Piede Diabetico: esperti a confronto, il 4 maggio, alla Poliambulanza

0
Bsnews whatsapp

Il prossimo 4 maggio si terrà presso la sala convegni di Fondazione Poliambulanza in convegno dal titolo ”Il Piede diabetico”. A partire dalle 14:00 Medici di Medicina Generale, specialisti ospedalieri ed infermieri attraverso relazioni di esperti, in campo vascolare e neurologico, proporranno le scelte terapeutiche ottimali alla gestione di questa grave complicanza della malattia diabetica. Alle 17:00 i lavori della tavola rotonda focalizzati sulle problematiche della continuità assistenziale dall’ospedale al territorio saranno aperti alla partecipazione dei familiari e degli amministratori locali.

L’obiettivo dell’incontro è illustrare il percorso diagnostico e terapeutico assistenziale (pdta) e definire il ruolo ed il timing d’intervento delle figure professionali coinvolte E’ infatti necessaria l’integrazione degli specialisti per mettere in sinergia le loro specifiche competenze per giungere alla definizione di un pdta che deve essere coordinato dallo specialista diabetologo. L’outcome che si si attende è la riduzione delle amputazioni sia maggiori che minori.

Il piede diabetico è costituito da alterazioni anatomiche e funzionali secondarie a complicanze croniche della malattia diabetica quali l’arteriopatia periferica e la neuropatia e si manifesta dopo circa 10-15 anni di malattia ed è responsabile di circa il 20% delle ospedalizzazioni dei diabetici ma soprattutto del 50-70% delle amputazioni non traumatiche. È una patologia che causa ricoveri molto prolungati nei reparti di medicina interna, elevati costi sanitari e rappresenta un importante fattore di rischio di mortalità cardiovascolare. Nella quasi totalità dei casi l’amputazione è preceduta da ulcera, che può essere secondaria a neuropatia (alterazioni o perdita della sensibilità con formazione di zone di pressione abnorme: ulcera neuropatica), a piede ischemico (ulcera ischemica) od ad entrambi (neuro-ischemica). Qualora l’ulcera si infetti si configura il quadro del piede diabetico acuto. L’etiologia è quindi multifattoriale e questo implica che le figure professionali coinvolte nella gestione del piede diabetico siano molteplici.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI