Medtronic Invatec, un tavolo al ministero per risolvere la vertenza

0

“Nessuno si illude che basti una convocazione ministeriale per risolvere una vertenza complicata come questa. Ma certo non è stato un incontro inutile”. Sta in queste poche parole di Rino De Troia, Segretario della Femca Cisl di Brescia, la sintesi della riunione per la vertenza Medtronic Invatec di Roncadelle che ha avuto luogo questa mattina a Roma, negli uffici dell’Unità per la gestione delle vertenze presso il Ministero dello sviluppo economico.

A coordinare la riunione, iniziata alle 11 e terminata attorno alle 14, è stata la responsabile dell’Unità vertenze del Ministero, la dottoressa Maria Rosaria Brunetti, presenti le organizzazioni sindacali e i rappresentanti della proprietà.

L’azienda ha illustrato il piano di riorganizzazione della multinazionale per i siti produttivi di Roncadelle e Torbole Casaglia, mentre il sindacato ha spiegato perché – a fronte di una delocalizzazione che insegue esclusivamente il minor costo del lavoro senza tener conto dei risultati positivi che in questi anni le unità produttive bresciane hanno garantito ai bilanci della multinazionale – ritiene inaccettabile un piano che porterebbe alla perdita di 300 posti di lavoro.

Il Ministero ha messo a disposizione un tavolo permanente di confronto sulla vertenza, impegnandosi da subito a verificare una serie di percorsi alternativi da proporre all’azienda in alternativa a quello del trasferimento all’estero di un’intero settore produttivo.

“Un incontro interlocutorio – conclude il sindacalista della Femca Cisl di Brescia lasciando il Ministero – relativamente positivo, al quale occorre dare continuità puntando al massimo coinvolgimento dell’azienda e all’autorevolezza della mediazione messa in campo”.

Comments

comments

LEAVE A REPLY