Rondinelle, un’ora in 10 e due rigori contro. Ma a Modena il Brescia strappa un buon pareggio

    0

    Più di un’ora in dieci uomini, ben due rigori contro. Ma il Brescia torna da Modena con un pareggio. Un punto prezioso, viste le condizioni in cui è maturato, che permette alla squadra di Scienza di mantenere l’imbattibilità stagionale (e la miglior difesa del campionato) e di restare a due punti dalla vetta, occupata ora dalla coppia formata da Padova e Torino.

    Partita equilibrata nelle fasi iniziali. La prima occasione è per il Modena, palla per Giampà che dalla sinistra tira fuori. Le rondinelle rispondono con un bel tiro di Salamon al 14′. Al 20′ buona occasione per il Brescia: affondo di Daprelà, cross al centro per Feczesin che stoppa e tira ma il portiere para. Al 24′ l’episodio che condiziona la partita: corner per il Modena (il terzo di fila), uscita indecisa di Arcari, mischia in area, Greco tira e Budel ferma la palla con la mano. Rigore – trasformato da Greco – ed espulsione del centrocampista biancoblù. Al 29′ il pareggio del Brescia: punizione di El Kaddouri, testa di Feczesin che insacca. Scienza ridisegna la squadra con il 4-3-2: fuori Juan Antonio e dentro Martina Rini.

    Nel secondo tempo Brescia che pensa quasi solo a difendersi, arretrando forse un po’ troppo. Eppure la squadra è rimasta compatta, ha saputo soffrire e – con un po’ di fortuna – è riuscita a portare a casa un buon punto. Al 60′ buona occasione per il Modena con un colpo di testa di Greco e una grande risposta di Arcari. Al 66′ secondo rigore (molto dubbio!) per il Modena per una spinta di De Maio su Giampà. Tira Greco ma Arcari respinge, arriva Giampà che colpisce la traversa e il Brescia si salva. Al 75′ punizione di Scaglia (subentrato a Jonathas), la palla colpisce il palo, sul rimbalzo arriva Fezcesin che in tuffo colpisce la palla di testa ma non centra lo specchio della porta. 

    Mercoledì sera, al Rigamonti, c’è il Gubbio. Poi, sabato sera, alle 20.45, la supersfida all’Euganeo con il Padova.  

     

    Il tabellino

    MODENA (4-3-2-1): Caglioni; Milani, Turati, Perna, Rullo; Giampa, Petre ( 24’s.t. Spezzani), Dalla Bona; Greco, Di Gennaro ( 20’s.t. Fabinho); Bernacci. All Cristiano Bergodi.

    BRESCIA (4-3-1-2): Arcari; Berardi, De Maio, Magli, Daprelà; El Kaddouri, Salamon, Budel; Juan Antonio ( 33’p.t. Martina Rini); Feczesin ( 40’s.t. Maccan), Jonathas ( 28’s.t. Scaglia) All Beppe Scienza.

    ARBITRO: Pinzani di Empoli

    RETI: 26’p.t. Greco ( su rigore), 28’p.t. Feczesin

    NOTE: Angoli: 12-1. Espulsione di Budel al 25’p.t. Ammoniti: Perna, Bernacci, El Kaddouri 

     


    La classifica

    Padova 17, Torino 17, Brescia 15, Sassuolo 15, Grosseto 13, Sampdoria 12, Pescara 12, Livorno 11, Verona 11, Bari 11, Reggina 10, Nocerina 8, AlbinoLeffe 7, Cittadella 7, Juve Stabia (-1) 6, Varese 6, Empoli 6, Crotone (-1) 5, Modena 5, Vicenza 3, Gubbio 3, Ascoli (-7) 1. 

     

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. a me sinceramente questo famigerato Pinzani signore del siffolo mi ricorda – d’istinto, come nome – un altro arbitraggio osceno contro di noi. Io purtroppo ho la memoria di un pesce rosso (5 secondi netti), ma forse in redazione o fra i tifosi lettori c’e’ qualcuno che si ricorda e mi ricorda per quale altra partita diretta contro di noi in modo scellerato e ostile mi e’ tornato alla mente questo nome. E poi, diciamola tutta, se ci avessero dato il rigore pazzesco su jonatas al 95′ a Nocera, e quello ancora piu grosso a Torino…. va be’…piu forti di qualunque marciume federale e di qualunque torto. Forza Bressa sempre

    LEAVE A REPLY