Brescia ha un triste primato. Sono già 18 le morti bianche del 2012

0

La crisi abbassa il monte ore per i lavoratori, ma le morti bianche non calano, anzi. Nel 2011 furono 22 i lavoratori che persero la vita, nell’anno in corso sono già 18. Un triste primato nazionale. In numerosi controlli annuali dell’Asl (12mila) evidentemente non bastano, così come l’operato di prevenzione e riabilitazione dell’Inail.

Angelo Piovanelli, presidente della sezione provinciale Anmil (Associazione nazionale mutilati invalidi del lavoro) non ha dubbi: “Servono una riforma dell’Isee, una diversa tutela sanitaria, l’abbassamento del grado di invalidità indennizzabile dal 16 all’11 per cento, interventi per l’eliminazione delle barriere. I Comuni devono segnalare le situazioni di pericolo e i medici non devono sottovalutare le patologie derivate dal luogo di occupazione. Anche la scuola deve giocere un ruolo importante in ambito educativo. La sicurezza deve diventare un valore condiviso”. 

Comments

comments

LEAVE A REPLY