Scuola, sul Garda le olimpiadi italiane dell’informatica

    0

    Dal 29 settembre al primo ottobre prossimo, l’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, l’AICA (Associazione Italiana per l’Informatica e il Calcolo Automatico), la Provincia di Brescia, il Comune di Sirmione e l’istituto "Tosi" di Busto Arsizio organizzeranno al Garda Village di Sirmione la dodicesima edizione delle Olimpiadi Italiane dell’Informatica: un evento scientifico e culturale che vede impegnati circa 80 studenti delle scuole italiane secondarie di II grado gia’ selezionati attraverso vari percorsi territoriali e che serviranno per la selezione delle Olimpiadi internazionali dell’informatica del prossimo anno che si terranno sempre sul lago di Garda.

    Il 30 settembre prossimo, in 5 ore di combattimento a colpi di algoritmi e routine informatiche, i concorrenti cercheranno di scalare le prime posizioni della classifica finale per garantirsi un posto alle Olimpiadi Internazionali del 2012. Un match avvincente reso disponibile grazie a un software realizzato in Italia per questo evento da studenti e docenti dell’Università di Pisa, testato qui per la prima volta in vista della 24a edizione delle Olimpiadi Internazionali dell’Informatica che si terrà nel basso Garda dal 23 al 30 settembre 2012 che vedranno l’Italia per la prima volta impegnata non solo nell’organizzazione di una sfida informatica planetaria a cui parteciperanno 82 paesi. In occasione della cerimonia di chiusura delle Olimpiadi internazionali tailandesi e’ stata consegnata al direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Giuseppe Colosio la bandiera arancione simbolo delle Olimpiadi Internazionali che sventolerà nel 2012 in Italia e nel 2013 in Australia. E’ prevista un’affluenza di circa 1000 persone tra concorrenti, tutor e osservatori internazionali. Questa mattina, a Palazzo Broletto, la presentazione ufficiale alla presenza del presidente della Provincia di Brescia, Daniele Molgora, Giuseppe Colosio, direttore dell’ufficio scolastico regionale per la Lombardia, e Aristide Peli, assessore provinciale all’istruzione. 

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY