Aeroporto di Montichiari, Legambiente: “In un anno meno 70 per cento dei passeggeri”

0
Bsnews whatsapp

Con una nota Legambiente rende noti i disastrosi dati dell’aeroporto di Montichiari che hanno fatto segnare un -70 per cento di passeggeri tra il luglio del 2011 e oggi. E’ aumentato del 6 per cento, invece, il numero di passeggeri che si sono rivolti allo scalo di Orio al Serio, ma nemmeno questa potrebbe essere una buona notizia.

Di seguito le ragioni contenute nel testo integrale del comunicato di Legambiente:

Continua la crescita inarrestabile dello scalo di Orio al Serio che anche nel mese di luglio chiude con un incremento dei passeggeri 7% e dei voli del 5,8% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Male Malpensa, in piena crisi di ruolo e di strategia -6% e malissimo Montichiari con – 70% dei passeggeri. Lo scalo di Orio è andato ben oltre il numero di voli e di passeggeri autorizzati dal vecchio piano di sviluppo del 2003 oramai superato e da quanto indicato nelle prescrizioni della Valutazione ambientale (VIA). Lo sviluppo incontrollato ha fatto venire tutti i nodi al pettine. Le popolazioni protestano per i gravi danni alla salute che subiscono e per la perdita di valore delle loro abitazioni. Questo modello di sviluppo tumultuoso e caotico senza rispettare le normative vigenti sta creando costi non solo ambientali per l’area bergamasca. Assieme ai benefici economici prodotti dalla presenza di Ryanair ci si dimentica di conteggiare i costi. Ryanair non paga l’Irap, non paga le imposte in Italia nonostante i suoi addetti abbiano residenza e sede di lavoro in Italia. E infine per incentivare la presenza del vettore irlandese ad Orio la Sacbo sborsa circa 8 euro a passeggero in partenza, una trentina di milioni l’anno che si configurano come una pratica anticoncorrenziale ed aiuto di Stato. Prassi questa che aveva un senso solo qualche anno fa per facilitare le operazioni di avvio delle attività della compagnia low cost nello scalo bergamasco. Serve una analisi costi-benefici perchè i cittadini debbono conoscere non solo i vantaggi ma anche gli svantaggi provocati sulla salute, sull’ambiente ed economici. Serve un piano aeroportuale lombardo per aumentare l’efficienza del sistema e minimizzare l’impatto ambientale. In particolare come prima misura vanno trasferiti i voli cargo di Orio a Montichiari vera e propria cattedrale nel deserto, ma con un perimetro aeroportuale a norma ambientale. Inoltre il rilancio dello scalo bresciano eviterebbe di costruire la terza pista di Malpensa dal costo di 300 milioni che prevede un consumo di suolo nel parco del Ticino di 330 ettari.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Se è per questo sto ancora aspettando un rimborso di un volo per Napoli con una compagnia aerea fallita alcuni anni or sono!!!!!!!!!!!!!!

RISPONDI