Bambini: delizia per le mamme, croce per molti altri

0

di Lucia Marchesi – Parliamo di bambini. Delizia dei genitori e croce di molti altri. Negli ultimi anni si è molto diffusa una nuova filosofia educativa, secondo la quale oggi i bambini “devono essere lasciati liberi di esprimersi”. Ma cosa significa in concreto? Significa che il pargolo può fare tutto quello che gli passa per la testa e che comportamenti che alla mia generazione costavano sonori schiaffoni provocano al massimo un sorrisino compiaciuto da parte del genitore.

Proviamo per un momento, mentre camminiamo per le strade della nostra bella Brescia, a guardarci un po’ intorno. Qual è la percentuale dei bambini che passeggiano tenuti per mano da un responsabile adulto? Sembrerebbe piuttosto bassina; tanto che se andiamo a fare le “vasche” in Corso Palestro il sabato pomeriggio, non è raro sentire madri che strillano i nomi dei figli che, di solito, si trovano a circa un chilometro di distanza. Ma non sarebbe più semplice tenerli per mano, invece di perforare i timpani dei malcapitati passanti?

Continuiamo la passeggiata del sabato e sediamoci in un bar. In poco tempo, giungiamo a una elementare conclusione: un bambino che viene trascinato a bere l’aperitivo con gli amici dei genitori dopo mezz’ora si stufa da morire. E scatta la vendetta: urla, strepiti e capricci; fino a quando l’adulto, esasperato, sbotta con la fatidica frase «Vai a farti un giro», che parafrasata significa «Vai a rompere le scatole a tutti gli altri avventori, ma non romperle a me». Gioia e gaudio di tutti gli altri clienti, che si troveranno una furia scatenata che corre tra i tavoli, dando gomitate e rovesciando pirli e che se tenteranno timidamente di protestare verranno etichettati come persone orribili, che “maltrattano i bambini”. Perché guai a fare un’osservazione! Nessuno deve permettersi di tarpare le ali alle speranze del futuro. I genitori sono sempre e comunque orgogliosi dell’operato dei loro delfini, tanto che, un bel giorno, entrando in ufficio, una tua collega ti racconterà orgogliosa di come la figlioletta di due anni, la sera prima, abbia attentato alla vita di un povero ragazzo che serviva le pizze, facendolo cadere con tanto di piatti bollenti, all’interno del ristorante dove la piccina era stata tranquillamente sguinzagliata, mentre i genitori si godevano la meritata cena fuori.

Quindi, appello ai moderni genitori: prima di portare i figli al bar o al ristorante, assicuratevi che siano in grado di sopportare l’eventuale attesa, senza rendere impossibile la vita ai presenti. Altrimenti, aspettate qualche anno. Grazie.

Ma non è finita. Andiamo avanti e diamo un’occhiata fuori dalle scuole. Parlo della scuola materna, ah no! scusate “scuola dell’infanzia” e della scuola elementare, ops! “primaria”.

C’è un motivo scientifico per cui le nuove generazioni debbano essere accompagnate in auto praticamente fino al proprio banco? Ma noi che andavamo alla scuola di quartiere per mano a mamma o a papà siamo venuti proprio così male? Scusate, ma non riesco a farmene una ragione! Possibile che chi abita nei pressi di una scuola non possa utilizzare il proprio passo carrabile negli orari di inizio e fine delle lezioni? Vogliamo parlare di cosa diventano Via Cattaneo e Via Trieste quando i bambini escono dall’Arici? Perché poi, diciamocelo, mica si tratta di piccole utilitarie. Eh no! Vogliamo accompagnare il nostro erede a scuola senza un Suv lungo otto metri e largo quattro? Ma ci mancherebbe altro! Il piccolo che esce esausto da un’aula di terza elementare non merita forse un’auto dotata di tutti i comfort? E mi raccomando, a bordo il lettore blu-ray! Per evitare che magari, guardando fuori dal finestrino, veda per un attimo il mondo reale.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Un intervento come questo può essere preso sul serio o sul faceto: gli argomenti sono seri ma gli esempi sono troppo drastici. Va bene, ma può andar meglio!
    Bambini o non bambini (Lucia… lei non ha bambini e si è dimenticata di quando era bambina 😉 non tutte le mamme hanno la fortuna di essere circondate da un esercito di nonne zii cugini che possono portare a piedi i pargoli a scuola: le mamme che conosco io sono sempre con i minuti contati – e no, non vorrebbero un SUV – quindi capita anche alle più brave di fermarsi un momento in sosta vietata) qui si tratta di normale educazione perché l’abbinata (maleducato+SUV) si comporta allo stesso modo all’edicola, al bar, ecc, ecc… Qui si tratta di avere il coraggio di riappropriarci del concetto di rispetto dell’altro e di punibilità delle azioni che vi vanno contro.

  2. Ti manca una frase: perché il comune ha permesso che si moltiplicassero le unità abitative nelle vie succitate senza prevedere che vi fossero posti auto? L’Arici c’è dai tempi in cui si andava a piedi!

  3. Caro sig. Luigi, nemmeno io ho figli però le assicuro che mi ricordo perfettamente di quando ero una bambina. A scuola mi hanno sempre portato i miei genitori e non le zie i nonni e i cugini, scusi ma proprio l’osservazione è inconferente. In ogni quartiere della città c’è una scuola elementare e media e un asilo. Non c’è bisogno di andare tutti all’Arici perché è chic. Come tutti i compagni che ho avuto alle elementari e medie, anche io ho frequentato le scuole di quartiere e i miei genitori hanno risparmiato in benzina e in inquinamento. Quando si andava al ristorante bisognava stare fermi e composti sulla sedia e possibilmente non gridare troppo. Altrimenti scattava lo scappellotto o lo sculaccione. Soprattutto era severamente vietato importunare gli estranei. Vede come mi ricordo bene? Non penso di essere drastica se pretendo dai fanciulli di oggi un comportamento come quello che io ero obbligata a tenere. E anche secondo me il binomio SUV-maleducato funziona davvero più spesso di quel che dovrebbe. Tra l’altro, se mi permettete un’osservazione che non c’entra nulla con l’argomento, sono pure brutti e ineleganti…

  4. Chiara, sono d’accordo con lei sul fatto che sia una questione di educazione. Non mi piace però quando si generalizza e di colpo _tutti_ diventano maleducati. I genitori che conosco stanno attenti, mandano i propri figli alla scuola più vicina, se devono correre per via del cartellino da timbrare capita che in genere le mamme parcheggino dove possono ed i papà arrivino in ritardo. La mia era un’esortazione a Lucia: come ho detto, al strada è buona ma un articolo che resista nel tempo non deve fare di tutta l’erba un fascio.

  5. no, non ho bambini e sinceramente non ho neanche in programma di averne. La ringrazio comunque Luigi, i consigli e le critiche sono sempre utili. Però mi permetta qualche piccola aggiunta. La collega che ha raccontato orgogliosa di aver permesso alla figlia di 2 anni di fare un tale disastro non è inventata, esiste davvero. E proprio la settimana scorsa, mentre ero seduta a un bar di piazza S. Alessandro, un bambino di 4 o 5 anni ha tentato di dare un calcio al mio cagnolino di 6 mesi che era tranquillamente sdraiato sotto il tavolo. Alle mie proteste, il padre ha risposto offeso «Ma non l’ha mica fatto apposta»… Vede signor Luigi, lo so che non devo fare di tutta l’erba un fascio, ma deve ammettere che io sia parecchio sfortunata con bambini e genitori che incontro per strada!

LEAVE A REPLY