Presentato in Broletto il Progetto famiglia

    4

    Attività socio-educative di mediazione familiare, lavoro di messa in rete di associazioni giovanili, società sportive e volontariato per favorire condizioni di miglior benessere ed agio per uno sviluppo psicofisico e sociale armonioso dei giovani. Interventi per i ragazzi nel rapporto con la scuola tramite colloqui individuali e con la famiglia accompagnati da indagini pedagogiche a sostegno, percorsi per la costruzione di identità che si dedichino agli altri favorendo scelte di volontariato. Lavoro con i genitori per sostenere la funzione genitoriale specie nel rapporto con figli in età adolescenziale,  attività di accompagnamento ed orientamento al lavoro per i giovani, percorsi formativi e socio-educativi per le giovani coppie nella loro costruzione di percorsi di vita e futura genitorialità. E’ quanto prevede il ‘Progetto Famiglia, approvato nel giugno scorso dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore allo Sport e Giovani, Monica Rizzi,  finanziato con 150.000 euro e da lei illustrato a Palazzo Broletto a Brescia. Oltre all’assessore Rizzi era presente Aristide Peli, assessore all’Istruzione e Famiglia della Provincia di Brescia. "Nel 2002 il progetto pilota – ha sottolineato l’assessore Rizzi – riguardava solo tre comuni,  tra cui Darfo Boario Terme. Ora gli sportelli sono dislocati in tutto il territorio bresciano, questo permette di monitorare le problematiche giovanili e delle famiglie in modo da permettere alle istituzioni e agli enti locali di intervenire in maniera efficace". Oltre alla Provincia di Brescia e a   Darfo Boario Terme sono coinvolti anche i comuni di Montichiari, Brandico, Palazzolo sull’Oglio, la Comunità di Valle Trompia e quella di Valsabbia. "In un momento difficile come questo – ha aggiunto l’assessore Rizzi – il progetto famiglia è un segnale di speranza vera e concreta. I giovani sono il futuro, è importante sostenerli nel momento più difficile, quello della crescita e della formazione". "Regione Lombardia ha dimostrato ancora una volta  – ha detto l’assessore Rizzi di essere vicina al proprio territorio. Questo progetto costituisce un ottimo esempio di collaborazione interistituzionale e il coinvolgimento diretto della Provincia ne è una testimonianza".
    Per la realizzazione del piano di lavoro, che si concluderà entro il mese di agosto 2012, è prevista la costituzione di un ‘Tavolo di Progetto costituito da Regione e Provincia e dai referenti di tutti i soggetti coinvolti, che avrà il ruolo di  “cabina di regia”. 

    Comments

    comments

    4 Commenti

    1. Il sapere che la Signora Rizzi è ancora in giro mi mette profondamente a disagio e danneggia il mio sviluppo psicofisico e sociale armonioso. Potreste dirle di smetterla? Non vorrei che per colpa sua fossi costretta ad andare dallo psicologo

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome