Irpef, esenzione sotto i 15mila euro e aliquota unica. Non la pagherà un bresciano su quattro

    0

    Cambia l’addizionale Irpef comunale. Introdotta lo scorso luglio, con un’aliquota uguale per tutti dello 0.20%, nel 2012 doveva raddoppiare. Poi l’amministrazione ha deciso per un’esenzione sotto i 10mila euro di reddito e un’aliquota progressiva, dallo 0.30 allo 0.80 in base all’imponibile. Ora però la Loggia sta lavorando a una nuova ipotesi, vale a dire alzare la soglia di esenzione a 15mila euro (non pagherebbe un bresciano su quattro) e un’aliquota unica “almeno” dello 0.50%. “Siamo aperti a discutere di questa soluzione con tutti e a valutare anche altre ipotesi” ha spiegato l’assessore al Bilancio Fausto Di Mezza, l’importante è che il saldo resti uguale, vale a dire 14 milioni l’anno, dal momento che l’addizionale – ha ricordato è stata introdotta per pagare la rata del mutuo per il metrò (13,2 milioni)".  

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Il governo della lega e del pdl che fanfaronamente avevano detto che non volevano imporre le tasse, ora le scaricano sui cittadini che per coesrenza dovrebbero girarle a questi partiti delle bugie!

    2. ma perché dobbiamo pagare l’addizionale? per finanziare le loro cene o i loro aperitivi? oppure per finanziare i loro capricci come il cubo bianco o il parcheggio sotto la galleria? ma questi politici che ci governano perché non danno le dimissioni subito?

    3. MA perchè per arrivare ad ogni decisione ci devono essere mille annunci, marce indietro, correzioni, verifiche, nuove proposte, sospensioni, rettifiche e chi più ne più ne metta. Ma non possono decidere e basta?

    4. perché nemmeno loro sanno di cosa stan parlando, pensano solo ai loro interessi e mai a quelli della collettività, devono raccimolare voti e basta.

    LEAVE A REPLY