Il “pentito” Carlo Gervasoni tira in ballo il calciatore bresciano Andrea Alberti

0
Bsnews whatsapp

(a.c.) Da ex promessa delle Rondinelle, dove ha militato durante tutta la trafila delle giovanili, a promessa mancata, non solo per demeriti suoi, purtroppo. Stiamo parlando di Andrea Alberti, classe 1985, esordiente in Serie A con Carletto Mazzone sulla panchina del Brescia (Brescia-Roma 2-3, 29 settembre 2002) dopo tante gare con le giovanili biancoazzurre e anche nelle nazionali dove ha siglato 13 gol. Alberti, bresciano di San Polo, è stato tirato in ballo da Carlo Gervasoni, colui che con le sue dichiarazioni sta facendo emergere una fitta rete di calciatori coinvolti nelle scommesse e nelle combine per pilotare diverse partite, dalla Serie A alla Lega Pro (l’inchiesta è in corso, tutti i fatti sono ovviamente al vaglio degli inquirenti). E proprio in merito a una gara di Lega Pro è stato fatto il nome di Alberti, che assieme a Fiuzzi e Iacopino (giocatori del Monza) avrebbe pilotato l’esito della gara Cremonese-Monza del 27 ottobre 2010. Alberti, attualmente in forze al Prato, allora giocava nel Monza. Nessuna dichiarazione ufficiale da parte del giocatore per ora, solo l’intenzione (anticipata a Bresciaoggi) di scegliersi un avvocato per tutelarsi.

Ecco il tabellino della gara tirata in ballo da Gervasoni:

CREMONESE: Paoloni, Sales, Favalli, Gervasoni, Tacchinardi (Marinoni), Cremonesi, Zerzouri, Bacher, Colacone (Bi Zamble), Mauri, Miramontes (Decò).
A disp.: Galli, Gambaretti, Degeri, Marzaroli
All. Montorfano

MONZA: Marcandalli, Uggè, Anghileri, Zebi, Fiuzzi, Cudini, Iacopino (Prato), Seedorf (Oualembo), Alberti (Keyeremateng), Meduri, Ricci.
A disp.: Westerveld, Tuia, Chemali, Ferrario
All. Tammaro

ARBITRO: Penno di Nichelino

RETI: 11′ Colacone, 29′ e 66′ Ricci, 70′ Oualembo, 87′ Bi Zamble

AMMONITI: Tacchinardi e Prato

ESPULSI: Marinoni

ANGOLI: 1-4
 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. questo era un altro che secondo corioni era fortissimo, abbiamo rischiato di ritrovarcelo in squadra per una vita tipo del nero attendendone per 10 anni l’esplosione

  2. brao cecco hai ragione.
    le scommesse del gino….praticamente pattume, ricordo anche gonzales, delorte,nygaad,vonlanten, del nero….tutti campioni per corioni e spariti dalla faccia della terra senza lasciare traccia…….

  3. del nero poi è proprio eclatante..la personificazione dell’espressione "eterna promessa"! basta vedere quanto ha giocato in questi anni di Lazio, ma per Corioni era fortissimo e per Somma (altr ciciarù) era addirittura uno degli esterni più forti d’Italia!!!

RISPONDI