Presentata la nuova rassegna

    0

    Si rinnova anche quest’anno la proposta di Storie storie storie, la rassegna bresciana di teatro ragazzi e scuola organizzata dal Teatro Telaio con il contributo della Fondazione ASM ed il sostegno di NaturaSì – il supermercato della natura. Si giunge quest’anno alla sua quindicesima edizione. La bontà dell’iniziativa è confermata anche dalla forte affluenza del pubblico, che raggiunge ogni anno più di 15.000 unità,  tra cui gli alunni di numerose scuole della provincia.

    In questa edizione si conferma il carattere policentrico e provinciale che dal 2005 contraddistingue la manifestazione coinvolgendo, oltre che Brescia, i teatri di Rezzato, e Castelmella (in collaborazione con Cipiesse), quelli di Borgosatollo, Castrezzato, Odolo, Villanuova sul Clisi e il Centro Civico di Castegnato (in collaborazione con i rispettivi comuni), Cologne (in collaborazione con la parrocchia di Cologne) e Verolanuova (in collaborazione con l’Istituto Primo Mazzolari.

    Si conferma anche la scelta di inaugurare la stagione in carcere (questa volta il 29 ottobre, in anticipo rispetto all’anniversario della promulgazione della Carta Internazionale dei Diritti dell’Infanzia), perché Il Telaio ritiene che organizzare teatro di qualità per i bambini e per le famiglie abbia una precisa finalità sociale ed educativa. Per questo la prima replica della stagione sarà riservata alle famiglie dei detenuti presso l’Istituto Penitenziario di Canton Mombello, sempre in collaborazione con l’Associazione Carcere e Territorio di Brescia per contribuire a far sì che quello delle strutture carcerarie divenga un problema “della” città e non più “per” la città. Lo spettacolo scelto è l’ultima produzione realizzata dal Teatro Telaio, Persi e ritrovati – storia di un bambino e di un pinguino, uno spettacolo sul dialogo tra mondi diversi.

    La prima replica per tutte le altre famiglie sarà invece domenica 6 novembre presso il Teatro S. Giulia al Villaggio Prealpino a Brescia con il divertentissimo spettacolo musicale Toni Mannaro del Teatro Minimo, uno spettacolo, a dispetto del nome della compagnia che lo rappresenta, di forte impatto scenico per il numero degli artisti impegnati.

    Seguirà una prima parte della stagione dedicata soprattutto ai più piccoli, con rappresentazioni di fiabe e racconti: classici come Jack e il fagiolo magico, Raperonzolo e Storie di principesse, Hansel e Gretel, o contemporanei come Persi e ritrovati e La grammatica della fantasia di Rodari. La seconda parte della stagione vi aggiunge Emanuele e il lupo, Le favole di Esopo, un Piccolo Principe, Le quattro stagioni, Bù! e L’albero.

    Dedicati soprattutto alla scuola primaria Un sacco di libri, L’albero di Nina e il prossimo debutto del Telaio, Il viaggiatore.

    Tra la primaria e la secondaria inferiore si collocano invece Abbaiare alle nuvole, che mette a tema la scelta della propria vocazione,  due spettacoli tratti dai grandi classici L’isola del tesoro e I ragazzi della Via Paal, Il bambino Oceano (versione attualizzata di Pollicino tratto dall’apprezzato scrittore contemporaneo:Jean Claude Mourlevat) e Il bambino di Noè, vicenda legata all’occupazione nazista del Belgio e al rapporto fra religioni e culture diverse dall’omonimo bellissimo romanzo di Carl Emmanuel Schmitt.

    La sezione dedicata al tema del Natale vede riproposti i nostri Aspettando Natale (narrazioni per i piccoli dalla festa di S. Lucia a leggende sulla notte di Natale) e Natale!, racconto poetico – umoristico dell’annuncio dei pastori e del viaggio dei Magi, con la partecipazione dei clown del Teatro Necessario. Vi si aggiungono il Canto di Natale, da Dickens e La pastora, narrazione-animazione di origine popolare e contadina.

    Tra le novità di quest’anno Robinson & ManFriday, spettacolo in inglese, riservato al secondo ciclo della scuola primaria ed alla secondaria inferiore: il teatro diventa così un interessante e divertente ausilio per la didattica della lingua straniera. Lo spettacolo, che è stato realizzato in collaborazione di docenti di lingua straniera, vede in scena, nei panni di Robinson, un attore madre lingua che si troverà ad insegnare ad uno stralunato Venerdì ed al pubblico in sala, la lingua inglese ed anche le buone maniere.

    Prosegue ed è particolarmente potenziato il progetto Storie di classe. che porterà alcuni spettacoli direttamente nelle scuole che ne faranno richiesta. Poiché infatti molte scuole hanno problemi di trasporto e per questo motivo devono rinunciare a venire a teatro, con questa nuova sezione di Storie storie storie si vuole provare a portare il teatro nelle scuole a condizioni analoghe al resto della stagione. Si sono quindi scelti alcuni spettacoli che non hanno particolari esigenze tecniche e che verranno portati all’interno delle scuole che ne faranno richiesta (o in luoghi da loro indicati) in date da concordare telefonando allo 030 46535. Il Teatro Telaio si occuperà quindi di tutta la parte organizzativa.

    Altra apprezzata novità è la realizzazione di un sito dedicato alla rassegna: http://storiestoriestorie.teatrotelaio.it, su cui possono essere consultati programmi, schede e condizioni di prenotazioni.

    I costi dei biglietti restano invariati rispetto all’anno scorso: adulti € 7,00; bambini € 5,00; mentre le scuole salgono a € 4,50. Sono a disposizione tessere – abbonamento, sia per gli spettacoli domenicali (4 spettacoli: adulti € 21,00; bambini € 15,00) che per quelli scolastici (3 spettacoli € 11,00; 5 spettacoli € 17,00).
    Ulteriori informazioni su www.teatrotelaio.it oppure Teatro Telaio 03046535. Scrivendo al Telaio è possibile inserirsi nella mailing list per ricevere informazioni direttamente sul proprio computer.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY