Ortaggi al Pcb a San Polo e San Bartolomeo. La colpa? Le ricadute delle acciaierie

0

Alla luce dei nuovi dati emersi sugli ultimi monitoraggi ambientali effettuati su vegetali destinati all’alimentazione umana da parte dell’ASL si delinea un’ulteriore livello di attenzione nelle zone circostanti importanti insediamenti siderurgici in città anche su questo fronte. Infatti i dati di concentrazione di PCB riscontrati su tali vegetali, presumibilmente derivanti essenzialmente da deposizione atmosferica, pur dopo i tre lavaggi effettuati dai tecnici prima dell’analisi, sono risultati in due casi superiori al valore limite indicato dalla Commissione europea (racc.eu. n° 516/2011 ) a San Bartolomeo ed in due casi prossimi a tale limite a San Polo. Di conseguenza ciò comporta la necessità di individuazione della fonte nonché l’attenuazione delle ricadute come indicato dalla stessa racc.eu. Come Co.Di.S.A. di San Polo e di San Bartolomeo, comitati di semplici cittadini, siamo dell’idea che la popolazione vada informata di tale situazione di attenzione e ci aspettiamo che gli enti preposti diano chiare e precise indicazioni sulle modalità di consumo di ortaggi e frutta delle zone interessate, anche attraverso l’emanazione di una specifica odinanza che individui le corrette modalità di lavaggio/pulizia dei prodotti coltivati negli orti delle zone. Questa nuova criticità, che si aggiunge alle altre già presenti nella zona Sud/Est di Brescia, colpisce in particolare i quartieri di San Bartolomeo, San Polo e Buffalora. Tutto ciò deve far ulteriormente riflettere sulle decisioni che la politica prenderà riguardanti questi quartieri, in particolare ci riferiamo al PGT di prossima approvazione ad esempio:

1) la ns. totale contrarietà alla realizzazione del nuovo parcheggio vicino alla ORI MARTIN.

2) la salvaguardia delle aree verdi contro il continuo consumo di suolo soprattutto finalizzato alla realizzazione di nuovi insediamenti inquinanti (NO AL POLO LOGISTICO / DISCARICHE, SI AL PARCO DELLE CAVE ).

Comments

comments

1 COMMENT

LEAVE A REPLY