Claudia Peli, bresciana di Mompiano, morta in un incidente in Honduras

0

(a.c.) Esperta di immersioni, appassionata viaggiatrice, amante dell’avventura: eppure è morta in un banale incidente di motorino. Claudia Peli, 40enne bresciana da dieci anni in giro per il mondo per svolgere il lavoro che amava, quello di direttrice di villaggi turistici, è deceduta alle ore 15 di lunedì in Honduras, sull’isola di Roatan.

Claudia Peli si trovava nelle isole caraibiche ormai da novembre, quando è stata chiamata per dirigere le operazioni di apertura di un nuovo villaggio turistico per conto di una società svizzera. Al momento dello schianto viaggiava a bordo di un motorino assieme ad un’amica, anch’ella di nome Claudia. La sfortunata bresciana è morta sul colpo, è tutt’ora ricoverata in gravi condizioni invece l’amica. Difficile al momento stabilire l’esatta dinamica dello schianto, e le responsabilità: si è appreso solamente che lo scooter delle ragazze si è scontrato con un taxi che viaggiava nell’opposto senso di marcia.

La famiglia di Claudia, che vive a Mompiano, è stata avvisata dell’incidente dall’altra figlia, Raffaella, contattata telefonicamente dall’Honduras. Difficili, e lunghe, le pratiche di riconoscimento della salma e del ritorno in patria: probabilmente ci vorranno una settimana-dieci giorni. I genitori, partiranno domani alla volta dell’Honduras.

Claudia Peli viene descritta come una ragazza solare, piena di vitalità, con spirito d’avventura ma anche riflessiva, con molto spirito d’osservazione. Lo stesso che l’ha portata a scrivere un libro nel 2009, "Shamba", dedicato al "suo" Kenya, dove ha vissuto per tanti anni (in internet ci sono diversi racconti di Claudia Peli, eccone alcuni). 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. sono addolorata per claudia anche se non la conoscevo,sono amica della donna che ha fatto l, incidente con lei e sono in ansia ,vorrei avere sue notizie ,se qualche persona sa qualche cosa di dove si trova e come sta per favore mi mandi una mail uberroberta@hotmail. it.grazie

LEAVE A REPLY