Appartamento confiscato alla n’drangheta ospita disabili: è la prima volta a Brescia

0
Bsnews whatsapp

(a.c.) Lo prevede la legge, addirittura dal 1996 (Legge 109), eppure quello consegnato ieri a tre persone disabili della città è il primo appartamento confiscato ad associazioni mafiose che viene utilizzato a fini sociali.

Si tratta di un’appartamento situato al civico 97 di via Crocifissa di Rosa, confiscato alla n’drangheta anni fa e consegnato al Comune nel giugno 2009. Ora l’assessorato ai Servizi Sociali di Giorgio Maione l’ha assegnato alla cooperativa La Mongolfiera, che ha deciso di farne la residenza di tre persone disabili che potranno farsi una vita propria, autonoma e indipendente. Una casa vera, non un ambulatorio o un centro diurno, dove solo se necessario interverranno aiuti esterni. Significativo il nome dato al progetto: Fuori dal nido.

L’appartamento è stato arredato grazie alla solidaietà di Lions Club Brescia Host e Capitolium.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

RISPONDI