Il Pdl bresciano: preoccupati per la Finanziaria. Nicoli? “Speriamo che dimostri la sua innocenza”

0
Bsnews whatsapp

“Condivisione e unanimità: questa è la migliore espressione con cui sintetizzare l’esito del coordinamento provinciale del Popolo della Libertà di ieri”. Con queste parole l’On. Viviana Beccalossi, vice coordinatore regionale e coordinatore provinciale PDL, commenta la seduta del coordinamento provinciale del PDL tenutosi ieri sera alla presenza dell’esecutivo al completo. Presenti, tra gli altri, gli On.li Mariastella Gelmini, Stefano Saglia, Giuseppe Romele.

“Molti sono stati i temi trattati – spiega Viviana Beccalossi – e il confronto trasparente ci ha permesso di approfondire, in un clima di piena collaborazione, tutti i punti all’ordine del giorno tra i quali, i più delicati, quelli inerenti la manovra del Governo Monti e l’arresto di Franco Nicoli Cristiani, raccolti in un documento approvato all’unanimità”.

“Nel primo caso – continua Viviana Beccalossi – abbiamo tutti espresso perplessità e preoccupazione per la scarsa attenzione dedicata, nel documento finanziario del Premier Monti, verso le famiglie, i giovani e verso le piccole e medie imprese, di cui il nostro territorio è permeato e che costituiscono una preziosa fonte di impiego, oltre a rappresentare l’eccellenza del made in Brescia a livello nazionale e internazionale”.

“Per quanto attiene il secondo punto – aggiunge Viviana Beccalossi – confidiamo che Franco Nicoli Cristiani – cui va riconosciuto, come a chiunque altro, il principio della presunzione di innocenza – possa dimostrare la più completa estraneità ai fatti contestati. Abbiamo preso atto della sua decisione di autosospendersi dagli incarichi dirigenziali di partito, accogliendola e rendendola esecutiva a tutti gli effetti. Al suo posto, come consigliere regionale, subentrerà Vanni Ligasacchi”.

“Altra tematica trattata – conclude Alessandro Mattinzoli, vice coordinatore provinciale PDL – sono i congressi. La convocazione del congresso provinciale entro il prossimo mese di gennaio ed i congressi comunali, costituiranno concreti segnali di cambiamento e rinnovamento del partito come ci siamo promessi e abbiamo promesso”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Di cosa sono preoccupati se tanto a pagare saranno solo i lavoratori dipendenti ed i pensionati! Mentre a farla franca saranno ancora gli evasori fiscali, come peraltro è avvenuto nei loro governi, grazie ad i condoni e agli scudi fiscali?

  2. Estraneità ai fatti? Può darsi che i giudici la bevano, ma di fronte alla confessione di Locatelli e alla busta dei 100mila in casa vorrei proprio vedere!!!!

  3. Cara,Viviana,ti mancherà assai il tuo Nicoli…non preoccuparti della sua innocenza,pensa ai danni arrecati!!Voglio vedere quando la finerete ti prenderci per i fondelli!!

  4. Ma se dei dipendenti Athena, società a cui il comune ha elargito appalti e licenze, non ve ne fragava nulla, seppur non pagati e alcuni già licenziati all’epoca degli stessi???? Strano, Lega, Pdl, Udc, nessuno ha ascoltato , nessuno ha responsabilità! Però tutti tacciono, perfino tutti gli organi di stampa bresciani!!!! Tutti precisi: paura di perder elezioni, poltrone, soldi da cittadini….

  5. Viviana voi parlate di aiuti alle piccole e medie IMPRESE…..ma scusa a Brescia cosa è stato fatto,queste non sono parole al vento , basta vedere come girano gli appalti…di come vengono aggiudicati gli appalti , se tanto mi dà tanto basta vedere quanti inviti sono stati fatti e quante gare hanno sempre vinto le stesse imprese, i nomi sono sempre quelli , e se non sono sempre quelli , entrano come ( SUB—Appalto ) ????? Questo è dare aiuti alle piccole e medie imprese, comunque non bisogna essere dei geni basta leggere le carte (Gare APPALTI ), è una domanda che mi sono sempre chiesto , come mai capitano queste cose, Appalti che vengono affidati quelli alti sopra la soglia dei 100.000.00 sconti bassi appalti sotto i 100.000.00 sconti che addirittura si arriva a fare 30% fino 40%, non sò il perchè ma sono cose che si vedono anche a video sul sito Comune di Brescia

  6. Più che la propria Nicoli deve dimostrare l’innocenza dei 100 mila euro che la Benemerita ( mai nome fu cosi’ appropriato ! ) ha trovato in casa sua.

RISPONDI