Parcheggio sotto il Castello, a fine mese il bando per i lavori. Paroli: “Un’occasione per la città”

    0
    Bsnews whatsapp
    (d.bacca) Non ci sono polemiche o ostacoli che tengano. Il parcheggio sotto il castello si farà “perché serve alla città”. Loggia e Brescia Mobilità tirano dritto e, se possibile, spingono sull’acceleratore. Dopo la presentazione del progetto in Camera di Commercio, a giugno, entro la fine di settembre verrà pubblicato il bando per l’appalto integrato, vale a dire la progettazione esecutiva e l’affidamento dei lavori. Tempo quattro mesi e a gennaio si saprà chi si è aggiudicato il cantiere. Bisognerà poi aspettare un paio d’anni per vedere l’opera realizzata, anche se già sei mesi prima, ovvero nell’estate del 2013, potrebbe essere pronto l’ascensore per il Cidneo, uno dei fiori all’occhiello del progetto.

    Stamane intanto il sindaco Adriano Paroli, gli assessori Labolani e Rolfi e i vertici di Brescia Mobilità hanno presentato il plastico del progetto. Un modellino in scala di quella che sarà la nuova struttura di sosta per il centro cittadino. I dati del progetto sono quelli noti: sul lato ovest della galleria Tito Speri sarà scavata una scatola lunga 220 metri, larga 16 e profonda 25. Al suo interno verranno realizzati sei piani, cinque per la sosta a rotazione, uno riservato ai box per i residenti, per un totale di circa 600 posti auto. Ingresso e uscita avverranno dall’interno della galleria, sfruttando i due cunicoli già esistenti che sfociano su contrada Santa Chiara (e che per metà verranno sfruttati come accessi pedonali alla struttura).

    Ma nelle intenzioni stiamo parlando di qualcosa di più di un semplice parcheggio. L’idea è quella di ricucire alcune parti di città, ad iniziare dal castello. Il progetto prevede infatti la realizzazione di un ascensore che dall’interno della struttura sbucherà in cima al Cidneo, a pochi metri dal ponte levatoio dell’ingresso monumentale. Lì verrà realizzato un piccolo padiglione, con una fontana, in modo da creare una sorta di “piazzetta belvedere”. Gli accessi pedonali saranno quattro: il belvedere, i due cunicoli su contrada Santa Chiara e uno su via Mazzini, nella nicchia che sta subito a sud della Tito Speri che diventerà una "porta d’accesso" su via Musei e sulle piazze. Atro elemento caratterizzante sarà l’atrio in cui confluiranno tutti gli accessi. Qui chi entrerà si troverà in un grande spazio, con due rampe di scale ai lati, in modo da richiamare le geometrie del Duomo Vecchio cittadino.

     

    I commenti

    Paroli anche oggi ha ribadito che il progetto è “un’occasione per Brescia”. Stiamo facendo le cose che servono a questa città” ha spiegato. “Stiamo parlando di un progetto che si integra con la metropolitana e che permetterà un rilancio ancora più marcato del centro storico”. Il primo cittadino ha ricordato che il parcheggio permetterà di ricucire pezzi di città, ad iniziare dal castello con il centro storico. Paroli ha anche voluto replicare, colpo su colpo, alle molte critiche di questi mesi.

    Parcheggio e metrò: “Dicono che il parcheggio andrà a svantaggio della metro, ma nella migliore delle ipotesi il trasporto pubblico potrà intercettare il 40% degli spostamenti. Noi dobbiamo dare risposte anche al 60% che continuerà a spostarsi con l’auto privata. O forse qualcuno pensa che dovremmo chiudere Vittoria per favorire la metropolitana?”.

    Parcheggio e pedonalizzazione: “Tutti vogliono le piazze libere dalle auto, ma nessuno ci dice dove dovrebbero parcheggiare i residenti del centro. Forse qualcuno pensa che dovrebbero parcheggiare al piazzale Iveco. Noi invece sappiamo che servono quasi 3mila posti auto. Con il archeggio sotto il castello pensiamo che Vittoria potrà essere in gran parte dedicato ai residenti”.

    Parcheggio e costi: “La struttura costerà 22 milioni. I tecnici ci spiegano che – anche solo ipotizzando il 70% degli introiti di Vittoria – si ripagherà in 25 anni. Questo non è un costo, ma un investimento  Anzi, per la città sarà un introito, così come oggi lo è Vittoria”.

    Castello e Fossa Bagni: “Chi dice che il parcheggio non serve perché c’è già Fossa Bagni fa una critica sciocca. Fossa Bagni era stato pensato per via San Faustino, pensando che diventasse una via commerciale come corso Palestro. Cosa che, almeno per ora, non è avvenuta. Avrà una funzione diversa rispetto al Castello, servirà l’Università soprattutto quando sarà possibile riaprire l’accesso da piazzale Battisti”. Una cosa è però certa: più il parcheggio sarà vicino al centro più l’utente dovrà pagare, soprattutto quando sarà in funzione la metro. Rispetto al parcheggio del Castello Fossa Bagni potrebbe allora essere favorito da una politica tariffaria più vantaggiosa.

    Parcheggio e vigneto: “Una polemica strumentale per una cosa inesistente. L’idea di usare il vigneto come area di cantiere non è mai stata presa in considerazione, primo perché quel vigneto io sono impegnato a rilanciarlo e secondo perché si tratta di un’area privata”. 

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. risponderanno alla collettività del danno che stanno procurando alla città, alla sua vivibilità, al concetto di sostenibilità economica, al buon senso.

    2. ….della serie le mani sotto la città. Deve essere davvero un nuovo modo spregiudicato per realizzare business con i soldi dei contribuenti bresciani…mentre siamo tutti costretti a tirare la cinghia. La cosa che ci dovranno però spiegare è che fine faranno le migliaia di posti auto già realizzati e deserti, che troviamo attorno al ring e al centro storico e con una metropolitana che lo attraverserà che, secondo quanto affermato dalla Giunta municipale e da Brescia Mobilità dovrebbe togliere in modo considerevole il numero di auto in città. Dovrebbe perchè, col nuovo parcheggio, sembrerebbe proprio il contrario…e qui casca l’asino!

    3. finalmente Brescia diventa una città moderna: un parcheggio a ridosso del centro e pizze pedonalizzate. Tutte le principali città europee sono così. Era ora!!

    4. Sì, buon giorno… Parcheggi a ridosso del centro ce ne sono: uno a Fossa Bagni; uno alla Randaccio; uno al Freccia Rossa; uno in piazza San Domenico con vicino quello retro INPS; uno in piazza Arnaldo, in fase di ultimazione. A cosa serve quello sotto al castello se Fossa Bagni – a CINQUANTA METRI!!! – è sempre semivuoto?

    5. Hai dimenticato quello della stazione e gli autosilo 1(via Vittorio Emanuele) e 2 (Piazza della Vittoria) e tutti quegli altri, a centinaia, che si trovano a parchimetro in superficie, sia in pieno centro storico che sul ring. Ma chi vogliono prendere in giro? Qui parliamo di migliaia di posti auto di cui la metà VUOTI!

    6. sì insomma, si sono messi in testa che lo vogliono fare e lo fanno.
      Per quanto tempo i Bresciani dovranno pagare i capricci dei loro sindaci? non ci bastava la metropolitama di Corsini??

    7. "finalmente Brescia diventa una città moderna: un parcheggio a ridosso del centro e pizze pedonalizzate. Tutte le principali città europee sono così. Era ora!! "
      INCREDIBILE. Una falsità incredibile. Se chi ha scritto una simile sciocchezza avesse assistito all’incontro di sabato sulla metro di Rennes avrebbe forse capito qual’è la direzione in cui vanno tutte le città europee: esattamente contraria a quella che sostiene!

    8. ma possibile che si riduca sempre tutto a guelfi e ghibellini, paroli contro corsini? io non credo che l’opera sia una priorità per questa città. ma per me non lo era nemmeno la metropolitana. però non credo nemmeno che sia un’opera scriteriata decisa da gente che non capicse nulla e che vuole affossare il trasporto pubblico (così come non lo era per il metrobus). certi ragionamenti di paroli non mi sembrano nemmeno così campati in aria: dove le mettiamo le auto dei residenti se le togliamo dalle piazze? dove parcheggerà chi continuerà a usare l’auto (sei su 10, pare) anche con il metrò? Inoltre mi sembra che sia stato affermati un principio giusto: vuoi parcheggiare in centro, devi pagare (tanto). Non vuoi pagare tanto? Prendi il metrò o usi un parcheggio più lontano dal centro. Insomma, io magari avrei fatto altro ma non è che questa città va in rovina perché realizzano un parcheggio. Anzi, la struttura sembra fatta bene e potrebbe dare davvero vantaggi al castello e al centro.

    9. La metropolitana, pur essendo inutile per una città delle dimensioni come la nostra, poteva rappresentare delle suggestioni nell’immaginario collettivo di chi voleva sentirsi parte di una città importante, ma questo parcheggio sotto il castello farà sentire importante solo chi (pochi) dalla sua realizzazione ne potranno trarre benefici economici a fronte di una città che sta correndo come le altre dietro ad una crisi che sembra avere come orizzonte la Grecia. Prima che questa Amministrazione rischi grosso, forse sarebbe meglio un serio ripensamento a vantaggio Suo e dei suoi cittadini.

    10. A parte il lato nord di piazza Paolo VI con una trentina, forse di auto parcheggiate di quali altre piazze si riferisce il lettore visto che è fatto già divieto il parcheggio? Non diciamo cose tanto per dire.

    11. Siamo seri. Se è vero che serve un posteggio per i residenti, non sarebbe normale prima indagare chiedendo una semplice manifestazione di interesse ai cittadini, in particolare a quelli così vogliosi di avere un posto auto sotto il castello? O prima si spendono decine di milioni e poi si mette un cartello affittasi sperando che il mercato risponda?
      e’ inutile girarci intorno, non serve essere guelfi o ghibellini per dire con estrema tranquillità che la scelta è totalmente sbagliata, dannosa e sì, anche scriteriata

    12. da residente, preferisco dover parcheggiare l’auto sul ring piuttosto che avere a nostre spese (con l’addizionale) il parcheggio sotto il castello!!!!

    13. Se questa è una grande opera, ben venga , ma penso solo che bisognerebbe chiedere ai Bresciani come la pensono e non solo alla giunta , io sono convinto che qua bolle qualcosa in pentola , primo non si riesce a capire come mai vogliono eliminare le macchine dal centro , e poi fanno il parcheggio in centro , e questa non è demagogia .Invece di far un parcheggio da ventremilioni di euro , cari mie signori , fatene fuori brescia ,ve lo spiego dettagliatamente , uno in via VOLTURNO , e se volete uno a S.polo, o dove vi pare a voi però alle porte di Brescia non all’interno ,…..e sapete cosa salta fuori ,che non si spendono tutti quei soldi , e conti alla mano ,se due parcheggi da 600 posti fatti in que due punti elencati qua sopra vi costerebbero non più di 800.00 risparmio 21ML di euro circa , il restante dell’ammontare dei soldi li potreste spalmare nelle opere pubbliche , accontentando non solo le stesse ditte , ma più ditte e miglior servizio del cittadino ,e cosi forse aiutereste le piccole e medie imprese ..se questo lo concordate ,…….Prego

    14. Altro che business…con i soldi dei cittadini. Ma investiamo piuttosto nella riqualificazione del centro storico dove ci sono palazzi che cadono a pezzi!!! Di parcheggi ce ne sono già abbastanza. In questo caso si sentiranno davvero importanti coloro che da questo parcheggio potranno trarne beneficio economico (i soliti noti ovviamente!). Altra scelta sbagliatissima che arriva da quella con cui qualcuno si definisce "giunta del fare" . (schifo)

    RISPONDI