Due sgomberi in zona Stazione. Il vicesindaco Rolfi: “I vigili sanno ascoltare le esigenze dei cittadini”

0
Bsnews whatsapp

La Polizia locale di Brescia – nucleo Polizia giudiziaria – ha portato a termine una serie di interventi in zona Stazione, contro l’occupazione abusiva di immobili. I siti controllati erano già noti agli agenti perché si sospettava fossero dimora di persone che avevano causato nell’ultimo periodo problematicità di ordine pubblico e di sicurezza urbana per i residenti e i lavoratori della zona. Il primo intervento è stato effettuato nell’area compresa tra via Sardegna e via Sostegno, diventata nelle ultime settimane rifugio di persone senza fissa dimora e crocevia di traffici illeciti di sostanze stupefacenti. Gli abitanti della zona e i pendolari che parcheggiano le automobili in via Sostegno si erano recentemente lamentati per alcuni furti e atti vandalici di cui erano stati vittime. Gli agenti della Polizia locale hanno trovato all’interno dell’area una serie di baracche e di tende ridotte in pessime condizioni igienico sanitarie. Erano presenti al momento dell’intervento quattro tossicodipendenti italiani residenti in provincia di Brescia, che sono stati identificati e diffidati. Il proprietario dell’area ha sporto denuncia per invasione di proprietà privata e ha fatto intervenire immediatamente una squadra di operai per la demolizione delle costruzioni abusive. Il secondo sgombero è stato invece effettuato in via Elba 8/10 in un vecchio edificio che si trova in condizioni fatiscenti, già oggetto di diversi sgomberi in passato oltre che di un’ordinanza comunale che ne ha dichiarato l’inaccessibilità. Gli agenti della Polizia hanno trovato all’interno della struttura sette immigrati clandestini, i quali avevano trasformato i locali in ambienti pericolosi e malsani. “Si tratta due operazioni di grande importanza soprattutto perché effettuate in una zona densamente frequentata come quella della stazione ferroviaria. – ha dichiarato Fabio Rolfi, vicesindaco e assessore alla Sicurezza del Comune di Brescia – Le due aree erano già state oggetto di sgomberi in passato e stiamo valutando diverse ipotesi per riqualificarle definitivamente. Sull’area di via Sostegno si è già proceduto ad abbattere gli immobili fatiscenti, ora stiamo attendendo che venga concretizzato anche il piano di riqualificazione. Sul secondo edificio stiamo vagliando l’ipotesi di emettere un’ordinanza di demolizione. La struttura si trova infatti nei pressi del parco pubblico Tarello e non possiamo permettere che diventi dimora di tossicodipendenti e spacciatori. Presenta inoltre delle notevoli problematiche strutturali che hanno costretto in passato a vietarne l’accesso”. “Come si può notare dai numerosi interventi effettuati nelle ultime settimane – conclude Fabio Rolfi – prosegue senza sosta l’attività di presidio del territorio degli agenti della Locale, i quali oltre a dimostrarsi sempre più preparati negli interventi, sanno ascoltare le esigenze dei cittadini per pianificare azioni mirate in zone che presentano particolari problematiche”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. quand’è che togliete l’appoggio a paroli e si va alle elezioni? forza, che è giunta l’ora di andare a casa. basta giocare con i soldatini.

  2. " Gli agenti della Polizia locale hanno trovato all’interno dell’area una serie di baracche e di tende ridotte in pessime condizioni igienico sanitarie. Erano presenti al momento dell’intervento quattro tossicodipendenti italiani residenti in provincia di Brescia" …..e’ talmente raro il coinvolgimento di italiani nella cronaca nera , che e’ stato evidenziato , grande BsNews hahahahaha

RISPONDI