Piazza Vittoria: entro fine mese il via libera per i lavori. Torna il Bigio

0
Bsnews whatsapp

(a.c.) Il "Bigio" si sgranchisce le ossa in vista dell’imminente ritorno in piazza Vittoria. Secondo l’assessore Mario Labolani manca ormai poco (fine mese) prima del via libera della Soprintendenza ai beni ambientali e architettonici della Lombardia al progetto di riqualificazione della piazza.

Non semplici lavori estetici, ma un vero e proprio rifacimento della piazza quello descritto dall’assessore sulle colonne di Bresciaoggi in edicola stamane: cogliendo l’occasione del rifacimento dell’impermeabilizzazione del parcheggio sotterraneo si rifarà completamente la pavimentazione della piazza, utilizzando in parte il materiale ora impiegato; scompariranno le grate d’aerazione esistenti (molto impattanti), verrà abbellito l’ingresso al parcheggio con balaustre e materiali nobili, verrà ricavata un’elegante piazzetta davanti alla chiesa di Sant’Agata e poi tornerà "lui", il Biglio, poggiato sul suo piedistallo davanti al quale verrà costruita una vasca semiesagonale contenente acqua, nella quale potrà specchiarsi.

Certo non sarà breve il tempo necessario per tutti i lavori, suddivisi in due tranche, l’ipotesi più probabile è che vengano conclusi solo nel 2013.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Una domanda: il Bar Impero in piazza Vittoria (non so se si chiama ancora cosi, 20 anni fa si chiamava bar impero…) con il ritorno trionfale in piazza Vittoria del Bigio e delle sue natiche al vento, tornera’ a sua volta, come negli anni ’30 a chiamarsi "el bar dele ciape"? (!) (vecchia arguzia popolare..)

  2. ma spendete i soldi per asfaltare le strade che fanno pietà invece di buttarli via per rifare una piazza orribile. questi lavori si fanno in tempi di vacche grasse mica in periodo di crisi. un’altra scusa x alzarci l’addizionale. ridicola questa giunta e lascerà un monte di debiti alla futura

  3. a suo tempo il bigio era anche chiamato lelo (stupido). stupido è anche spendere soldi per far rivivere un simbolo del ventennio fascista.

  4. Io invece sono sempre stata favorevole al ritorno del Bigio, per il motivo che già qualcuno qui sotto ha scritto: durante la guerra i "Ribelli" (preferisco chiamarli così, "partigiani" è un termine che ha una connotazione politica estranea alla nostra Resistenza) avevano tirato una granata contro la statua e secondo me rimettere il Bigio significa introdurre nella piazza fascista il simbolo del rifiuto dei bresciani verso quella ideologia. So che non molti la vedrebbero come me, ma io invece trovo l’idea molto poetica, oltre che patriottica.

  5. la piazza più brutta di brescia con la statua più brutta del secolo, ma non vi vergognate voi "pseudo politici" delle idee che vi vengono? e poi con quali soldi fareste queste schifezze? siamo stufi di essere spremuti di tasse tassette imposte ecc per i vostri capricci! tanto nel 2013 andrete tutti a casa

  6. pienamente favorevole, è un punto della città morto, ne trarrebbe giovamente sia chi vive li vicino che ci ha esercizi commerciali, ora come ora è tutto un parcheggi orribile e cantieri

  7. è una pessima idea per spaccare la città solo per riaffermare il ricordo ideologico di un passato ormai morto. che il bigio resti dov’è insieme al passato fascista di labolani.

  8. La proposta di rimettere il "bigio" in piazza Vittoria era già una proposta fatta dall’allora sindaco Paolo Corsini. Semplicemente un simbolo della passata storia di Brescia e niente di più. Chi dietro questa operazione, peraltro completamente sostenuta da privati, vede dei pericolosi ritorni al ventennio fascista non si deve preoccupare. Ora a preoccuparli/ci c’è il governo Monti. Già membro del governo Prodi. Tutt’altra sponda mi sembra.

  9. con le vostre logiche veterocomuniste e postresistenziali si dovrebbero abbattere le statue allo stadio dei marmi di Roma allora…ancora con i partigiani e il fascismo, l’arte è arte, riportare al suo stato originale una piazza mi sembra solo un’opera di grande civiltà e decoro per la città di Brescia….svegliatevi che il ’45 è lontano! grande Labo! continua così, il bigio lo rivogliamo!

  10. si vede anche dai commenti. eccola la spaccatura: chi è da sempre stato lontano dall’antifascismo sostiene il bigio, chi è antifascista reagisce. per questo il bigio resti dov’è, insieme all’ombra del ventennio nero.

  11. Ma dai, io non credo che l’idea di rimettere il Bigio abbia connotazioni politiche. Io ho già detto come la penso e vorrei sottolineare, come qualcuno già correttamente ha fatto, che anche la Giunta Corsini aveva proposto di rimettere la statua al suo posto e Corsini, con tutti i difetti che aveva, non mi pareva certo un fascista, anzi! La Piazza era stata concepita in quel modo, la statua doveva essere posta in simmetria con l’arengario. Posto che piazza Vittoria ce la dobbiamo tenere, a ricordo eterno di un passato che non ci piace, ma che non possiamo cancellare radendola al suolo, tanto vale averla esattamente come era, no?

  12. Ma se prima scrive "rimettere il Bigio significa introdurre nella piazza fascista il simbolo del rifiuto dei bresciani verso quella ideologia" (quella dei partigiani), come fa poi a scrivere "non credo che l’idea di rimettere il Bigio abbia connotazioni politiche"? A me comunque se rimettessero il Bigio dove era per una questione artistica, andrebbe bene. Ma cosa farebbero, rimetterebbero anche la fontana esagonale in cui era inserito? E com’è che con tutta questa attenzione "artistica" e filologica si parla di spostare il masso dell’Adamello dal fianco della chiesa? Speriamo almeno che con l’occasione tolgano da davanti alle Poste quegli orrendi e squalificanti cestini-pannello (che dovrebbero essere "arredo urbano"…). Ma da uno che ha trasformato largo Formentone in un ignobile parcheggio squinternato-transennato-cassonettato solo per togliere l’odiata pensilina, non so più cosa aspettarmi…

  13. Veramente Chiara ha parlato di rifiuto dei bresciani verso l’ideologia fascista, e ha anche detto che trova la cosa, cioè il ricordo dell’azione dei Ribelli, poetica e patriottica, quindi non politica. E leggere con un po’ più di attenzione?

  14. all’epoca della giunta corsini nessuno aveva introdotto le addizionali comunali e non eravamo d certo in tempi d crisi come ora; la giunta si lamenta che non ha soldi, tagli i servizi fondamentali del cittadino, però i soldi x le statue, le luminarie di natale e gli spettacoli di luci in piazza duomo, oltre al famigerato porcheggio sotto il castello, li ha eccome e li prende dalle nostre già vuote tasche. la politica, il 20eeni fascista ecc nn c’entrano, qui si parla di soldi non di comunisti e fascisti.

  15. Oddio, io non sono certamente una esperta, però obiettivamente quanto mai costerà rimettere in piedi una statua? Non credo che se andremo in malora il motivo sarà il ripristino del Bigio… comunque sono d’accordo sul concetto in generale, si deve fare molta attenzione a come si spendono i soldi dei cittadini.

  16. Su suo cortese invito, Lucia, alla settima rilettura del commento di Chiara ho capito che con "quella ideologia" si riferiva a quella fascista. Scusate tanto, di solito capisco al primo colpo… Ma Chiara è quella che "odia…"? Nel caso, chiedo doppiamente scusa!!! Anche perchè per fortuna almeno sul Bigio siamo d’accordo…

  17. si rifarà completamente la pavimentazione della piazza, utilizzando in parte il materiale ora impiegato; scompariranno le grate d’aerazione esistenti (molto impattanti), verrà abbellito l’ingresso al parcheggio con balaustre e materiali nobili, verrà ricavata un’elegante piazzetta davanti alla chiesa di Sant’Agata e poi tornerà "lui", il Biglio, poggiato sul suo piedistallo davanti al quale verrà costruita una vasca semiesagonale contenente acqua, nella quale potrà specchiarsi.

    no si tratta solo di ripristinare il BIGOL ma di tanti altri lavora per ora non necessari, magari riasfaltare le strade sarebbe meglio viste le condizioni in cui versano, soprattutto nel centro storico, via mazzini, via gramsci ecc sono un orribile covo di buche mal rappezzate

  18. Ma scusate, perchè tutti quelli che non vogliono sto povero Bigio devono tirare sempre in mezzo il fascismo? Sì, è stato "ideato" in quell’epoca, sì..ne ribadisce pienamente i canoni estetici (che capisco possano non piacere)
    ma… è una statua, e non ha il volto del Duce!
    Non piace? Ok si dica che non piace – ma non tiriamo in mezzo il fascismo, altrimenti dovremmo cancellare tutta piazza Vittoria ed una carrettata di altre piazze e strutture in tutta Italia.
    Personalmen te non mi entusiasma esteticamente, ma è parte della storia della città e del paese ed era parte integrante della piazza e secondo me va rimessa – anzi non andava tolta.
    E non parlo di reinstaurare un regime – parlo SOLO di rimettere la statua. Perchè in Italia cerchiamo sempre di legare tutto alla politica? Ci riteniamo tutti così arguti politologi?

RISPONDI