Pd, “subito un Consiglio comunale straordinario per discutere dei problemi ambientali di Brescia”

0

Da quando l’attuale Giunta Comunale ha assunto le sue prime decisioni, quasi sempre disinteressandosi dei temi ambientali, il Partito Democratico si è mobilitato nel contrastare tali scelte sbagliate e per proporre politiche atte a ridurre i livelli di inquinamento della città di Brescia. Oggi nuovi preoccupanti dati vengono segnalati dall’Arpa riguardanti la zona sud di Brescia, tra il villaggio Sereno e la zona di Chiesanuova, per l’inquinamento da cromo nella prima falda, che ha superato di 12.500 volte i limiti di legge, cioè 5 microgrammi per litro. Dati che peraltro seguono di pochi giorni quelli relativi a una discarica di Buffalora, dove l’Arpa ha rilevato la presenza massiccia di sostanze nocive. Ci lascia perplessi soprattutto il fatto che la situazione è rimasta ferma dal 2008, quando si trovarono 500.000 microgrammi per litro nei pozzi vicino alla ditta di cromature dove era uscito il veleno: cosa hanno fatto le istituzioni in questi tre anni? Leggiamo che il Comune sta mettendo a punto un piano di bonifica e intanto si gestisce l’emergenza chiudendo i pozzi, ma è evidente che un inquinamento così grave e pericoloso che sta colpendo oltre cento pozzi da ormai tre anni non si può certo classificare come un’urgenza imprevista. Parlare di emergenza per un problema che si sta trascinando da anni non è corretto: i monitoraggi dell’Arpa avevano evidenziato livelli anomali anni fa e peggioramento costante della situazione. E allora perché non è stato fatto nulla? Perché si è dovuto arrivare al dato allarmante più recente per iniziare la messa a norma e avviare un risanamento? Anche il nostro Partito richiede la convocazione di un Consiglio Comunale tutto dedicato ai temi ambientali per poter conoscere con assoluta precisione quali le situazioni di inquinamento che colpiscono Brescia, in modo che con precisione si possa affrontare la situazione e proporre soluzioni concrete per tutelare la salute dei cittadini.

Comments

comments

LEAVE A REPLY