Lucilla Giagnoni ne “La trilogia della spiritualità”. Una maratona teatrale lunga una notte

0

Domani, sabato 21 aprile Crucifixus Festival di Primavera, il più importante festival italiano di teatro e tradizioni del sacro presenta un evento unico, mai realizzato prima. In occasione della notte nel sacro, ossia la proposta di un cammino e di una veglia, che viene puntualmente proposto dalle parrocchie del centro di Brescia, la Chiesa di San Giuseppe si trasformerà in un palcoscenico che prenderà vita dalle 20 fino a notte inoltrata. Un viaggio alla scoperta di luoghi e di bellezza, per vivere in modo diverso un patrimonio esteriore e trovarne uno interiore. Quest’anno Crucifixus e La Notte nel sacro offrono l’occasione di fare l’esperienza unica di un viaggio teatrale, dalla Nascita alla Rivelazione, dal grembo alla fiducia. Da Vergine Madre, a Big Bang, ad Apocalisse, Lucilla Giagnoni interpreterà, uno dopo l’altro, i suoi tre lavori dedicati alla ricerca del senso. Lo farà per la prima volta a Brescia, in una notte. Una notte nel sacro. Durante i momenti di intervallo, all’interno dei chiostri della Chiesa di San Giuseppe, verrà allestito un piccolo punto di ristoro con bevande calde a cura del Gruppo Alpini Fiumicello della sezione di Brescia e con una selezione di prodotti offerti da Valledoro.

Vergine Madre
dalla Divina Commedia di Dante Alighieri
progetto di Lucilla Giagnoni
con Lucilla Giagnoni
collaborazione ai testi Marta Pastorino
scene e luci Lucio Diana e Massimo Violato
musiche originali Paolo Pizzimenti
si ringrazia Paola Rota per i preziosi consigli
FONDAZIONE TEATRO PIEMONTE EUROPA
Premio Persefone alla drammaturgia 2007

Sei canti della Divina Commedia, probabilmente i più noti. Sei  tappe di un pellegrinaggio  “nel mezzo del cammin di nosta vita”: il viaggio, la donna, l’Uomo, il Padre, la Bambina, la Madre.
È’ la commedia umana di Dante, una strada che si rivela costeggiata da figure “parentali”: quello che si compone, guarda caso, è il disegno di una famiglia. I canti non vengono solo spiegati; dalla lettura scaturiscono storie: il lato oscuro di Ulisse, l’aspetto meraviglioso e terribile del padre, la santità dei bambini, la grandezza della madre … un percorso ricco, sorprendente e, soprattutto, confortante. Come la preghiera. A cantare e raccontare storie è una donna, perché l’anima ha una voce femminile.

Big Bang
di e con Lucilla Giagnoni
musiche di Paolo Pizzimenti – luci e scene di Massimo Violato

L’eterna domanda dell’individuo di fronte all’infinità, al mistero dell’universo, fino al momento dell’inizio: perché nella scoperta di come tutto potrebbe essere iniziato si potrebbero trovare indizi su come eventualmente finirà. Chi si pone queste domande è una donna, una madre.
Le risposte sono quelle della nostra tradizione biblica, in particolare i brani della Genesi sulla creazione; quelle della poesia e del teatro seguendo la visionarietà di Dante e la concretezza delle passioni in Shakespeare; infine quelle della scienza attraverso la figura di Einstein.
Il percorso teatrale intreccia questi tre linguaggi e le loro risposte.

Apocalisse
Collaborazione al testo Maria Rosa Pantè
Collaborazione alla drammaturgia scenica Paola Rota – Musiche originali di Paolo Pizzimenti
Scene e luci Massimo Violato – Segreteria di produzione Elisa Zanino
Produzione Fondazione Teatro Piemonte Europa – CTB Centro Teatrale Bresciano
I Teatri del Sacro

Apocalisse s’ispira all’ultimo libro della Bibbia. Ciò che interessa è l’idea di svelamento e rivelamento che è il primo significato del termine greco. “Guarda”, “Racconta ciò che hai visto”, sono le indicazioni più frequenti date a Giovanni, il testimone-narratore.  In un mondo di ciechi che credono di vedere e, dunque, di sapere, il mistero si rivela solo a chi sappia guardare, a chi abbia occhi nuovi. Cecità e Rivelazione fanno immediatamente pensare ad un personaggio totemico nel teatro occidentale: Edipo. Il Testo Sacro che per i cristiani sigilla la serie dei testi biblici e il testo teatrale che dà inizio ad ogni forma di indagine sull’Uomo vengono posti in parallelo a raccontare che la fine dei tempi è in realtà un nuovo Inizio e una nuova Vita per chi impara a Vedere. E’ la storia dell’evoluzione della Coscienza: un bambino appena nato vede il mondo come un fenomeno incredibile in cui pian piano le cose si riempiono di senso. Questa è l’Apocalisse, una RiNascita.

INFO UTILI
Gli spettacoli andranno in scena nella Chiesa di San Giuseppe – vicolo San Giuseppe Brescia
VERGINE MADRE ore 20
BIG BANG ore 22,20
APOCALISSE ore 00,30

Info festival 030.3758038

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome