Mercoledì 18 aprile a Brescia la conferenza internazionale sui migranti

    0

    Mercoledì 18 aprile, nella chiesa di San Cristo (via Piamarta 9 – Brescia) avrà luogo la Conferenza Internazionale «Migrazioni, immigrazioni ed emigrazione, analogie e differenze: i modelli di insediamento» promossa dalla Fondazione Friedrich Ebert e dalla Fondazione Di Vittorio.

    Si tratta del secondo appuntamento di un vasto progetto intitolato «Migrazioni e lavoro», coordinato dalla rete nazionale degli archivi CGIL, che ha l’obiettivo di avviare uno studio di tipo comparativo fra emigrazione e immigrazione.

    La Conferenza Internazionale del 18 aprile si aprirà con un confronto fra i modelli di insediamento e immigrazione in Italia e Germania affidato alle relazioni del prof. Enrico Pugliese (Università La Sapienza) e di Thomas Franke (Institut fur Urbanistik di Berlino). Lo stesso tema sarà affrontato anche da Claudio Sorrentino (Dipartimento Politiche Globali – CGIL Nazionale), il quale lo declinerà però da una angolazione diversa, concentrandosi sul fenomeno dell’emigrazione italiana.

    Successivamente sarà dato spazio a due esperienze locali: Aise Ozbabacan parlerà delle politiche di integrazione nel comune di Stoccarda; Gianfranco Valenti (Fondazione Piccini) commenterà un filmato sulle trasformazioni intervenute nel quartiere del Carmine a Brescia.

    La giornata di studi sarà completata da diversi interventi fra i quali si segnalano quello di David Goodhart (direttore del think-tank Demos), di Rodolfo Ricci (Federazione Italiana Emigrazione Immigrazione) e di diverse realtà della CGIL territoriale e nazionale.

    La giornata prederà avvio alle ore 10 con l’introduzione di Michael Braun (Fondazione Ebert) e si chiuderà per le 18 con le conclusioni affidate a Elisa Castellano (Fondazione Di Vittorio). 

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. CHE BEL TEMPO DA PERDERE CHE AVETE……l’italia va allo sfascio e voi state a cianciare con pausa caffè perchè siete stanchi…..si, stanchi di fare un c…………..zo

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome