Tagli ai vitalizi dei deputati, Molgora a rischio espulsione dalla Lega? Caparini e Rolfi: ritiri il ricorso. La risposta su Facebook: lo faccio solo se vale per tutti

56
Bsnews whatsapp

"La scelta di un deputato del Gruppo della Lega Nord, e sottolineo uno solo, di fare ricorso contro la riforma dei vitalizi, è del tutto personale e, eventualmente, sarà vagliata dagli organi di partito”. A dirlo è il deputato camuno Davide Caparini, che in una nota – pur senza nominarlo esplicitamente – attacca duramente il compagno di partito e presidente del Broletto Daniele Molgora per aver presentato ricorso contro il giro di vite sulle pensioni dei parlamentari deciso a Roma. Secondo indiscrezioni, ora, Molgora rischierebbe addirittura l’espulsione dal partito nel caso non dovesse fare marcia indietro (il movimento avrebbe dato direttive precise ai suoi parlamentari). Sul punto il vicesindaco di Brescia e segretario provinciale della Lega Fabio Rolfi non si esprime (“non è una decisione che compete a me, saranno i livelli superiori del partito a decidere”). Ma Rolfi non manca di criticare Molgora per la decisione di presentare ricorso. “Non condivido questa scelta”, dice il segretario del Carroccio, “e credo che la stragrande maggioranza dei militanti del partito la pensi come me. Molgora può forse avere qualche ragione dal punto di vista del diritto, visto che ha versato i contributi e ritiene corretto percepire un vitalizio, ma – in questo momento storico – presentare un ricorso mi pare inopportuno, inelegante e in contraddizione con i valori del movimento”. 

La replica di Molgora è arrivata soltanto intorno alle 17.30 con un video pubblicato sul profilo Facebook del presidente della Provincia. “Si pensa di abbattere i costi della politica colpendo poche decine di persone o piuttosto gli oltre 2mila ex deputati con il vitalizio?”, ribatte Molgora, “Questo è un provvedimento di facciata e avrà un effetto di circa 3 milioni di euro. Invece occorre intervenire sui vitalizi di tutti: lì il risparmio può essere anche di 70 milioni di euro. Io sono pronto e disponibile a ritirare il mio ricorso se l’intervento sarà vero e non un’azione di facciata fatta esclusivamente per risolvere i problemi di qualcuno con la stampa. Questo è un problema vero”, conclude, “che è emerso soltanto grazie al mio ricorso”. 

 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

56 COMMENTI

  1. saranno pure ex parlamentari. prendiamo atto della presa di distanza della lega. ma restano cmq 15 ex parlamentari eletti con i voti leghisti. una percentuale altissima rispetto ai parlamentari degli altri partiti. ma come cavolo li scegliete i rappresentanti del popolo?

  2. ma che bella gente che avete eletto !!! veri rappresentanti del popolo. oltre a molgora ce ne sono altri 3 eletti a brescia dalla lega.

  3. Ma che paragoni fai? Lusi ha fregato i suoi compagni di partito per profitto personale: e mi pare che le reazioni si siano viste. Ti pare che nessuno si sia scandalizzato? Leggiti un po’ di forum in giro (visto che le reazioni dei compagni di partito che occupano cariche ufficiali le avrai comunque già lette sui giornali: e non mi sembrano certo amichevoli…). Posto che chi ha rubato andrà punito per legge, che c’entra con Molgora? Io non approvo Lusi e mi permetto eccome di criticare la scelta POLITCA di Molgora: che parla. Hai qualcosa in contrario? Cattivo gusto? Chiamalo suicidio politico: sono attaccati alle poltrone peggio dei democristiani!!!

  4. Mi rileggo i motivi che hanno spinto il popolo francese ad incazzarsi non poco con il ceto dominante:
    ** motivazioni sociali della Rivoluzione furono più gravi, motivate principalmente dalla divisione forzata del popolo francese in tre classi sociali: nobiltà, clero e borghesia (terzo stato), delle quali le prime due erano le privilegiate
    ** motivi economici possono essere ricercati nell’estrema miseria in cui versava la popolazione e nella rovina finanziaria dello stato. La povertà era tale che a Parigi, sul finire del XVIII secolo, si contavano oltre centomila mendicanti. Inoltre la rovina finanziaria dello stato, provocata principalmente dai dissennati sperperi degli ultimi monarchi, allo scoppio della rivolta era tale che il gettito delle imposte non copriva nemmeno gli interessi del debito pubblico.

  5. Dimenticate l’integerrimo nemico della Lega Nord Giulio Arrighini eletto in provincia con il proprio partito e che è uno dei firmatari della richiesta! Clap Clap

  6. non passa giorno che nella lega qualcuno sia minacciano di espulsione. però poi dicono di essere uniti. che bell’esempio di federalismo fraterno.

  7. Non lo faranno mai perchè conviene anche a Caprini. Vogliamo scommetterci? Non vale un tubo dire se lo ritiri", basta la domanda fatta insieme agli altri 15 leghisti per aborrire simili atteggiamenti contrari al popolo sfruttato. Il fatto vero è che solo agli uomini della lega poteva venitre in mente una simile schifezza.

  8. Consapevole di espormi alla legittima furia dell’antipolitica vorrei chiarire la mia posizione riguardo al ricorso sul mio vitalizio. La speranza è che la ragione prevalga sulla pur comprensibile e giustigficata rabbia dei nostri giorni. Quando una legislatura parlamentare si interrompe prima del consueto quinquennio, il deputato che cessa il mandato, viene messo davanti a due opzioni: ritirare la somma accantonata dalla Camera relativa al vitalizio o, in alternativa, integrarla con versamenti contributivi volontari fino al raggiungimento della somma contrattualmente stabilita. Questo per sottolineare la differenza fra un deputato che continuamente rieletto si trova automaticamente accantonata dalla Camera dei Deputati la somma e quello che versa di tasca propria del denaro così come farebbe con un’assicurazione privata (il vitalizio giuridicamente si configura piu’ come una formula assicurative che come una pensione).Per quanto mi riguarda verso contributi alla Camera dei Deputati da 16 anni e con il ricorso presentato intendo quindi non difendere un odioso privilegio ma tutelare i miei unici risparmi da numerose violazioni contrattuali praticate dall’attuale governo. Sono consapvole che andare in pensione a 60 anni, rappresenta di per sè un privilegio, ma vorrei essere nelle condizioni di decidere ora cosa sia opportuno fare di quella somma, fatta da soldiin gran parte miei. Non del contribuente. Diversa è la situazione di chi, ancora in carica non ha mai versato soldi propri e andrebbe in pensione a 60 anni. Grazie

  9. Vorrei ringraziare l’On. Arrighini (che io ho potuto "incrociare" in alcune occasioni e che mi ha fatto un’ottima impressione come PERSONA: educato, pacato, gentile con tutti) per il chiarimento in merito alla propria posizione personale. Spero di fare cosa gradita preccisando che ciò che provoca l’indignazione delle persone comuni di fronte a notizie come queste è la NETTA SPROPORZIONE tra il reddito percepito dai politici (a tutti i livelli) e ciò che essi concretamente fanno a favore della popolazione e dello Stato che rappresentano. Io percepisco uno stipendio di € 1.200 al mese, secondo le notizie che leggo è più o meno quanto il TAGLIO previsto sui vitalizi…questo è un altro motivo per cui le persone si arrabbiano. Penso, inoltre, alle persone che credevano di poter andare in pensione a breve e, improvvisamente, vedono sfumare la loro aspettativa senza alcuna possibilità di presentare ricorsi e simili. Non è questione di "antipolitica", credo sia questione di "equità sociale". Non mi sarei sprecata a rispondere ad altri, ma credo (e spero) che Lei sia in grado di comprendere. Cordialmente.

  10. x arrighini
    anche io ho cominciato 30 anni fa a versare contributi per la mia pensione e penso siano i miei risparmi ma guarda caso ogni governo tra cui anche quello di arrighini ha cambiato le regole per ritirate il mio gruzzolo perche noi non possiamo fare ricorso ???? vergognatevi il doppio perche’ siete pure PADANI !!!!!!!

  11. Per fortuna che Paroli e Molgora volevano fare il doppio servizio o doppio lavoro fra Brescia e Roma per curare gli interessi della città e della provincia. Che schifo!!!

  12. Ha fatto bene a dare la sua spiegazione, perchè sicuramente chiarisce meglio i contorni della vicenda. Se è consentito anche ad un cittadino comune esprimere civilmente un’opinione, fa davvero impressione vedere come i proclami "di lotta" si trasformino con grande facilità in integrazione prefetta nel sistema che si diceva di voler combattere. Per chi ha creduto nella speranza di cambiare le cose, è un brutto colpo. Soprattutto se si pensa che il sittadino comune viene spremuto come un limone e non può nemmeno fare ricorso…

  13. Ma se è vero quello che sostiene Molgora, perchè non fare ricorso come partito politico (Lega)? Avrebbe avuto più forza evitando polemiche interne e la sgradevole sensazione che ormai ognuno vada per la sua strada.

  14. Ho letto sull’Espresso che I bresciani che hanno fatto ricorso sono sei: il capofila è il sindaco Pdl di Brescia ADRIANO PAROLI, a seguire cinque tutti eletti dalla Lega Nord. Dal presidente della provincia DANIELE MOLGORA a ROBERTA PIZZICARA, a FLAVIO BONAFINI, a SALVATORE BELLOMI. Alla faccia di Roma ladrona. Mentre Emilio Del Bono che era nelle loro stesse condizioni non l’ha fatto, cosa che come bresciano mi ha fatto piacere.

  15. ha sicuramente sbagliato il modo perchè non doveva esporsi in prima persona ma doveva spingere affinchè tutto il gruppo Lega Nord presentasse ricorso con le motivazioni date da Molgora. Non è giusto colpire solo poche decine di parlamentari ma bisogna colpirli tutti. La confusione è data come sempre dal pressapochismo dei media che montano la notizia come piu li aggrada.Lo stesso è stato fatto con le parole di Monti sul lavoro fisso.. pensateci un attimo..

  16. su 25 parlamentari che hanno presentato il ricorso 16 sono leghisti o ex leghisti. vorrà ben dire qualcosa. riflettete elettori della lega, riflettete.

  17. COME CITTADINI POSSIAMO CONOSCERE IL REDDITO LORDO 2011 DI TUTTI I POLITICI BRESCIANI ? Chiedo a BS.NEWS. di pubblicare i redditi 2011 di tutti i politici bresciani. Negli Stati Uniti ( nazione notoriamente comunista ) è una cosa normale.

  18. Mentre impazza la bagarre fra epuratori e poltronisti, ho appena percorso le innevate strade padane …. Da cividate a cedegolo sono da quinto mondo …. la comunale che porta all’ospedale di esine al limire dell’impraticabilità (sperando non ci siano urgenze) …. forse è il caso che l’onorevole caparini pensi alla camunia, forse è il caso che la psicologa rizzi pensi alla camunia, forse è il caso di far capire al camuno adottato trota che occuparsi dei bresciani non vuol dire correr dietro alle gonnelline di quella del grande fratello … forse è il caso che quando si va a votare si capisca cosa si sta facendo ….

  19. Che dire? In preda alla più totale confusione come succede a tutti quei partiti che rimangono senza cadreghe e privi degli inciuci di potere quando si è al Governo, cioè uguali a tutti gli altri, se non peggio perchè, come si suol dire "razzolano male".

  20. vede, se si andasse al voto in queste attuali situazioni, li manderebbero a casa tutti!!invece di solito ci fanno votare con belle giornate di caldo, sole, dove tutti hanno fretta di andare al mare o in montagna!!!!e questi sono i risultati…….

  21. Arrighini ci spiega che vuole solo tutelare i suoi risparmi, ma da quello che mi risulta non gli verranno tolti: semplicemente slitterà in avanti il termine per il godimento della pensione maturata, o forse sbaglio?
    Cosa dovrebbero dire allora gli stranieri che vengono in Italia, lavorano regolarmente per parecchi anni pagando tasse e contributi e che, tornando al loro paese prima della maturazione del diritto alla pensione, perdono tutti i contributi versati regalandoli così alle casse INPS?

  22. Cara Alessandra non so se il governo Berlusconi ha eliminato questo disposizione m
    a a me risulta che gli stranieri che abbandonano l’Italia posso essere liquidati dall’ Inps

  23. Non si preoccupi Alessandra che possono ritirare i loro contributi,anche se non sarebbe male che (magari non tutti ,ma una parte almeno) rimanessero nelle casse italiane per "pagare"quei servizi pubblici (case popolari,asili ecc).dei quali hanno usufruito

  24. Da un certo punto di vista ha ragione Lei, pero’ penso che determinati servizi ( vedi ad es. case popolari) che sono stati fatti con i sacrifici dei nostri nonni, debbano essere in parte pagati anche dia chi ne ha usufruito senza aver contribuito a crearli.

  25. Lo stesso servizio che viene offerto ai nostri emigranti nei paesi dove si sono dovuti rifugiare per vivere dignitosamente e grazie ai quali, anche noi oggi, possiamo sentire meno pesante l’effetto della crisi, perchè appunto, con meno problemi economici a carico dello Stato. Gira e rigira non saremo certo noi a dare lezioni di vita agli immigrati visto che storicamente siamo stati il paese con il più alto numero di braccia a dover lasciare il paese. In, almeno cent’anni, hanno abbandonato il nostro paese 50 milioni di persone, di cui una buona parte del nord est.

  26. Anche le case popolari vengono costruite prelevando dalla fiscalità (il vecchio contributo Gescal, tuttora presente anche se con altra denominazione). E’ quindi più probabile che ci sia gente che contribuisce a crearle senza poi fruirne… Comunque si parlava di Molgora: mandato a Roma da noi elettori perchè cercasse di dare un taglio ai privilegi e invece autore di un ricorso per tutelare i suoi di privilegi, pagati da noi Pantaloni…

  27. Perchè Rolfi critica Molgora e non dice niente al suo sindaco Paroli che ha fatto la medesima cosa? Forse perchè in città divide le poltrone con Paroli?

  28. Ci potrebbe spiegare meglio il suo passaggio: "ritirare la somma accantonata dalla Camera relativa al vitalizio o, in alternativa, integrarla con versamenti contributivi volontari fino al raggiungimento della somma contrattualmente stabilita". La "somma accantonata" l’ha pagata Arrighini o la paghiamo noi contribuenti? Perchè nel primo caso, se la fa dare indietro e siamo a posto. Nel secondo caso, mi sembra già un discreto "privilegio" che mi farebbe piacere venisse abolito (per tutti i parlamentari, non solo per Arrighini). Il terzo caso, quello in cui il parlamentare integra volontariamente con denaro suo i contributi mancanti, mi sembra comunque una situazione della quale i cittadini comuni non possono fruire (se non facendosi una loro assicuarzione privata, partendo però da zero…). Quindi, va bene tutto Arrighini. Ma non esageriamo: soprattutto perchè anche lei è stato per decenni portatore di istanze della "legittima furia dell’antipolitica"…

  29. Sono daccordo con Molgora. Basta farci prendere per il culo. O tutti o nessuno. Qui vogliono farci credere cose che non sono esattamente come ci vengono riferite.

  30. Anch’io sono d’accordo a non farci prendere per il culo. Quindi, uno che fa ricorso per se’, non lo sta facendo per far cambiare il tutto (come vuol farci credere Molgora). Se "è un problema vero", dove sono i suoi compagni di partito della lega? Non lo ritengono un problema vero? E perchè allora minacciano addirittura di estrometterlo dal partito? Ricordiamo che sono ancora tutti lì in Parlamento con la maggioranza, come prima!!! E con la maggioranza, i provvedimenti se si vuole passano!!! Che lui faccia un ricorso per tutelare il suo interesse, non è mica vietato e non è un delitto. Ma la storiella la racconti a qualcun altro, per cortesia…

  31. Ma i comuni cittadini hanno questo privilegio? No. Ecco: allora togliamolo anche a questi privilegiati… Prima ci vengono a dire che la politica non deve essere una professione; che chi fa solo il politico e non si mantiene con il suo lavoro è un incapace o addirittura un parassita; poi salta fuori che con cinque anni di lavoro hanno un vitalizio (VITALIZIO!!!) e se gli va male che la legislatura finisce prima, gli danno indietro i contributi versati. Ma datela anche a noi comuni cittadini la possibilità di pagarci cinque anni di contributi per poi avere un vitalizio! Si farebbe una coda allo sportello lunga da qua a Roma!!! Molgora ha fatto il ricorso chiedendo di togliere il vitalizio a tutti (risparmio di 70 milioni) o di mantenere il suo? La sapete "quella dell’orso"?

  32. Io penso che visto il periodo di crlsi che stiamo vivendo,tutti debbano dare il buon esempio, i politici per primi. Punto secondo TUTTI debbono avere la possibilita’ di candidarsi al.Parlamento,infatti chi vuole puo’iscriversi ad un partito, farsi candidare e. . . . Se riesce farsi eleggere.Poiche’,pero’ i parlamentari debbono poter godere di una certa autonomia economica (altrimenti solo i ricchi potrebbero fare i parlamentari),ovvio che di qualche privilegio debbano godere,l’importante e’ non esagerare.
    Saranno poi gli elettori a giudicare l’operato di coloro che hanno inviato a Roma, a Milano,alla Provincia. Per quanto riguarda gli Enti Locali gli emolumenti sono veramente irrisori.
    Un piccolo inciso per quanto riguarda i contributi dei cittadini stranieri anche in relazione alla fruizione di servizi goduti nel nostro Paese ,in particolare in relazione alle "case popolari": e’ vero che molti di noi e dei nostri Genitori pur avendo contribuito alla loro realizsazione non ne hanno usufruito, iil problema e’ relativo a quegli stranieri che ne hanno usufruito( e continuano a fruirne) insieme ad altri servizi senza aver contribuito a crearli. Cosi’ come avviene in altri Stati (informarsi per credere)

  33. Se ciascuno dovesse pagare per i servizi di cui usufruisce, saremmo in un regime liberista (dove chi non ha i soldi non manda i figli a scuola o non può curarsi se gli viene un tumore). In Italia a me tramite la fiscalità vengono prelevate risorse, da destinare a garantire i servizi non solo miei ma di tutti. Quindi, se anche sono sano pago la mia parte per far funzionare la sanità. Se anche non ho figli, pago perchè i bambini vadano a scuola. Se anche vado a piedi, pago per la manutenzione delle strade. Se anche vado solo in auto, pago per la gestione delle ferrovie. Quindi, pur avendo ancora il mio mutuo da pagare per i prossimi anni, anche io ho pagato perchè potessero essere garantite le case popolari. Stavamo comunque parlando di Molgora e del suo vitalizio: che tra l’altro sarebbe bene che chi ci informa ci spiegasse bene, perchè a me rimane il dubbio. Glielo tolgono o solo lo rimandano a qualche anno dopo? Perchè altrimenti altro che quella dell’orso…

  34. Non sono sicuro ma credo che per quanto riguarda il vitalizio al limite si tratti solo di uno slittamento nel tempo.
    Quanto al resto mi permetto di sottolineare che ,appunto perche’anche chi non usufruisce di determinati servizi contribuisce a "pagarli",ecco perche’ ritengo giusto che una parte dei contributi accantonati dai cittadini stranieri che poi lascano l’Italia rimangano da noi . A proposito , nell’America del democratico Obama, ancora oggi, se non hai soldi non vieni curato, non vai a scuola ecc,Eppure quanti emigrati italiani ci sono kn America

  35. I "contributi" sono una cosa. La fiscalità, con la quale si pagano i servizi, è un altra cosa. E gli Stati Uniti d’America sono un Paese liberista, come stavo dicendo. Qualcuno è in grado didire con certezza se il "vitalizio" di Molgora & c. sia in forse nel senso che non glielo danno o nel senso che glielo spostano di qualche anno (come avviene per le nostre pensioni, senza che noi si possa nemmeno pensare di poter fare ricorso…)?

  36. Ma perchè dire le cose a vanvera? Una delle ragioni dello scontro, prima e dopo, fra dedemocratici e repubblicani statunitensi è stata l’iniqua legge che vietava l’assistenza sanitaria a chi non poteva permettersi le costosissime assicurazioni. Obama è stato lì e lì per perdere le elezioni e dopo vinte è riuscito a forza di gravi compromessi a far passare, comunque, una legge sanitaria da corrispondere a tutti/e. Questa considerazione va a tutti/e coloro che da destra sparano c. e sono solidali con i despoti conservatori USA.

  37. Non e’ancora applicata la legge. . Si informi. Provi da turista ad ammalarsi negli States e vedra’ ,senza soldi, come verra’curato

  38. Mentre voi vi informate sugli USA, c’è qualcuno che sa dirci con chiarezza di cosa si sta parlando? La "riforma dei vitalizi" a cosa porterebbe? Al fatto che li ritardano nel tempo o che non li erogano più? Giusto per capire quale sia la preoccupazione di Molgora. E per capire perchè la lega sia contro Molgora…

  39. "“Si pensa di abbattere i costi della politica colpendo poche decine di persone o piuttosto gli oltre 2mila ex deputati con il vitalizio?”" matematicamente parlando Molgora ha ragione , guardano la pagliuzza e non la trave , purtroppo anche su questo punto ( come tutto il resto ) chi fa ( anzi dovrebbe ) informazione fa disinformazione .

RISPONDI