno con la Nona
    Sinfonia di Beethoven.

    L’Orchestra è stata diretta tra gli altri da Riccardo Chailly, Georges Prêtre, Riccardo Muti, Valery Gergiev,
    Rudolf Barshai, Claus Peter Flor, Christopher Hogwood, Helmuth Rilling, Peter Maag, Marko Letonja,
    Daniele Gatti, Roberto Abbado, Ivor Bolton, Kazushi Ono, Vladimir Jurowski, Yakov Kreizberg, Ulf
    Schirmer, Eiji Oue; inoltre ricordiamo Herbert Blomstedt, Krzysztof Penderecki, Leonard Slatkin, Vladimir
    Fedoseyev, Wayne Marshall, Sir Neville Marriner, Oleg Caetani, Martin Haselböck, Alan Buribayev, Aldo
    Ceccato, Giuseppe Grazioli, Ion Marin, Juanjo Mena, Paul Daniel.
    L’Orchestra ha collaborato, inoltre, con solisti come Martha Argerich, Nelson Freire, Mstislav
    Rostropovich, Vadim Repin, Lynn Harrell, Viktoria Mullova, Han-Na Chang, Sarah Chang, Midori,
    Alexander Kobrin, Jean-Yves Thibaudet, Salvatore Accardo, Mario Brunello, Enrico Dindo, Alexander
    Toradze, Hilary Hahn, Radovan Vlatkovic, Helene Grimaud, Luis Bacalov, Salvatore Accardo, Roberto
    Cominati, Emanuele Arciuli, Natasha Korsakova, Gianluca Cascioli, Yefim Bronfman, Massimo Quarta,
    Yuri Bashmet, Francesca Dego, Steven Isserlis, Hüseyin Sermet, Sol Gabetta, Alison Balsom, Kolja
    Blacher, Benedetto Lupo, Daniel Müller-Schott, Martin Fröst.

    L’Orchestra ha sviluppato un’intensa attività discografica, incidendo più di 25 cd, per le etichette Decca,
    Emi, RCA, DG, Arts, Sugar Music, Universal Music.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY