Castegnato ricorda i suoi caduti sul lavoro

0

Nel breve volgere di due settimane, tra fine febbraio ed inizio di marzo, due gravi incidenti sul lavoro sono costati la vita a due giovani padri di famiglia uno lavorava a Castegnato, l’altro risiedeva a Castegnato. Il sindaco Giuseppe Orizio ha voluto ricordare le due vittime all’inizio dell’ultimo Consiglio comunale proponendo un momento di silenzio. Orizio ha ricordato Damir Kulji, 44 anni, della Croazia, coniugato e padre di due figli che ha perso la vita all’interno dell’azienda di Castegnato nella quale lavorava da oltre un decennio; e Francois Appià, 43 anni, della Costa d’Avorio, camionista, coniugato e padre di tre bambini, residente a Castegnato, che ha perso la vita in un incidente autostradale. "Due persone – ha detto il primo cittadino – che hanno avuto un destino comune: l’abbandono della propria terra per cercare qui in Italia, a Castegnato, un futuro per se e la propria famiglia; la morte alla stessa età, compiendo il proprio dovere sul posto di lavoro; il rito funebre di commiato cristiano, nella parrocchiale del nostro paese sabato 24 febbraio per Damir ed il prossimo sabato 31 marzo per Francois". Le procedure burocratiche per il trasferimento della salma di Appià in Costa d’Avorio dove la famiglia ha deciso di trasferirla, sono durate alcune settimane. Il volo è prenotato per il 2 aprile. La cerimonia funebre sarà a Castegnato nella chiesa parrocchiale alle ore15 di sabato 31 marzo. L’Amministrazione comunale ha messo a disposizione dell’Associazione Multietnica fino alle ore 24, la sala Conferenze del Centro Civico, per consentire a parenti, amici, conoscenti e connazionali di Francois Appià di incontrarsi per parlare di lui, così come d’uso in Costa d’Avorio.

Comments

comments

LEAVE A REPLY