Pm10, dopo 12 giorni di supero scattano le domeniche a piedi. E dopo 18 le targhe alterne

0
Bsnews whatsapp
(da.bac.) Prima le domeniche a piedi. Poi, se queste non dovessero bastare, anche le targhe alterne. E’ questa la strategia messa a punto dalla Loggia e dai 20 Comuni dell’area critica per affrontare l’emergenza pm10. Stamane il tavolo tecnico si è riunito nel palazzo comunale e ha definito quelle che saranno le misure anti-smog da qui alla prossima primavera. La firma ufficiale del protocollo avverrà venerdì, ma le linee guida sono oramai definite.
 
In sostanza dopo 12 giorni di superamento dei livelli di pm10 (50 microgrammi per metro cubo) è previsto che la domenica successiva le auto si fermino dalle 8 alle 20, compresi i veicoli euro 4 e 5 e le auto a metano o gpl. Se poi i superi dovessero continuare per altri sei giorni – e quindi arrivare a un filotti di ben 18 giorni – allora scatterebbe in modo automatico il meccanismo delle targhe alterne, con le stesse deroghe dello scorso febbraio. 
 
Soddisfatto il vicesindaco Rolfi che nei giorni scorsi aveva espresso più di una perplessità rispetto al meccanismo del "pari o dispari". "Abbiamo invertito le contromisure, prima le domeniche ecologiche e solo se l’emergenza dovesse continuare le targhe alterne".
Esclusa, invece, l’ipotesi di organizzare domeniche ecologiche (una al mese) a prescindere dal livello di inquinamento. Se per tutto l’inverno i livelli dovessero essere nella norma, non vi sarà dunque nessuna domenica a piedi. "Magari fosse così" si limitano a dire i sindaci uscendo da palazzo Loggia "vorrebbe dire che l’aria non sarebbe inquinata a livello d’emergenza…" 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. ma sbaglio o Ghirardelli come coordinatore del tavolo tecnico aveva coinvolto non solo i comuni dell’area critica della prima zona, ma anche quelli della seconda; e sempre se non ricordo male l’accordo di programma fatto a quel tavolo era molto più completo e più particolareggiato.
    Qui si è semplicemente semplificato, ma i problemi riguardanti l’inquinamento ambientale non sono SEMPLICI e ANDREBBERO AFFRONTATI CON SERIETA’ E COMPETENZA.

  2. Questi qua ci vogliono solo avvelenare. Come è pensabile che per frenare il livello di inquinamento atmosferico prodotto in prevalenza dal traffico ci vogliano tutti questi giorni di attesa. Come è pensabile che l’Amministrazione comunale di Brescia, pur sapendo come è malamente ridotta questa città (terza città più inquinata d’Europa) abbia consentito la riduzione del 50& del costo dei parcheggi, mentre in contemporanea votava l’aumento del prezzo del del biglietto dell’autobus con un conseguente crollo dell’utenza? Come è pensabile che la Giunta voglia realizzare un parcheggio sotto il castello quando tutti gli altri parcheggi attorno al centro storico son sotto utilizzati (50%), richiamando così altre auto, invece di predisporre parcheggi scambiatori all’ingresso della città? Come è pensabile che non si ponga un limite alla circolazione di veicoli ultra inquinanti come i SUV che sono i veicoli privati maggiormente inquinanti e che occupano quasi il doppio dello spazio nei parcheggi al pari del costo delle altre autovetture? Come è pensabile che in tutto questo casino assessori incompetenti continuino ad occupare posti di responsabilità? Come è pensabile che la popolazione tolleri tutto ciò pur sapendo che è seriamente in gioco la nostra vità?

  3. I BRESCIANI RESPIRANO L’ARIA DELLA TERZA CITTA’ PIU’ INQUINATA D’EUROPA !!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ma fino ma che i bresciani utilizzano l’auto per fare 100 metri c’è poco da sperare.
    Ampliare le ZTL e chiuderle per sempre!
    E’ più importante la salute dei bresciani o i negozi del centro ?

  4. IL PARCHEGGIO SOTTO IL CASTELLO? NESSUNO LO VUOLE, SOLO GLI AMMINISTRATORI: COME MAI? E’ COME IL METRO’: NESSUNO LO VOLEVA MA SONO ANNI CHE PAGHIAMO PER CHI?

  5. "Come è pensabile che non si ponga un limite alla circolazione di veicoli ultra inquinanti come i SUV che sono i veicoli privati maggiormente inquinanti e che occupano quasi il doppio dello spazio nei parcheggi al pari del costo delle altre autovetture? Come è pensabile che in tutto questo casino assessori incompetenti continuino ad occupare posti di responsabilità? Come è pensabile che la popolazione tolleri tutto ciò pur sapendo che è seriamente in gioco la nostra vità?"

    Cito le sue frasi: mi scusi ma dove ha letto queste frottole sui suv??? su diva e donna o su d+??? perché credo che solo l’ignoranza più completa possa partorire frasi del genere.

  6. Frottole in corno. Le PM10 sono prodotte principalmente dalla frantumazione dei pneumatici, dal sistema frenante e dalla combustione. I pneumatici dei SUV, sono o no il doppio per dimensione degli altri pneumatici? Il sistema frenante è o non è più rilevante delle altre autovetture? Consumano o non consumano più delle vetture euro 0 messe fuorilegge perchè troppo inquinanti? Occupano o non occupano più spazio degli altri mezzi privati nei parcheggi, pur pagando lo stesso prezzo? Quindi, prima di sbraitare l’ignoranza altrui si vada a leggere le competenti riviste in materia di produzione di inquinanti come sono le PM10, PM5, PM2,5 e poi ci risentiamo nel caso abbia qualcosa da aggiungere per condannare questi mezzi che oltre a mettere in serio pericolo la circolazione stradale per il loro volume e pericolosità, nuocciono gravemente alla salute umana, tanto per citare la pubblicità contro il fumo nocivo. Frottole, ma va là fuuuurbo!!!!

  7. ha ragione inquina molto di più una toyota prius che arriva direttamente dal giappone trasportata su una nave che non ha sistemi inquinanti.

  8. Allora non solo non vuole capire, ma continua con il tentativo di giustificare una situazione inaccettabile che è quello rappresentata dai SUV, mezzi inquinanti, pericolosi ingombranti per la circolazione stradale al punto che il Comune di Firenze ha adottato nei loro confronti provvedimenti di restrizione alla circolazione nel centro storico. Questi fuoristrada che circolano nelle vie di una pianura non le sembrano altrettanto ridicoli come i proprietari che le usano con il preciso intento di pavoneggiare la propria posizione sociale tranne quando devono presentare la denuncia dei redditi dove allora non si vergognano di essere dei poveracci esenti ad esempio dai tickets sanitari?

  9. i suv sono liberamente in vendita e se uno vuole comprarseli son cavoli suoi, poi se lei, dall’alto della sua super cultura in termini automobilistici, controllasse le misure di tutti i suv e le comparasse con quelle delle normali berline medie, scoprirebbe che spesso occupano meno spazio, salvo l’altezza (della quale a nessuno interessa). le sue frasi popolari sui suv fanno solo ridere.

  10. Poi se vuole fare polemica sulla loro utilità, be’ ce ne è tanta, ma ognuno coi suoi soldi fa ciò che vuole, ad esempio comprare un rolex da 5000 euro a me può sembrare assurdo ad altri no, perchè ha la stessa utilità di un orologio da 10 euro trovato nel dixan. eppure nessuno critica chi porta il rolex mentre tutti criticano chi guida il suv (forse perché è così che ci vogliono i politici?) poi sinceramente credo che renzi debba pensare a ben altre cose che a limitare la circolazione di suv, forse l’ha fatto solo per accontentare la fetta della popolazione ignorante e bigotte che, a causa della propria ignoranza in termini di autoveicoli e inquinamento, beve tutto quello che la tv e i politici gli propina

RISPONDI