Movida bresciana, BresciaIn richiama le autorità cittadine alle proprie responsabilità

0
Bsnews whatsapp

Con un comunicato il presidente di BresciaIn Marco Stellini è tornata a parlare della movida bresciana. Di seguito il testo integrale del comunicato:

“Siamo stati finora al di fuori della spiacevole diatriba tra sostenitori delle movida e le altre posizioni consapevoli che la nostra presa di posizione sarebbe stata dirompente, certi che l’intelligenza delle persone coinvolte prevalesse, ma ci sbagliavamo, la situazione si è aggravata: pensiamo che a questo punto non possiamo più restarne fuori essendo nati come associazione in quelle vie e vicoli invivibili nelle ore notturne ed avendo soci e sostenitori che da mesi non riposano più tranquillamente nelle ore notturne. Il buon senso deve prevalere fra tutti, amministrazione comunale ed autorità comprese, troppi gli occhi arbitrariamente chiusi in questi ultimi mesi con notevoli responsabilità politiche, civili e penali: le penose prove di dialogo di questi ultimi giorni sono l’esempio e la conferma di quello che affermiamo. Per quanto riguarda il diritto ( e sottolineiamo diritto) al riposo nelle ore notturne (dopo le ore 22 cominciano le prescrizioni di legge) c’è poco da dire: le autorità cittadine devono garantire ai cittadini il poter vivere tranquillamente nelle proprie case. Su questo potremo, nelle prossime settimane,  persino pensare di far provare il fastidio quotidiano notturno ai politici ed autorità cittadine organizzando notti a tema sotto le loro abitazioni. I blocchi stradali che impediscono la libera circolazione nelle vie interessate sono un’altra evidente violazione delle leggi vigenti. L’utilizzo improprio di vie e vicoli come bagni a cielo aperto, oltre ad essere spiacevoli “incidenti” maleodoranti interessa gli aspetti igienico sanitari e, ricordiamo, è dovere delle forze dell’ordine e delle autorità sanitarie (sindaco in testa) garantire la salute pubblica sanzionando anche il singolo “reato”. Il considerevole aumento di vendita di sostanze stupefacenti “d’elite” è un altro aspetto interessante che accompagna questa questione, vendita “d’elite” che non ha comunque azzerato la vendita low cost dei soliti pusher che continuano a vivere,frequentare e vendere nelle vie della movida ed in quelle vicine (in risposta a coloro che si vantano di aver pulito le strade da spacciatori e tossicodipendenti). Come avete notato non abbiamo preso in considerazione le responsabilità di alcuni locali: al di là di quello che potrà accadere in una probabile class action vogliamo evidenziare in questo nostro primo intervento soprattutto le responsabilità delle autorità cittadine, organi di sicurezza comprese. Siamo consapevoli che questo nostro intervento creerà delle ripercussioni anche sulle altre iniziative della nostra associazione ma ripetiamo la situazione è diventata ormai intollerabile.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Bresciain si muove solo quando gli incassi dei locali di piazzale Arnaldo piangono perchè le orde di giovani si spostano al Carmine. E’ il contrappasso per chi ha taciuto sempre di quella Brescia squallida e sbruffona che abbiamo visto per anni impunita sotto il cavallo di Arnaldo da Brescia. Li i blocchi stradali delle auto di lusso in terza fila e gli schiamazzi andavano bene..

  2. Bresciain si muove solo quando gli incassi dei locali di piazzale Arnaldo piangono perchè le orde di giovani si spostano al Carmine. E’ il contrappasso per chi ha taciuto sempre di quella Brescia squallida e sbruffona che abbiamo visto per anni impunita sotto il cavallo di Arnaldo da Brescia. Li i blocchi stradali delle auto di lusso in terza fila e gli schiamazzi andavano bene..

  3. ma cosa cavolo dici: bresciain aveva fatto interventi anche su piazza arnaldo…… ed in ogni caso il troppo stroppia! vieni una notte a cercare di dormire o semplicemente cercare di vedere la tv sopra i locali coinvolti, cambierai subito idea!

  4. avevo capito che non circolavano piu’ soldi in italia che i giovani di oggi non hanno e avranno piu la possibilita’ di avere un posto fisso…c’e qualcosa che non quadra!!!

RISPONDI