Brescia. Aria nuova in città: chiude “Fabio Paris”, apre “Link Point”

0

Fondata da Fabio Paris nel maggio 2000, Fabio Paris Art Gallery cessa l’attività per cedere, nel settembre 2012, il posto a un nuovo progetto culturale: il Link Point, spazio multifunzionale del Link Center for the Arts of the Information Age, di cui Fabio Paris è socio fondatore.

Nei suoi dodici anni di intensa attività, Fabio Paris Art Gallery si è distinta a livello nazionale e internazionale per la sua attenzione ai linguaggi della contemporaneità e all’impatto della rivoluzione digitale sull’arte contemporanea, ottenendo anche prestigiosi riconoscimenti come l’Arco Beep Award (Madrid 2009). Riconoscendo la necessità di affiancare, al lavoro pionieristico della galleria, un’attività di formazione e avvicinamento di pubblici più ampi ai linguaggi del contemporaneo, Fabio Paris ha contribuito, nel 2011, alla nascita del Link Art Center, centro che promuove la ricerca artistica con le nuove tecnologie e la riflessione critica sui temi dell’età dell’informazione attraverso l’organizzazione di eventi e l’attività educativa, attivando una fitta rete di collaborazioni a livello locale e internazionale.

Con la chiusura della galleria, Fabio Paris riversa integralmente nel Link Art Center la sua storia, la sua professionalità e la sua attività di consulenza per collezioni pubbliche e private, che è anche una parte importante della mission del Link Art Center. Contestualmente, lo spazio della galleria evolve nel Link Point: uno spazio rinnovato anche fisicamente che costituirà la “base” di un’istituzione che è e rimane nomade, e che servirà, di volta in volta, da project room, spazio per workshop, punto d’incontro, vetrina sui progetti itineranti del Link Art Center.

Il nuovo spazio sarà inaugurato il 29 settembre 2012, in occasione della partecipazione del Link Art Center alla Notte Bianca dell’Arte a Brescia, con un progetto del giovane artista Adam Cruces, americano di stanza a Zurigo.

Comments

comments

LEAVE A REPLY