Impianto di Buffalora, i grillini contro Paroli: vedremo quanto vale la parola del sindaco

0

Con una nota il Movimento 5 stelle di Brescia interviene sulla questione dell’impianto per lo smaltimento delle ceneri che A2A vorrebbe realizzare a Buffalora. “Di cosa deve convincere A2A i comitati quando già lo stesso Sindaco Paroli, uno degli azionisti di maggioranza di A2A ha dichiarato che nessun impianto si farà a Buffalora?”, domandano i grillini. E ancora: “Quanto vale la parola del Sindaco Paroli lo vedremo alla fine di questa vicenda, quando l’impianto sarà o non sarà realizzato a Buffalora”.

ECCO IL TESTO DEL COMUNICATO

Facendo seguito al comunicato di questo MoVimento del 14 agosto u.s., nel quale denunciavamo l’ipotesi di realizzazione di un impianto sperimentale per recupero ceneri leggere nel Comune di Brescia, sottoponiamo alla attenzione di codesta redazione l’ennesima anomalia che si sta verificando.

Prendiamo innanzitutto atto delle imbarazzanti dichiarazioni del Sindaco Paroli, il quale da una parte dice di non essere al corrente di questo nuovo impianto a Buffalora benchè il progetto sia depositato in comune da parecchio tempo, dichiara che comunque si tratta di un impianto “giocattolo” a impatto nullo (ma allora perché assoggettabile a Valutazione di Impatto Ambientale?) smentito poi dal Presidente della Commissione Ambiente Francesconi che dichiara che trattandosi di impianto sperimentale non è dato sapere quale sarà l’entità dell’impatto ambientale, e alla fine dichiara che comunque a Buffalora non si farà (ma la procedura è comunque avviata).

Apprendiamo adesso da una mail, che A2A “con riferimento alle notizie emerse nelle scorse settimane in merito al Termoutilizzatore di Brescia e al nuovo impianto sperimentale per il recupero delle ceneri leggere del termoutilizzatore“ invita “Rappresentanti delle Associazioni Ambientaliste, Consumatori e dei Comitati Civici” a “…partecipare ad un incontro tecnico-informativo dedicato a voi che si terrà giovedì 23 agosto alle ore 14,30 al Termoutilizzatore in via Malta 25/R a Brescia”

Fermo restando il diritto per l’azienda A2A di adottare tutti gli strumenti divulgativi utili a raggiungere i propri obiettivi aziendali, che ricordiamolo in qualità di S.p.A. sono prettamente economici e non sociali, ci chiediamo se sia corretto questo rapporto diretto tra l’azienda privata e i comitati di cittadini, se sia corretto che l’azienda A2A intervenga direttamente sui comitati per cercare di arginare il danno prodotto dalla divulgazione di una notizia che doveva approfittare di questa afosa estate per passare inosservata ed essere notata solo a fatti compiuti.

Ancora una volta grande assente è l’Amministrazione comunale, il Sindaco garante della salute dei cittadini, che delega volontariamente (o avviene sua insaputa?… ugualmente grave) l’azienda privata A2A al ruolo di interlocutore unico con i cittadini., che tra l’altro sarà solo “…il primo di una serie di incontri informativi sulle attività e sugli impianti di A2A  con l’obiettivo di instaurare un dialogo diretto con il territorio…”

A2A ha già relazionato al Sindaco di Brescia sull’impianto? Se si perché non è il Sindaco Paroli a venire a riferire ai cittadini? Di cosa deve convincere A2A i comitati quando già lo stesso Sindaco Paroli, uno degli azionisti di maggioranza di A2A ha dichiarato che nessun impianto si farà a Buffalora?

Quanto vale la parola del Sindaco Paroli lo vedremo alla fine di questa vicenda, quando l’impianto sarà o non sarà realizzato a Buffalora.

Ci vediamo in Loggia, sarà un piacere

Comments

comments

LEAVE A REPLY