Scoperte da un annuncio sul web. Sequestrato un appartamento dove “lavoravano” tre prostitute rumene

0

Gli agenti della Polizia locale di Brescia hanno portato a termine un’importante operazione anti-prostituzione, sequestrando un appartamento sito in via Col di Lana, 21. Gli uomini del nucleo di Polizia giudiziaria hanno dato il via alle indagini dopo aver intercettato alcuni messaggi presenti su un sito web di annunci, in cui si promettevano prestazioni sessuali in cambio di compenso economico. Intervenuti sul luogo indicato, gli agenti hanno identificato tre ragazze rumene che si prostituivano all’interno dell’appartamento.

 

Il locale era già stato controllato in data 12 gennaio 2012 e all’interno erano state identificate le stesse persone. In seguito a questo primo controllo, il proprietario dell’immobile era stato informato dell’attività illegale svolta all’interno dell’edificio, ed era stato invitato a risolvere la questione con le locatarie dell’affitto. Dopo aver constatato che il proprietario non ha dato seguito a questo sollecito e dopo aver riscontrato che l’appartamento veniva utilizzato in maniera esclusiva per l’attività di meretricio, gli agenti della locale hanno così potuto procedere al sequestro preventivo dell’unità immobiliare in questione, per evitare che potessero essere protratte le conseguenze del reato.

 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. e’ ora di mettere una tassa come fanno in germania e olanda,,,,,,il meretricio è l’unico reddito non tassato e i proventi tutti in nero pare siano elevatissimi .
    introduciamo il " penometro " !

LEAVE A REPLY