Aspettando la pioggia Brescia fa i conti con l’estate più arida degli ultimi 66 anni

0

Come dicevano gli 883 è una lunga estate caldissima. Prima una primavera tra le più aride che si ricordi, poi giugno, luglio e agosto con picchi di caldo record e nemmeno una goccia dal cielo. Gli esperti affermano che è l´estate più avara di precipitazioni degli ultimi 66 anni, ovvero il periodo preso in considerazione dall´Osservatorio climatico regionale.

La situazione di laghi e fiumi è evidente, con il Sebino a 36 centimetri dal suo livello minimo, la navigabilità del Garda tenuta sott’occhio, il Chiese e il Mella al di sotto del flusso minimo vitale. Non resta che aspettare un segnale dal cielo.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome