La metro cambierà le tue abitudini di vita? Dillo a Bsnews.it

9

Il 2013 porterà a Brescia anche la metropolitana. Un’opera essenziale per il futuro della Leonessa, che promette di rivoluzionare le abitudini di chi vive – o viene – in città e l’intero sistema della mobilità provinciale. Dal successo della metro dipenderanno molte cose: le prospettive ambientali della città, ma anche l’equilibrio di bilancio di Palazzo Loggia, che su questa scommessa ha investito importanti risorse. Bsnews.it e 12 Mesi, per questo, hanno deciso di lanciare una serie di sondaggi per esplorare cosa pensano i bresciani della metro.

A QUESTO LINK LE DOMANDE DEL SONDAGGIO:

http://www.bsnews.it/sondaggi.php?id=19

Comments

comments

9 COMMENTS

  1. Un’opera gigantesca!!!! Sarebbe come usare la nave Costa Crociere per attraversare il fiume a Ponte Mella!!!! Veramente superflua, inutile. Ma credo sia stata MOLTO UTILE a qualcuno….

  2. Referendum boccia la metro. La metro si fa. Lo sa anche la zia che togliera’ si e no il 5% dal traffico urbano. 5 anni di disagi. 20 anni o più di debiti da pagareda togliendoli alla città(30 ml anno ?). Biglietto carissimo. Probabile deficit annuale di gestione.
    Veramente opera essenziale per il futuro di Brescia…. al solito i politici(dx-sn)contr o….i cittadini. Evvai….!!! una due cento metro !

  3. Con tutti i soldi inutilmente buttati nella metro si facevano tram elettrici per tutta l’estensione urbana e piste ciclabili degne di questo nome avendo un effetto di vero calo del traffico. Ma la politica ha voluto che i sindaci Corsini e Paroli fossero immortalati per le loro grandi opere (vedi il berlusconiano ponte di Messina):
    METRO ed ancor più inutile PARCHEGGIO scavato nella roccia del Cidneo.
    Roba da Pazzi.
    Tutto questo dimostra la mancanza di una vera opposizione.
    Buttiamo con le prossime elezioni le due cricche oligarchiche!

  4. La metro cambierà le mie abitudini quando sarà sufficientemente capillare da ridurre i tempi di trasferimento. Per ora serve la solita linea stra-servita. E concordo in buona parte con gli altri commenti.

  5. La città si era espressa CONTRO LA METRO con il referendum ma le regole dei politici oligarchi con la regola del quorum del 50 % +1 l’hanno ignorata. Ora i cittadini se la tengono e se la pagano volenti o nolenti.
    DEMOCRAZIA DIRETTA CONTRO LE OLIGARCHIE POLITICO-ECONOMICHE.
    –CHIEDIAMO I REFERENDUM SENZA QUORUM –.
    Chi non vuole espremersi perchè non ha opinioni sia escluso come peraltro già avviene nelle votazioni politiche; IN QUESTO MODO IL POTERE DECISIONALE VIENE TOLTO ALLE CRICCHE POLITICO-ECONOMICHE E RITORNA AI CITTADINI.

  6. Beh, sicuramente così bella, comoda, moderna, all’avanguardia…co sì come inutile ed eccessiva.
    Copre una tratta superflua innanzitutto. Se fosse partita dalle Fornaci o Castelmella da una parte, se fosse partita non dico da Castegnato, ma almeno dalla Mandolossa, allora si che avrebbe risolto un sacco di cose. Invece copruna tratta che un buontempone coprirebbe in parte a piedi…figuriamoci in scooter.
    Con quel denaro avrebbero almeno duplicato i tram ed assunto il doppio dei dipendenti. Piste ciclabili REALMENTE ciclabili e magari perchè no…un PARCO che si rispetti, non il Gallo o Campo Marte che sono ridicoli in confronto ad altre città più piccole della nostra.
    Solito magna magna con spesa per tutti e guadagno per pochissimi illustri.

  7. Cambierà le mie abitudini? Ma certamente! Dovrò andare a piedi…. i soldi sono quasi finiti, ma dopo ne serviranno ancora…
    poi ancora… come comprerò le scarpe?. Grazie Palazzo Loggia!

  8. Sillogismo aristotelico: l’addizionale IRPEF comunale è una "tassa di scopo" per finanziare il Metrobus, il Metrobus realizza il sogno di alcuni politici nostrani, l’addizionale IRPEF (i nostri soldi, che scarseggiano…) è servita a finanziare i sogni dei politici nostrani. Gran bel risultato.

LEAVE A REPLY