Sampdoria-Brescia: ecco l’elenco delle Rondinelle convocate al Marassi

0

Al termine dell’allenamento mattutino di rifinitura svolto sul campo dello stadio "Mario Rigamonti" di Brescia, mister Alessandro Calori ha diramato la lista dei 22 convocati per la gara contro la Sampdoria di domani, sabato 14 aprile 2012 (Stadio "Luigi Ferraris" di Genova, fischio d’inizio ore 15.00).

 

Portieri: 1. Arcari; 40. Caroppo; 12. Leali. Difensori: 19. Caldirola; 23. Dallamano; 3. Daprelà; 21. De Maio; 25. Martinez; 15. Zambelli; 2. Zoboli. Centrocampisti: 24. Cordova; 7. El Kaddouri; 22. Mandorlini; 4. Martina Rini; 18. Rossi; 17. Scaglia; 8. Vass. Attaccanti: 11. Feczesin;  16. Foti; 80. Jonathas; 30. Maccan; 9. Piovaccari. Diffidati: Martinez, Vass. Squalificati: Salamon (1). Indisponibili: Budel.

 

Di seguito l’intervista rilasciata dal tecnico Calori sul sito ufficiale del Brescia Calcio (http://www.bresciacalcio.it/2011/index.php?option=com_content&view=article&id=950:calori-sfida-importante-per-capire-chi-siamo&catid=3:news&Itemid=26), dove racconta i retroscena del pre-partita contro la Samp:

 

 

 

Alessandro Calori, quella di domani contro la Samp sarà la sfida della verità?
“Sicuramente sarà una sfida affascinante, in uno stadio molto bello e che sarà sicuramente pieno. E’ importante non cambiare mentalità per restare agganciati al treno play off. Dobbiamo anche abituarci ad affrontare un certo tipo di partite, acquistando sempre più coraggio e consapevolezza nei nostri mezzi.”

In caso di vittoria a “Marassi”, la strada diventerebbe in discesa?
“Ovviamente no. Ci sono da giocare ancora 8 partite, tutte importanti. Sento spesso dire che saranno 8 finali, ma è da quando sono arrivato che per noi ogni partita è una finale. Sarà un match affascinante, questo sicuramente.”

La partita con la Sampdoria è un po’ come quella con la Reggina? Nel senso che per i doriani potrebbe essere l’ultima gara per rimanere agganciati al treno play off…
“Dopo questa partita ci saranno ancora margini per tutte e due le formazioni. Loro erano partiti con l’obiettivo dichiarato di vincere, quindi avranno addosso più pressione e questo per noi potrebbe essere un vantaggio.”

E’ vero che il Brescia non ha nulla da perdere?
“Io dico che ci potrebbe essere sempre qualcosa da perdere. Sarebbe bello completare il lavoro che abbiamo iniziato e ciò significa che dobbiamo arrivare in fondo. Un obiettivo lo abbiamo già raggiunto, ora ne abbiamo un altro e poi ce ne sarà un altro ancora. E’ importante continuare così per acquistare valore e blasone.”

Iachini le ha fatto indirettamente i complimenti per il lavoro che sta svolgendo. Lei cosa pensa del mister della Samp?
“Innanzitutto è un grande lavoratore e un grande professionista. Sono anni che allena e sicuramente ha maturato più esperienza di me. Anche lui sta facendo molto bene, perché ha ridato entusiasmo alla Samp, e non è facile raddrizzare in corsa una macchina fuoristrada.”

Rossi e Cordova sono in corsa per poter sostituire lo squalificato Salamon nel ruolo di regista…
“Dovevo valutare il minutaggio dei vari giocatori per gestire al meglio le energie: ho già detto che con l’assenza di Salamon avrei dovuto cercare alternative e che Rossi poteva giocare in quel ruolo. Io devo sempre cercare varie soluzioni: ad esempio contro il Verona Mandorilini ha giocato esterno, sebbene quello non fosse il suo ruolo, mentre Rossi ha già ricoperto il ruolo di regista. Io penso che se gli chiedessi di giocare in quella posizione anche per tutti i 90 minuti lo farebbe e anche bene, di questo sono convinto.”

Ci sono stati alcuni problemi fisici in settimana…
“Abbiamo avuto qualche acciacco, ma ora sono praticamente tutti disponibili, a parte Budel e lo squalificato Salamon, oltre ad Accardi che sta recuperando.”

Come si ridisegna un centrocampo senza due giocatori come Budel e Salamon?
“Generalmente valuto anche l’avversario, ma sono dei piccoli ritocchi in un sistema di gioco definito. Si tratta solo di alcuni accorgimenti.”

La Sampdoria che squadra è tatticamente?
“Solitamente giocano col 4 3 1 2: so che rientra Pozzi, un attaccante che unisce forza e corsa, mentre Pellè è molto fisico e protegge bene la palla, quindi sarà importante contrastarlo fisicamente. Eder lo conoscete già. A centrocampo solitamente giocano Renan e Munari che sono fisici e si inseriscono bene, oppure Iachini può contare su Obiang che ha caratteristiche simili. Hanno giocatori molto forti, come i nostri d’altra parte.”

Che gioco farà il Brescia? Attenderà la Samp o cercherà comunque di impostare e fare la partita?
“Marassi è uno stadio che ti impone di attaccare. Diciamo che loro hanno l’obbligo di fare la partita e questo potrebbe esssere un vantaggio, ma contemporaneamente anche uno svantaggio. Succede che essendo costretto ad impostare, a volte sbagli: ecco, noi dovremo sfruttare questo fattore. Bisognerà mantenere l’atteggiamento che abbiamo avuto fino ad ora in trasferta, dove abbiamo avuto sempre un buon rendimento, tutto questo senza tralasciare la consapevolezza che andiamo ad affrontare una grande squadra.”

 

 

 

Comments

comments

LEAVE A REPLY