Manifestazioni contro la manovra, Bragaglio (Pd): rammarico per la divisione dei sindacati a Brescia

0
Bsnews whatsapp

Giusto esserci alle manifestazioni sindacali di lunedì. Ma “sono rammaricato del fatto che a Brescia non si siano create le condizioni d’una iniziativa unitaria di Cgil, Cisl e Uil”. A dirlo è il consigliere comunale del Pd Claudio Bragaglio che con una nota interviene sulla questione dello sciopero nazionale contro la manovra del governo Monti.

ECCO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO

La decisione di Cgil, Cisl, e Uil, di promuovere le iniziative unitarie e lo sciopero per poter modificare la manovra del governo Monti nel senso d’una maggior equità sociale, ritengo sia giustificata e condivisibile. Come ritengo sia motivata la decisione di dirigenti e militanti del PD che intendono partecipare per testimoniare una solidarietà, per confrontarsi e per ascoltare.

Oltretutto questa iniziativa sindacale si lega anche all’impegno degli enti locali per poter assicurare una tutela dei servizi sociali e del welfare che passa per i servizi territoriali per i cittadini.

Sono convinto che è proprio la consapevolezza della gravità della crisi, come della preoccupazione per le prossime misure sul lavoro, già in cantiere, che motivano tali iniziative.

Il mondo del lavoro, dei pensionati e della società più bisognosa non può che far sentire la propria voce per sostenere le modifiche necessarie e per dar forza al governo stesso nel confronto o nello scontro, forse inevitabile, con gli interessi costituiti, le rendite finanziarie, le posizioni di potere economico, che intendono sottrarsi (si pensi alla vicenda dei capitali scudati) ai sacrifici necessari per salvare il Paese.

In merito alle questioni del lavoro e delle pensioni, con riferimento alle proposte di modifica, condivido le posizioni assunte in questi giorni, in particolare da Cesare Damiano, già ministro del Lavoro del governo Prodi. Posizioni equilibrate – a correzione di punti molto critici riguardanti alcune modifiche in campo pensionistico- che mi auguro vengano fatte proprie in Parlamento da tutto il PD.

Sono altresì rammaricato del fatto che a Brescia non si siano create le condizioni d’una iniziativa unitaria di Cgil, Cisl e Uil, che sarebbe stata la migliore risposta per meglio rappresentare e dare forza – pur consapevole delle obiettive difficoltà esistenti – alle posizioni comuni ed unitarie, per la prima volta e da molto tempo, maturate sulle politiche governative.  

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. «Alfano ha fatto un buon lavoro limando al massimo i provvedimenti pesanti della manovra. Il suo atteggiamento è stato responsabile e condiviso da tutto il partito che, unito, la voterà». Queste le dichiarazioni di Gianfranco Rotondi, membro dell’Ufficio di presidenza del Pdl. Il PD ha già annunciato da tempo il suo appoggio alla manovra. E’ proprio vero che in parlamento oggi sono tutti uguali…

  2. …quondo B…o che fà?a parte diramare comunicati stampa inutilmente prolissi?
    Si dimette da consigliere comunale e torna a fare la sua professione?Quale?

RISPONDI