La Nuova Ac per Brescia torna all’attacco contro Bonomi

0

Con un comunicato il Comitato “Un nuovo A.C per Brescia” ha commentato la pagina acquistata dall’Aci Brescia su tutti i principali giornali odierni, accusando il presidente Aldo Bonomi di aver veicolato informazioni non corrette. Oltre alla forma a pagamento scelta dall’Aci di Brescia che ha lasciato sbigottiti i membri di A.C per Brescia, il Comitato è tornato a puntare il dito contro il modo in cui è stato eletto l’ex presidente Aldo Bonomi, già oggetto di una contesa legale. Venendo ai fatti, A.C per Brescia non ci sta a lasciar cadere la questione Chopard e torna sulla presunta irregolarità dell’accordo tra la gioielleria francese e l’Ente bresciano. E ancora, “ l’A.C. Brescia è sempre stato proprietario della 1000 Miglia e sempre lo sarà, se nessuno cederà i suoi diritti a terzi – si legge nella nota – non potrà mai esistere una 1000 Miglia che non parta e termini a Brescia”. Sulla questione relativa ai compensi gratuiti per i componenti del direttivo, A.C per Brescia specifica che “alcuni di loro ricevono compensi per gli incarichi derivati nelle società controllate, inoltre, l’incarico di amministratore dell’A.C. è per statuto gratuito e non per scelta”. Per concludere l’A.C per Brescia pone una domanda provocatoria all’ex presidente Bonomi: “Come fa a conoscere il contenuto della relazione commissariale, che dovrebbe essere solo nelle mani del Ministro Piero Gnudi, oltre che del Presidente A.C.I. Angelo Sticchi Damiani?”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome