Droga, tre arresti dei vigili. Sequestrato oltre un chilo di stupefacenti

    0
    Bsnews whatsapp

    La Polizia Locale ha svolto alcune attività specifiche antidroga che hanno portato all’arresto di spacciatori particolarmente attivi, viste le quantità di sostanza stupefacente e di denaro possedute al momento del fermo. Un bresciano, classe 1969, residente in via Svevo è stato arrestato perché deteneva complessivamente circa 880 grammi lordi di eroina e 4.750 euro in contanti. L’operazione è partita da via Cimabue: qui gli inquirenti lo hanno fermato dopo aver notato come, all’interno del parcheggio della “torre Cimabue”, alcuni tossicomani si fossero rivolti a lui per acquistare piccole dosi di eroina. Fermato nel parcheggio e chiesto se avesse altra sostanza, l’uomo rispondeva negativamente nonostante palesasse una chiara situazione di tensione e nervosismo. Subito è scattata la perquisizione personale che ha dato esito positivo: nel pacchetto di sigarette aveva due spinelli già confezionati mentre nel calzino del piede sinistro è stato ritrovato un imballo avvolto da pellicola trasparente contenente 12,3 grammi di eroina. La perquisizione del veicolo, una polo, permetteva invece di rinvenire un manganello telescopico tipo spagnolo, posto immediatamente sotto sequestro. L’attività è proseguita nell’appartamento, dapprima, in torre Cimabue, dove risiede la fidanzata del giovane, e dove sono stati trovati, in uno zainetto, 39 flaconi di metadone, ritirati al Sert e destinati ad essere smerciati illegalmente. L’operazione si è conclusa con la perquisizione dell’abitazione del giovane, in via Svevo: nella camera da letto sono state trovate due confezioni in sacchetti di cellophane contenenti uno 18,5 e l’altro 58,5 grammi di eroina. Nella cantina gli inquirenti hanno rinvenuto altri due involucri a “palla” contenenti 126,7 e 113,7 grammi sempre di eroina. In un comò posto nel corridoio all’ingresso dell’appartamento, è stata, infine, trovata una “piastra” ricoperta da pellicola, racchiudente un blocco di eroina di 550 grammi. Complessivamente quindi sono stati sequestrati 879,71 grammi di eroina e una somma in contanti pari a euro 4.750. Un albanese, classe 1971 e residente a Corte Franca, è stato tratto in arresto perché trovato in possesso di 247,74 grammi di cocaina e 1.305 euro. L’operazione è partita dal centro storico di Brescia, lo spacciatore è stato fermato tra le vie Borgondio e Contrada Carmine: dopo essere stato accompagnato presso gli uffici del distaccamento centro della Polizia Locale e aver proceduto alle pratiche di identificazione, gli agenti hanno chiesto di dichiarare quanto in suo possesso. L’uomo ha così dato loro le chiavi della vettura e dell’appartamento di Corte Franca. Nell’abitazione si è concentrata l’operazione che ha portato al ritrovamento di: 8,36 grammi di cocaina davanti alla portafinestra; una mattonella di stupefacente, sempre cocaina, nella camera da letto di grammi 197; in un armadietto della cucina un altro imballo di grammi 10.9. Oltre alla sostanza stupefacente sono stati posti sotto sequestro tre bilancine di precisione, un rotolo di pellicola in cellophane trasparente, un rotolo di scotch adesivo marrone, 3 schede telefoniche ed una somma in contanti complessiva di euro 1.305. L’ultimo operazione antidroga è stata svolta ieri sera in via Cacciamali e ha portato all’arresto di un uomo di origine tunisina, presente sul territorio nazionale in forma irregolare e trovato con 37,8 grammi di eroina, una bilancina di precisione e un coltello da cucina.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. 2 su 3 sono immigrati,in perfetta media…va detto che i marocchi sono all’avanguardia nello spaccio.Grazie alla loro efficienza hanno ormai soppiantato gli obsoleti spacciatori italiani.La camera del lavoro dovrebbe premiare questi stakanov della polvere bianca!

    2. invece ad alti livelli la proporzione si inverte: i grandi commercianti di droga sono quasi tutti italiani. vedi per esempio l’arresto di una decina di bresciani la scorsa settimana che gestiva il traffico di cocaina per TUTTO il nord italia. prima di citare a sproposito la camera del lavoro, assicurarsi di avere il cervello connesso con la tastiera.

    RISPONDI