Formigoni “condanna” Nicoli Cristiani: “Comportamenti inaccettabili”

0

Nell’ambito della vicenda che ha portato all’arresto del vicepresidente del Consiglio regionale Franco Nicoli Cristiani, ”nessuna responsabilita’ e’ da attribuire ad alcune membro della Giunta”. E’ quanto ha sottolineato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, parlando ieri della vicenda di fronte al Consiglio regionale. Formigoni ha definito ”del tutto inaccettabili” i comportamenti attribuiti a Nicoli Cristiani sottolineando di condannarli ”senza tentennamenti”. 

Relativamente alle indagini della magistratura sui cantieri di Fara Olivana e di Cassano D’Adda della Brebemi, il governatore lombardo, Roberto Formigoni, ha ribadito ”l’estraneita’ della Regione Lombardia”. Secondo Formigoni, intervenuto in Consiglio regionale sulla vicenda delle tangenti che ha portato all’arresto del vicepresidente del Consiglio regionale, Franco Nicoli Cristiani, ”in questo caso di tratta di una presunta irregolarita’ nel conferimento dei materiali. Peraltro gli atti parlano di una contraffazione di certificati, il che colloca il presunto reato in un ambito ben definito e preciso, rispetto al quale Regione Lombardia non ha nessuna competenza ne’ responsabilita”’. Secondo Formigoni la societa’ concedente Cal ”e’ estranea ai fatti e, anzi, e’ parte lesa”, cosi’ come la stessa concessionaria Brebemi ”e’ anch’essa parte lesa” e lo sara’ anche il consorzio Bdm, ”qualora sia in grado di dimostrare di aver posto in essere gli adempimenti e i controlli imposti dalle disposizioni normative applicabili”.

”E’ importante che i lavori riprendano al piu’ presto: ritengo urgente e doveroso – ha concluso Formigoni – chiarire al piu’ presto le responsabilita’ e ristabilire le necessarie condizioni di legalita’ e sicurezza, per potere riaprire al piu’ presto i cantieri di un’opera strategica per l’economica del nostro territorio, che non merita di essere minimamente rallentata per l’azione spregiudicata di qualche operatore disonesto”.

‘Se il consiglio regionale volesse istituire una commissione speciale per approfondire, siamo pronti a fornire tutti i particolari”: e’ quanto afferma il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, in merito alla vicenda che nei giorni scorsi ha portato all’arresto del vicepresidente del consiglio regionale, Franco Nicoli Cristiani, il cui nome peraltro non e’ stato mai citato direttamente. ‘Noi siamo parte lesa – ha ribadito Formigoni a margine del suo intervento in aula – sia sulla vicenda che ha portato agli arresti dei giorni scorsi, sia sulla Brebemi. Se ci sara’ un processo noi saremo parte lesa”.

Comments

comments

LEAVE A REPLY