Arresti domiciliari per il pirata della strada che ha travolto e ucciso Michela Lupatini

0

Domiciliari per il pirata della strada che lunedì scorso ha investito e ucciso la trentenne Michela Lupatini mentre stava tornando a casa in compagnia della mamma. Il pirata, un 46enne vicino di casa di Michela, è stato arrestato venerdì con l’accusa di omicidio colposo e omissione di soccorso. I domiciliari li trascorrerà a casa di alcuni amici a Rovato.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Mi viene da vomitare nel pensare che uno uccide una ragazza, scappa, lo arrestano ….. e dopo pochi giorni è già agli arresti domicilari !!! Mi viene il vomito …. ma che "giustizia" è questa ?

  2. è roba da pazzi, ma io dico come si fà dopo che sei fuggito per giunta, ad ottenre i domiciliari ?? mi viene da pensare ..ma per questi giudici se gli investono e ammazzano la figlia, la moglie, la morosa e via dicendo che pena darebbero all’ omicida ?????? tanto per sapere e capire se la legge è uguale per tutti ( noi ) o disuguale ( per loro ? ) ………….
    ( oltretutto sottolineo la delicatezza della nostra ingiusta giustizia dove questo si fa i domiciliari accanto ai genitori della sua vittima visyo che è un vicino di casa….., chissà che soddisfazione per i genitori di questa ragazza ! )

  3. Lo sò che sono ripetitiva ma l’unica cosa che possiamo fare via internet è quella di firmare la petizione dell’omicidio stradale, non molliamo proprio adesso !!!!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome