Beccalossi, Labolani e Bonardi, uniti per non vedere cancellate le circoscrizioni

0

“Le Circoscrizioni sono uno strumento amministrativo prezioso per città complesse e articolate come Brescia. Un patrimonio per l’intera collettività che su di esse può fare sempre sicuro affidamento, guadagnando spesso in termini di tempo ed efficienza”. Con queste parole l’On. Viviana Beccalossi, Coordinatore Vicario regionale del Popolo della Libertà, ha introdotto ieri, alla presenza del Ministro degli Interni Annamaria Cancellieri, dell’Assessore al Centro Storico, Mario Labolani e del Presidente della Circoscrizione Centro, Flavio Bonardi, il delicato tema legato alla possibile abolizione delle Circoscrizioni Comunali in città con meno di 250.000 abitanti. Durante l’incontro l’Assessore Comunale Mario Labolani ed il Presidente della Circoscrizione Centro Flavio Bonardi, peraltro delegato dall’ANCI e già sentito in audizione presso la prima commissione ‘affari istituzionali’ di Montecitorio, hanno sottoposto all’attenzione del Ministro Cancellieri le richieste per ‘salvare’ il decentramento amministrativo e per trovare una possibile soluzione che possa modificare l’attuale legge in materia, consentendo a città come Brescia (che conta circa 195.000 abitanti) di poter mantenere tali organismi di partecipazione. L’attuale legge prevede che, dal prossimo mandato, i comuni con popolazione inferiore ai 250.000 residenti, non potranno più avere le Circoscrizioni e Brescia, purtroppo, rischia di andare ad elezioni senza più queste Istituzioni. Il Presidente della Centro Flavio Bonardi ha informato, inoltre, il Ministro Cancellieri, che è cominciata dalla città di Brescia, in modo particolare da una trentina di associazioni, una raccolta di firme per chiedere al Governo di non eliminare le Circoscrizioni a Brescia. Il Ministro Cancellieri, sentite le motivazioni, garantisce attenzione e sensibilità sulla circostanza illustrata e, nei prossimi giorni, passerà la documentazione consegnatale al Capo di Gabinetto per una dettagliata  analisi. "Desidero ringraziare il Ministro Cancellieri – conclude Viviana Beccalossi – che, come sempre, ha dimostrato sensibilità e competenza ascoltando con attenzione quanto dettagliato dall’Assessore Labolani e dal Presidente Bonardi in merito ad una tematica così importante per Brescia e per le realtà comunali nella medesima condizione”.

 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Finalmente qualcuno del PDL che ha avuto il coraggio di dirlo smentendo quanto affermato da altri esponenti del comune dello stesso partito mesi fa.

  2. ALLELUIA,ALLELUIA, SI SVEGLIANO SOLO VERSO LA FINE DEL MANDATO!!!!! CHE SIA CAMPAGNA ELETTORALE! MA….. LASCIAMO CHE GLI ELETTORI LI VALUTINO…………

  3. Le Circoscrizioni sono solo lo strumento dei portaborse per raggranellare qualche gettone di presenza. Per quello che sono servite la loro abolizione è sicuramente un obiettivo di sano risparmio tale e quale a quello che dovrebbero rappresentare le province.

  4. Si informi prima di parlare , perchè i Consiglieri di Circoscrizione non percepiscono gettoni di presenza, non per niente la Lega è fra coloro che non vogliono abolire le province, quelle sì, sono un costo, ma le Circoscrizioni dove invece i Consiglieri lavorano gratuitamente

  5. Dove? A me non risulta. Non è che Lei è veramente un portaborse?Ps. sono piu’ di 2 anni che i Consiglieri di Circoscrizione non percepiscono gettoni , quindi che risparmio ci sarebbe se già da ora non costano nulla?

  6. Le presenze non sono crollate .il gettone di presenza 50 euro da tassare è stato tolto nel maggio 2010 e sembrerebbe che tolgano lo stipendio anche ai presidenti.Divertent e poi sapere che ci sia qualcuno che crede che i costi della politica siano da attribuire alle circoscrizioni che costavano politicamente mediamente tra consigli e commissioni 80000/100000 Euro l’anno sommati tutti i consiglieri di tutte le circoscrizioni (96 persone),che stanno usvolgendo un lavoro praticamente di volontariato al servizio dei cittadini +- quanto qualche mese di stipendio di un parlamentare, consigliere regionale o dirigente pubblico;complimenti portaborse hai capito tutto sui costi della politica.

  7. Pedissequamente dalla parte dell’Amministrazion e comunale (qualsiasi) e senza possibilità decisionali autonome di rilievo se non la gestione di qualche soldino per la cultura, lo sport, i servizi sociali e tanta propaganda propartiti. Un contentino, appunto per i portaborse.

LEAVE A REPLY