Psi, opposizione alla giunta Paroli

0

I socialisti tornano a far sentire la propria voce e tuonano contro le scelte nuove e passate della giunta Paroli. <All’alba del 2012, nel previsto ritorno lento alla politica cittadina, la giunta comunale di Brescia, approfitta della sonnolenza postfestiva per annunciare alcune iniziative in campo economico che fanno discutere e riflettere quella Civitas che è attenta al bene comune e a quello spirito civile e democratico che va risvegliandosi a poco a poco>, esordisce la segretaria provinciale del Psi Maria Cipriano.  Tra queste, il Psi cita <la sforbiciata da 4 milioni di euro che ricadrà sul settore dei servizi sociali del Comune di Brescia con un taglio del 20 per cento su tutti i servizi appaltati alle società controllate e il dimezzamento dei servizi dedicati a non autosufficienza, povertà e famiglie numerose – ha tuonato Cipriano – Inoltre verranno defalcati 1,2 milioni di euro dal bilancio di Brescia Solidale, che gestisce le Rsa. Probabilmente saranno chiamate le famiglie degli ospiti a far fronte al taglio, con un aumento delle rette già notevolmente onerose>.

Di fronte alle promesse dell’assessore al Bilancio Fausto Di Mezza di sanare le casse comunali e il “buco” da oltre 36 milioni di euro provocato da trasferimenti, mancanti in entrata, la segretaria provinciale si preoccupa che <sia l’impegno sociale, in prima linea, a dover fare la sua parte, e come conseguenza si avrà che i cittadini deboli, prima di tutti, si troveranno a far fronte alle difficoltà della cassa comunale>. La Loggia, inoltre, proverà a recuperare un ulteriore segmento di fondi “perduti” attraverso l’istituzione di una “tassa di soggiorno”. <Come se Brescia fosse S. Moritz o Cortina – ironizza Maria Cipriano  – e come se a Brescia servisse un’imposta per incrementare il turismo>. A ciò va aggiunto che il Comune marcia invece a ritmi serrati verso un progetto su cui non sembra nutrire dubbi, il progetto di realizzazione del Parcheggio sotto il Castello. <L’onerosità dell’infrastruttura è incontestabile, tanto quanto l’impatto ambientale disastroso che avrà sul territorio  – commenta la segretaria provinciale –  Il tutto per 600 posti auto, che costeranno ai cittadini bresciani 23,8 milioni di euro>.  Ma mentre è ben viva la battaglia dei Comitati che si oppongono al parcheggio, una ventina di associazioni temporanee di impresa, le ATI, hanno già presentato la propria candidatura per la progettazione integrata. <Il paradosso dei nostri tempi è che viviamo sempre più a lungo, ma la nostra vita economica utile si accorcia e si impoverisce sia a livello di salario che di conseguente pensione, ammesso che ci sia – lamenta Cipriano – Il Comune di Brescia, per scelte sbagliate e programmazione approssimativa, fa pagare le difficoltà economiche che questa fase difficile impone a tutti, alle classi più deboli, in barba al conclamato principio di sussidiarietà che faceva di Brescia, il comune virtuoso per eccellenza – e  prosegue – Certamente se i faraonici impegni costruttivi portassero anche un minimo vantaggio alla città lavoratrice, avremmo qualche imbarazzo nel criticarne strutture e progetti. La verità è che al cittadino bresciano si chiede un aggravio consistente della pressione economica sopportata senza alcun recupero sostanziale. E se ci sono difficoltà nel bilancio perché buttar soldi in un parcheggio inutile e costoso e non pensare ad una ristrutturazione del Castello molto meno onerosa e molto più virtuosa sul piano dell’impatto ambientale e turistico?>.

 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. ci dicano i socialisti come intendono presentarsi nel 2013?
    Io spero che supporteranno convintamente la candidatura della riformista Laura Castelletti (Passione x Brescia) battendosi perchè+ sia la candidata di tutto il centrosinistra.

  2. @ Aleandro : puoi trovare notizie in merito alla politica del PSI sul sito ufficiale della Federazione di Brescia o dedurle dalle numerose dichiarazioni e comunicati stampa riportati dai giornali locali e dai siti online.

  3. @ Aleandro : puoi trovare notizie in merito alla politica del PSI sul sito ufficiale della Federazione di Brescia o dedurle dalle numerose dichiarazioni e comunicati stampa riportati dai giornali locali e dai siti online.

  4. cosa vuol dire riformista ? e progressista ? In quanto a supportare la candidatura della Castelletti , credo che non ci saranno problemi da parte del PSI , la "riformista" conosce benissimo la "casa" PSI ancora dai tempi di Craxi , fa nulla se e’ stata tra i primi ad abbandonare la nave quando affondava LOL

  5. NON SO CHI SIA COLUI O COLEI CHE NON FIRMA L’ULTIMO COMMENTO . DI CERTO NON E’ AUTOTIZZATO/A A PARLARE PER IL PSI CON LE AFFERMAZIONI FATTE SU COSA FARA’ E CHI SPONSORIZZERA’ IL PSI . MI SAREBBE INTERESSATO, INVECE , CHE SI FOSSE ENTRATO NEL MERITO DEI CONTENUTI DELL’ARTICOLO . EVIDENTEMENTE SI CERCA SOLO DI CHIACCHIERE DA SALOTTO CHE A CHI LEGGE INTERESSANO POCO E CHE SONO FUORVIANTI RISPETTO AL RUOLO CHE IL PSI BRESCIANO INTENDE AVERE SULLA POLITICA AMMINISTRATIVA DELLA CITTA’ . Tanto dovevo per il ruolo di segretaria provinciale che ricopro.

  6. Egr. Sig.ra Maria Cipriano mi sa che iniziate male la vostra campagna elettorale se solo crede di poter prendere sul serio questi blog o social network . E’ vero che ogni tanto qualche consigliere o persona sconosciuta i quali cercano di entrare in politica con un nuovo partito o lista civica spacciandosi per vergini si mettono a fare discorsi seri ma se leggera’ i commenti capira’ che tutto sono ma men che meno seri e non c’e’ assolutamente nulla di male , questi social network non fanno altro che rispecchiare la "serieta’" della politica italiana e purtroppo anche dell’informazione ( giornali e TV ) . Ora la chiudo qui perche’ aumentando il numero di post rischio solo di farle pubblicita’ ( a gratis peraltro )

  7. Qualcuno mi può spiegare cosa vuol dire: "buco" da oltre 36 milioni di euro provocato da trasferimenti, mancanti in entrata? Grazie

LEAVE A REPLY