Mobilità sostenibile, Brescia è fra le prime cinque città italiane

0

C’è anche Brescia tra le cinque città più eco-mobili d’Italia. Stando ai dati dell’ultimo rapporto di euromobility (che ha preso in considerazione le 50 maggiori città italiane) la prima piazza della classifica della mobilità sostenibile va a Torino grazie a un trasporto pubblico che funziona, al miglior car sharing della Penisola e ad un efficiente servizio di biciclette messe a disposizione dei  cittadini. A seguire in classifica Venezia, Milano, Brescia (sostenuta da bike sharing, ztl e trasporto pubblico) e da e Parma. Quindi Bologna, Padova, Bergamo, Firenze e Genova. Agli ultimi posti Campobasso e Foggia.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Sapendo che la città, in questi giorni, ha ampiamente superato la soglia dei 100 giorni di presenza nell’aria delle PM10 contro i 35 previsti dalla legge, leggendo che siamo fra le prime 5 città con la più alta mobilità sostenibile, mi ha fatto letteralmente trasecolare. Sono così andato a vedere chi sono questi qua di Euromobility ed ho scoperto che il Comune di Brescia è persona giuridica nell’area soci ed in buona compagnia con i Comuni ai primi posti della classifica. Ve lo ricordate il premio dato all’inceneritore di Brescia dalla Columbia University che era a sua volta finanziata dalla ditta costruttrice dello stesso inceneritore? Ecco si fa presto a fare due conti quando il businnes sta dietro l’angolo. Come è possibile, poi, un simile primato quando, a detta della stessa Brescia Trasporti il numero dei passeggeri è calato anche in conseguenza dell’aumento del costo del biglietto? E che dire delle vituperate ZTL di fatto quasi cancellate rispetto alla loro originaria funzione? Quale mai grosso vantaggio può rappresentare alla mobilità sostenibile ed all’inquinamento il car sharing quando in città e quasi ancora del tutto sconosciuto e con pochissimi mezzi? Chiaro, invece il messaggio: Torino lo scorso anno occupava la seconda posizione come città più inquinata d’Europa, mentre Brescia era solo la terza città più insostenibile d’Europa, per cui si fa presto a trovare i premi ed i premianti. Ma va la!!!

LEAVE A REPLY