Ospitaletto: paese incredulo. Già oggi il Commissario Prefettizio in municipio

0
Bsnews whatsapp

(a.c.) Tutto da rifare? E’ molto, molto probabile. A meno che il Consiglio di Stato non annulli la sentenza del TAR in seguito all’eventuale ricorso in appello della lista di maggioranza di centrosinistra guidata dal sindaco Giovanni Battista Sarnico. Scenari tutti da esplorare, ma nel frattempo l’ente è da mandare avanti, e già oggi arriverà in municipio il Commissario Prefettizio incaricato da Narcisa Brassesco Pace, il viceprefetto Antonio Naccari, non nuovo a situazioni analoghe visto che in passato ha svolto lo stesso ruolo nel comune di Capriolo.

Mentre in paese, ovviamente, tutti parlano di ciò che sta accadendo, il sindaco Sarnico esprime tutta la sua amarezza per una decisione inaspettata del TAR, e prende le distanze da eventuali accuse di responsabilità della sua lista. Sulle colonne del Giornale di Brescia in edicola stamane: «Apprendiamo le notizie dell’annullamento delle elezioni e ci riserviamo di valutare serenamente quali iniziative prendere. Noi, con la lista "Insieme per Ospitaletto", abbiamo vinto le elezioni di maggio grazie al voto dei cittadini. Preciso, nel caso fosse necessario, che io non ho nessuna responsabilità per le irregolarità oggetto della sentenza, che riguardano una delle liste a noi avversarie. Pur riaffermando la fiducia nella Magistratura, constato che in Regione Lombardia, pur in presenza di una vicenda ben più grave che l’accertamento d’alcune false firme, si continua a governare, mentre ad Ospitaletto si azzera la volontà del corpo elettorale, e si ferma l’operato della Giunta. Tutto ciò danneggerà le iniziative già intraprese a favore del paese, e indebolirà lo sviluppo futuro del paese. Posso garantire che continuerò il mio impegno per il paese».

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Pur essendo di centro – dx, trovo quanto meno "strana" la situazione di Oapitaletto, dove una maggioranza eletta dal Popolo che già aveva intrapreso il suo cammino amministrativo (che posso non condividere e non condivido ma rispetto)si trova a dover interrompere la sua attività amministrativa per un errore che se c’è stato è, a mio avviso, tale da non giustificare l’azzeramento di un consiglio comunale. Purtroppo questo è un esempio di come , la magistratura, formata da uomini, come tali fallibili, sia soggetta ad errori e forse questo di Ospitaletto è uno dei pochi, tanti casi di errore.
    Chi paga?

RISPONDI