Venerdì al festival delle favole va in scena “Dukkha azione privata”

0

Si ispira al racconto Conversazione con l’uomo nell’armadio di Ian McEwan, “Dukkha. Azione Privata” di Effetto Larsen in scena a Brescia allo Spazio Teatro Idra di Vicolo delle Vidazze, venerdì 23 marzo (ore 21) nell’ambito di Wonderland Festival, promosso da Residenza Idra e sostenuto da Fondazione Cariplo, Fondazione ASM, Regione Lombardia, Provincia di Brescia, Comune di Brescia, Circoscrizione Centro.

Del racconto di McEwan rimane una stanza eletta a “contenitore” dello spettacolo, in cui il protagonista senza nome – interpretato da Matteo Lanfranchi, anche regista – ha trascorso tutta la sua esistenza con ossessioni, sogni, abitudini ed immaginario.

All’interno di questi pochi elementi scenografici che definiscono i confini del piccolo universo, si assiste all’esistenza di un essere umano, ai suoi tentativi di comunicazione, all’immaginario di qualcuno che è sempre rimasto chiuso in un posto lontano dal mondo.

L’indagine è rivolta alla semplicità della tragedia. Il protagonista del racconto è il protagonista di una tragedia contemporanea, spogliata di qualunque valenza mitica, di eroi e di dei, di antagonisti e alleati. Vittima di un destino avverso, di circostanze familiari terribili e di sé stesso, sembra incarnare la metafora di una condizione di esistenza che ci appartiene: la privazione. A volte prende le sembianze della solitudine, in ogni caso provoca sofferenza. La tragedia diventa quindi strumento di indagine della sofferenza, di Dukkha, il termine sanscrito pressoché intraducibile che indica l’incapacità di essere soddisfatto, la frustrazione.

In una delle sue forme, Dukkha si manifesta come la sofferenza dovuta al cambiamento, alle aspettative violate, all’impossibilità di far durare i momenti felici. Alla privazione di ciò che sembra poterci soddisfare. L’unica speranza presa in prestito dalla tragedia è la catarsi, rappresentata, in questa visione contemporanea, dalla consapevolezza e interruzione del loop, della ripetizione, come un raggio di sole che squarcia le nubi.

Del testo restano solo poche frasi: i nodi principali di questa vita claustrofobica vengono tradotti da parola in azione, andando a indagare quello che nel racconto trova il suo posto tra una riga e l’altra. Allo spettatore, invitato nel tempo di questa stanza isolata, viene concesso lo spazio immaginativo per ricomporre i fili di una storia frammentata, scomposta come può esserlo un ricordo. Come attraverso uno spiraglio, si sbircia l’intimo mondo di un personaggio: le sue ossessioni, i suoi sogni, le sue abitudini, in un misto di presente, passato e desiderato. Una sorta di loop, una lunga sequenza che scandisce il ritmo di un’esistenza, diventandone metafora. Il tempo viene abitato, dilatato fino a privare del loro senso azioni e parole apparentemente quotidiane, sfalsandole di ritmo. Ciò che resta sono situazioni, poche parole confidate a un microfono e immagini, intese come azioni che evocano avvenimenti del passato. Il linguaggio viene trasposto: il ripasso dei gesti necessari alla sopravvivenza, il desiderio di fuggire, i giochi infantili diventati passatempi, i turbamenti sessuali, la memoria di un abbandono diventano frammenti, elementi di un puzzle dove la figura completa è la biografa del personaggio.

Parte integrante della performance è la partitura sonoro-musicale che la accompagna, realizzata in collaborazione con Roberto Rettura e composta da vari elementi: canzoni, suoni ambientali, effetti. Ogni elemento sonoro è lineare allo svolgimento degli avvenimenti ed è elaborato in tempo reale, divenendo così registro invisibile che segue la drammaturgia dell’azione. Di volta in volta modificato con riverberi e filtri o semplicemente riprodotto, il suono nutre e sostiene l’immaginario di chi osserva.

Effetto Larsen sarà di scena a Wonderland Festival anche il 30 e 31 marzo con “Innerscapes”, spettacolo vincitore del Premio Lia Lapini 2011, che sarà presentato in anteprima allo Spazio Teatro Idra.

Prezzi biglietti: 8,00 Euro (intero), 5,00 Euro (ridotto under 22 e over 60), posti “pouf” 5,00 Euro (posti limitati); Sezione Fabulando 5,00 Euro (intero), 15,00 Euro (ridotto famiglia per 4 persone). Abbonamenti: 40,00 Euro per 6 spettacoli. Tessere: tessera associativa annuale obbligatoria 2,00 Euro (standard), 10,00 Euro (sostenitore). Orari botteghino: dal lunedì al venerdì 9.30-12.30 e 15.00-18.00 e 1 ora prima dell’inizio degli spettacoli. Prenotazioni: tel.030.3701163 – cell. 339.2968449 – wonderland@residenzaidra.it – Biglietteria online: www.residenzaidra.it/wonderland

Info Spazio Teatro Idra Vicolo delle Vidazze 15 – 25122 Brescia – Tel.030.3701163

wonderland@residenzaidra.it – www.residenzaidra.it/wonderland

Comments

comments

LEAVE A REPLY